Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
109143 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Le finestre comuni sulla facciata dell'edificio: profili inerenti la proprietà e la ripartizione delle spese
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Le finestre comuni sulla facciata dell'edificio: profili inerenti la proprietà e la ripartizione delle spese

Nel caso di finestre posizionate sui muri comuni le spese di manutenzione di tali aperture dovranno essere ripartite sulla base dei millesimi di proprietà.

Avv. Alessandro Gallucci  

La particolare conformazione dell’edificio condominiale può far si che in corrispondenza del vano scale comune, sulla parete che funge da muro perimetrale, siano collocate delle finestre il cui scopo è quello di dar luce ed aria a quella parte dell’edificio.

In effetti, a ben vedere, è molto facile trovare delle finestre in corrispondenza delle scale condominiali.

Al riguardo sono due le principali questioni (in realtà esse sono quelle che investono la maggior parte delle cose presenti in un condominio) che si pongono in relazione alle finestre che danno luce ed aria alle scale: la proprietà delle stesse e di conseguenza il criterio di ripartizione delle spese sostenute per interventi conservativi.

Profili proprietari L’art. 1117 c.c. non nomina le finestre tra le cose che, salvo diversa disposizione del titolo, devono considerarsi di proprietà comune. Ciò, tuttavia, non rappresenta un ostacolo.

E’ opinione diffusa in seno alla giurisprudenza che la norma appena citata contenga una elencazione meramente esemplificativa e non tassativa dei beni comuni (Cass. 13 marzo 2009 n. 6175) e che “ il diritto di condominio sulle parti comuni dell'edificio ha il suo fondamento nel fatto che tali parti siano necessarie per l'esistenza ovvero che siano permanentemente destinate all'uso o al godimento comune.

La condominialità può essere superata se la cosa, per obbiettive caratteristiche strutturali, serve in modo esclusivo all'uso o al godimento di una parte dell'immobile, venendo meno in questi casi il presupposto per il riconoscimento di una contitolarità necessaria, giacchè la destinazione particolare del bene vince l'attribuzione legale, alla stessa stregua del titolo contrario (Cass. 14128/2000; 7889/2000)” (così Cass. 28 febbraio 2007 n. 4787).

In questo contesto, quindi, salvo che negli atti d’acquisto non sia specificamente previsto qualcosa, non v’è motivo per dubitare che le finestre, che si aprono sui muri in corrispondenza della tromba delle scale, siano beni di proprietà comune.

La loro funzione, infatti, è quella di dare aria e luce alle parti comuni e quindi, per riprendere le parole dell’ultima sentenza citata, esse sono“ permanentemente destinate all'uso o al godimento comune”.

Ripartizione delle spese

Appurati i profili proprietari è utile domandarsi, come debbano essere ripartite le spese nel caso in cui si rendano necessari degli interventi manutentivi.

Al riguardo la loro posizione potrebbe portare a far pensare che le stesse, fungendo da parte accessoria rispetto alle scale comuni, siano soggette, per ciò che concerne il regime di ripartizione delle spese alle norme dettate in materia di manutenzione e ricostruzione delle scale. Una simile presa di posizione non è condivisibile.

Solitamente le finestre si aprono sui muri perimetrali, i quali affacciandosi sul cortile comune o sulla pubblica via hanno la precipua funzione di delimitare il condominio e di preservarlo dagli agenti atmosferici.

Tali parti, per pacifico insegnamento della giurisprudenza, “ rientrano, per la loro funzione, che riguarda l'edificio nel suo complesso unitario, fra le cose comuni, le spese per la cui conservazione sono assoggettati alla ripartizione in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno, ai sensi della p.p. dell'art. 1123 ("cose necessarie per la conservazione delle parti comuni") e non rientrano, per contro, fra quelle parti suscettibili di destinazione al servizio dei condomini in misura diversa (secondo comma) ovvero al godimento di alcuni condomini e non di altri (terzo comma)” (così Cass. 27 novembre 1990 n. 11423).

In definitiva: poiché le finestre sono posizionate sui muri comuni e poiché ad essi, ai fini della ripartizione delle spese si applica il primo comma dell’art. 1123 c.c. ne consegue che anche le spese di manutenzione di tali aperture, salvo diversa convenzione, dovranno essere ripartite sulla base dei millesimi di proprietà.

Cerca: spese comuni finestre

Commenta la notizia, interagisci...
PieroCanzi
PieroCanzi venerdì 14 giugno 2019 alle ore 21:05

Buonasera,
abito in un condominio che ha recentemente deliberato la sostituzione dei vetri delle dieci scale che lo compongono.
Secondo una corrente di pensiero la spesa totale dovrebbe essere ripartita fra tutti i proprietari in funzione dei millesimi di proprietà; un’altra teorizza l’individuazione dei costi delle singole scale (diverse per numero di piani) e in questi singoli ambiti la ripartizione per millesimi di proprietà.
Chiedo per cortesia di volermi indicare se la seconda ipotesi ha qualche validità, mentre per la prima ho già trovato i riferimenti sul sito.
Grazie a chi vorrà cortesemente farmi conoscere il suo parere.
Piero Canzi - MI

    in evidenza

Dello stesso argomento