Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
110320 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Chi paga le spese condominiali se la casa è pignorata?
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Chi paga le spese condominiali se la casa è pignorata?

Casa pignorata e spese condominiali, chi paga?

Avv. Alessandro Gallucci  

È luogo comune sentire dire che è inutile agire contro un condomino perché non ha nulla; un condomino quanto meno è proprietario dell'unità immobiliare, altrimenti non lo si potrebbe considerare tale.

Certo, a fronte di un debito di poche centinaia di euro è assurdo (perché molto costoso) provvedere al pignoramento della casa.

Se, però, il condominio è creditore di qualche migliaio di euro, la situazione è diversa ed il pignoramento immobiliare non appare più un'ipotesi remota.

Che cos'è esattamente il pignoramento?

L'art. 492 c.c. specifica che "il pignoramento consiste in una ingiunzione che l'ufficiale giudiziario fa al debitore di astenersi da qualunque atto diretto a sottrarre alla garanzia del credito esattamente indicato i beni che si assoggettano alla espropriazione e i frutti di essi".

Il pignoramento immobiliare riguarda l'azione volta ad ottenere la soddisfazione del credito mediante l'espropriazione del bene (ovvero del diritto di proprietà o del diritto reale di godimento che sia pignorabile) e, come specifica l'art. 555 del codice di procedura civile, si "esegue mediante notificazione al debitore e successiva trascrizione di un atto nel quale gli si indicano esattamente, con gli estremi richiesti dal codice civile per l'individuazione dell'immobile ipotecato, i beni e i diritti immobiliari che si intendono sottoporre a esecuzione, e gli si fa l'ingiunzione prevista nell'articolo 492".

Nel caso del pignoramento immobiliare, di solito, il debitore pignorato è nominato custode dei beni senza diritto ad alcun compenso.

Il pignoramento, quindi, è l'atto con cui l'ufficiale giudiziario intima al debitore di non sottrarre (vendere, donare, ecc.) dei beni immobili alla garanzia del credito, ma non è atto traslativo della propria.

Al momento del cambio di proprietà si arriva al termine del processo esecutivo allorquando si sia riusciti a vendere il bene.

Pignoramento, proprietà e obbligazioni propter rem

D'altra parte, come ricorda la giurisprudenza, "le obbligazioni dei condomini di concorrere nelle spese per la conservazione delle parti comuni si considerano obbligazioni propter rem, perché nascono come conseguenza della contitolarità del diritto sulle cose, sugli impianti e sui servizi comuni.

Alle spese per la conservazione per le parti comuni i condomini sono obbligati in virtù del diritto (di comproprietà) sulle parti comuni accessori ai piani o alle porzioni di piano in proprietà esclusiva.

Pertanto, queste obbligazioni seguono il diritto e si trasferiscono per effetto della sua trasmissione" (Cass. 18 aprile 2003 n. 6323).

Casa pignorata, salvo casi particolare le spese continuano ad essere poste in capo al proprietario

Finché non avverrà il trasferimento della proprietà, pertanto, il condomino pignorato dev'essere considerato a tutti gli effetti il proprietario dell'immobile. Egli, infatti, con l'intimazione (pignoramento) fattagli dall'ufficiale giudiziario non può sottrarre il bene alla garanzia del credito per il quale si procede, ma continua a mantenere la piena disponibilità e la proprietà della casa pignorata.

Nel frattempo, quindi, il condomino pignorato continua ad essere il proprietario dell'unità immobiliare ubicata nel condominio.

Ne consegue che spetta sempre a lui dover provvedere al pagamento delle quote condominiali.

E se, com'è probabile, il condomino moroso e pignorato continuerà a non pagare?

A quel punto bisognerà provvedere ad una nuova ingiunzione di pagamento e, se de caso, ad un'insinuazione nella procedura esecutiva già iniziata o nell'apertura di una nuova.

Durante la procedura esecutiva è ben possibile che il condomino non paghi nulla: in tal caso è consigliabile per l'assemblea provvedere a deliberare un fondo straordinario per far fronte ad eventuali carenze di liquidità.

Chiaramente chi ha acquistato all'asta, al pari di chi ha comprato direttamente dal condomino, sarà obbligato per i debiti maturati nell'anno precedente ed in quello nel corso del quale è avvenuta la vendita.

Nulla di più, però: la procedura esecutiva immobiliare ha, come si suol dire, effetto purgativo. La vendita all'asta libera l'immobile da tutte le trascrizioni pregiudizievoli e fa sì che l'aggiudicatario non abbia vincoli di solidarietà verso i creditori del debitore pignorato.

Diversa la questione delle spese condominiali di cui all'art. 63 disp. att. c.c. per le quali permane, in ragione di tale norma, un vincolo di solidarietà.

Casa pignorata e se il custode non è il debitore?

"Il custode dei beni pignorati è investito della titolarità di un ufficio al quale la legge attribuisce la funzione di conservare e amministrare i beni, fine per il quale può esercitare le situazioni soggettive di cui sono titolari i debitori in relazione al bene pignorato, assumendo la qualità di parte" (Cass. Civ. n. 4468 del 2 marzo 2005).

Il principio di diritto così espresso lascerebbe intendere che spetti alla persona del custode, gravando i relativi costi sulla procedura, provvedere al pagamento quanto meno degli oneri condominiali straordinari aventi ad oggetto la conservazione delle parti comuni dell'edificio in cui è ubicata l'unità immobiliare oggetto di procedura esecutiva immobiliare.

Tale attività non è autonoma, ma dev'essere posta in esecuzione previa autorizzazione del giudice dell'esecuzione.

=> Casa pignorata. L'amministratore di condominio a chi deve chiedere il pagamento degli oneri?

Cerca: pignoramento spese

Commenta la notizia, interagisci...
Laura
Laura giovedì 04 febbraio 2016 alle ore 15:39

Buongiorno,
siamo in 7 condomini e abbiamo decreto ingiuntivo e iscritto ipoteca per un condomino moroso che attualmente ha un debito di 7.000 euro. Non ha beni mobili intestati e nemmeno lavoro da dipendente quindi l'unica via sarebbe il pignoramento immobiliare per riuscire a mandarlo via (estremamente maleducato e non curante delle regole condominiali). L'amministratore dice che verrà a costare circa 10.000/11.000 euro e che chi vorrà potrà non partecipare alle spese. Per esempio parteciperemo in 4 e divideremo quella spesa che comunque recupereremo anche se dovesse esserci un creditore maggiore (non recupereremo quindi il debito condominiale). Vorrei sapere se è tutto corretto o se in realtà va a maggioranza la scelta di procedere. Inoltre se fosse corretta la "ripartizione" delle spese di pignoramento dove posso trovare questa legge?
Grazi mille

Francesco
Francesco domenica 14 aprile 2019 alle ore 17:23

legge di cacca!!! Se la casa è pignorata e ne diventa proprietario la banca ad esempio perchè non è stato pagato il mutuo, la banca stessa dovrebbe sopperire tutte le spese condominiale del condomino che ,col pignoramento, continuerà a non pagare visto che non avrà nient altro da perdere. E se per esempio in un condominio di 6 immobili 4 di essi sono pignorati, dove stà la legge giusta che i due restanti pagano per tutti? Ripeto è una legge di caz......

    in evidenza

Dello stesso argomento


In calo il numero delle compravendite immobiliari

In calo il numero delle compravendite immobiliari. Che il 2012 fosse stato un anno particolarmente difficile lo si era compreso già a margine delle prime impressioni degli scorsi mesi di gennaio e di febbraio.