Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
105516 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Il contratto di comodato gratuito dev'essere registrato?
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Il contratto di comodato gratuito dev'essere registrato?

Il contratto di comodato di immobili è soggetto a registrazione a termine fisso.

Avv. Alessandro Gallucci  

Mio padre ha deciso di cedermi in comodato gratuito l'abitazione che si trova al piano superiore alla sua: mi sono recato presso il comune per fissare la residenza e mi hanno detto che il contratto di comodato gratuito dev'essere registrato.

Che voi sappiate è vero?

Questa la domanda che è giunta alla nostra redazione e che, alla pari del titolo dell'articolo, è spesso foriera di discussioni nel nostro forum.

Che cos'è la registrazione?

La registrazione presso l'agenzia delle entrate è l'atto attraverso il quale il contribuente consente la sottoposizione dell'atto giuridico all'imposta di registro; la normativa che disciplina l'imposta di registro e quindi la registrazione è il Decreto del Presidente della Repubblica n. 131 del 1986 contenente il testo unico delle disposizioni concernenti l'imposta di registro (d'ora in poi anche d.p.r. n. 131/86 p più semplicemente d.p.r.).

Quali sono gli atti che devono essere registrati e qual è la misura dell'imposta applicabile?

Ai sensi dell'art. 1 del d.p.r. n. 131/86

L'imposta di registro si applica, nella misura indicata nella tariffa allegata al presente testo unico, agli atti soggetti a registrazione e a quelli volontariamente presentati per la registrazione.

In buona sostanza o è la legge ad imporre la registrazione oppure sono le parti a poterla scegliere (pagando l'imposta prevista).

Perché è utile sottoporre a registrazione un atto?

Ai sensi dell'art. 19, primo comma, del d.p.r.:

La registrazione, eseguita ai sensi dell'art. 16, attesta l'esistenza degli atti ed attribuisce ad essi data certa di fronte ai terzi a norma dell'art. 2704 del codice civile.

Insomma registrare un atto può essere utile anche quando ciò non è obbligatorio perché la registrazione conferisce a quell'atto data certa.

Torniamo alle ipotesi di registrazione obbligatoria, rispetto ad esse la legge prevede due ipotesi:

a) registrazione in termine fisso:

b) registrazione in caso d'uso.

Si parla di termine fisso quando l'atto dev'essere registrato per il solo fatto di essere sorto; classico esempio di registrazione in termine fisso è quella del contratto di locazione di unità immobiliari.

Ai sensi dell'art. 6, primo comma, d.p.r. n. 131/86 “si ha caso d'uso quando un atto si deposita, per essere acquisito agli atti, presso le cancellerie giudiziarie nell'esplicazione di attività amministrative o presso le amministrazioni dello Stato o degli enti pubblici territoriali e i rispettivi organi di controllo, salvo che il deposito avvenga ai fini dell'adempimento di un'obbligazione delle suddette amministrazioni, enti o organi ovvero sia obbligatorio per legge o regolamento”.

Secondo la dottrina il deposito in cancelleria di un atto nell'ambito di un'azione giudiziaria non comporta l'obbligo di registrazione, trattandosi di esercizio di un'attività giurisdizionale e non di attività amministrativa.

=> Ed il contratto comodato gratuito?

Esso è soggetto a registrazione in termine fisso, in caso d'uso oppure dev'essere considerato esente dalla registrazione e quindi dall'imposta?

Ai sensi dell'art. 5, quarto comma, Tariffa Parte Prima allegata al d.p.r. n. 131/86, il contratto di comodato di immobili è soggetto a registrazione a termine fisso.

La registrazione dev'essere eseguita entro venti giorni dalla sottoscrizione del contratto che diventano sessanta se l'atto è formato all'estero (cfr. art. 13 d.p.r. n. 131/86) ed il costo dell'imposta di registro è pari ad € 200,00 (cfr. art. 5, quarto comma, Tariffa Parte Prima allegata al d.p.r. n. 131/86).

=> Contratto di comodato, casi pratici di locazione, oneroso e modale

Cerca: registrazione comodato dpr

Commenta la notizia, interagisci...
Lorelaxad
Lorelaxad martedì 15 settembre 2015 alle ore 22:46

Dev'essere registrato anche se è una sola stanza in appartamento dove si abita?

Giuseppe
Giuseppe mercoledì 05 agosto 2015 alle ore 13:27

Mi associo alla domanda di Lorelaxad in quanto mi trovo nella medesima situazione.
Vedo che il comma 4 dell'art. 1350 c.c. prevede l'obbligo di forma scritta per "i contratti che costituiscono ... il diritto di uso su beni immobili e il diritto di abitazione" ... per "diritto di uso su beni immobili e il diritto di abitazione" s'intende anche il comodato d'uso gratuito?!
Francamente questa richiesta dei comuni mi sembra solo un escamotage dettato dall'Agenzia Entrate per obbligare la gente a pagare i costi di registrazione di un contratto... possibili che non sono libero di ospitare una persona in casa mia, con stati di famiglia diversi (per non far perdere il gratuito patrocinio di cui attualmente fruisce in delle azioni legali già avviate), senza doverne rendere conto pagando esorbitanti costi di registrazione di un comodato tacito?!?!

Giuseppe
Giuseppe mercoledì 09 settembre 2015 alle ore 16:00

Credo di aver rintracciato le norme a cui si riferiscono i comuni:

http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:decreto-legge:2014-03-28;47

dove l'art. 5 dice che:

"Lotta all'occupazione abusiva di immobili

1. Chiunque occupa abusivamente un immobile senza titolo non puo'
chiedere la residenza ne' l'allacciamento a pubblici servizi in
relazione all'immobile medesimo e gli atti emessi in violazione di
tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge. "

il suddetto DL 47/2014 è stato poi convertito nella L 23/05/2014 n° 80 :

http://www.altalex.com/documents/leggi/2014/05/28/emergenza-abitativa-e-expo-2015-legge-di-conversione-del-d-l-n-47-14

Giuseppe
Giuseppe mercoledì 05 agosto 2015 alle ore 16:03

ma per quanto riguarda la richiesta di residenza permane quanto inizialmente previsto dal DL 47/2014 cioè:

"Chiunque occupa abusivamente un immobile senza titolo non puo' chiedere la residenza"

che da questo ne discenda:

1) l'obbligo di forma scritta del comodato d'uso gratuito
2) il conseguente obbligo di registrazione del comodato in forma scritta

secondo me ce ne corre...

Il titolo per non occupare abusivamente l'immobile è dato dal comodato in forma verbale, posso dire al Comune che non c'è obbligo di presentare il contratto di comodato registrato per chiedere la residenza?
Al limite gli posso firmare una dichiarazione di atto notorio ex art. 47 del DPR 445/2000 dove si conferma che c'è in atto questo comodato?

    in evidenza

Dello stesso argomento