Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
114213 utenti
Registrati
chiudi
Inviaci un quesito

Uso viale condominiale per scarico merce

Deve ritenersi lecito l'uso del viale condominiale per scarico merce?
Avv. Alessandro Gallucci Avv. Alessandro Gallucci 

Il viale condominiale può essere utilizzato da ciascuno dei condòmini ovvero dai loro conduttori per il carico e scarico di merce.

L'affermazione trova la propria ragion d'essere nelle norme che disciplinano l'uso delle cose comuni.

Si badi: il fatto che possa essere utilizzato non significa che il condòmino o un conduttore abbiano il diritto assoluto alla utilizzazione del viale condominiale per scarico merce.

Ciò sta a significare che esistono anche delle eccezioni che possono portare anche dei divieti; se sorgono contrasti sulla legittimità delle medesime, allora a decidere è l'Autorità Giudiziaria.

Perché s'abbia questo diritto, quando e come possano essere stabilite delle eccezioni sono gli argomenti dei quali ci occuperemo qui di seguito e che daranno forza e sostegno alle affermazioni fin qui date.

Lo scarico della merce attraverso il viale condominiale può essere concesso anche a terzi, ma in tal caso ci dovrebbe essere necessariamente una deliberativa autorizzativa, configurandosi il permesso, ad esempio, quale atto di concessione in comodato.

Uso delle cose comuni

Tutti i condòmini e per loro i conduttori che godono dell'appartamento e degli accessori hanno diritto di usare le cose comuni nel modo più opportuno al miglior godimento delle unità immobiliari di riferimento.

Il principio è sancito dal primo comma dell'art. 1102 del codice civile, dettato in materia di comunione, ma applicabile al condominio in ragione di quanto stabilito dall'art. 1139 c.c.

Quali sono i limiti e le condizioni d'uso delle parti comuni da parte dei singoli?

La norma citata anche in ragione della lettura fattane dalla giurisprudenza, ci dice che ogni condòmino può esercitare il proprio diritto purché:

  • non leda l'altrui pari diritto di fare uso delle parti comuni;
  • non modifichi la destinazione del bene;
  • non crei pericolo alla sicurezza, alla stabilità ed al decoro dell'edificio.

Diritto d'uso delle cose comuni e servitù, come distinguerle?

Un'annotazione: pari uso non vuol dire uso identico e contemporaneo.

Come più volte affermato dalla Cassazione, infatti, «il pari uso della cosa comune non postula necessariamente il contemporaneo uso della cosa da parte di tutti i partecipanti alla comunione, che resta affidata alla concreta regolamentazione per ragioni di coesistenza; che la nozione di pari uso del bene comune non è da intendersi nel senso di uso necessariamente identico e contemporaneo, fruito cioè da tutti i condomini nell'unità di tempo e di spazio, perché se si richiedesse il concorso simultaneo di tali circostanze si avrebbe la conseguenza della impossibilità per ogni condomino di usare la cosa comune tutte le volte che questa fosse insufficiente a tal fine» (così, tra le tante, Cass. 16 giugno 2005 n. 12873).

Ecco perché in linea di principio deve ritenersi lecito l'uso del viale condominiale per scarico merce.

Di più: in assenza di particolari disposizioni del regolamento condominiale, l'uso è libero e non soggetto a comunicazioni o autorizzazioni.

Disciplina dell'uso delle cose comuni

In quanto di tutti, le parti comuni dell'edificio sono beni soggetti alla regolamentazione da parte dell'assemblea.

Per espressa previsione dell'art. 1138 c.c. - dedicato al regolamento, ma il cui contenuto è riferibile anche alle delibere in generale - l'assemblea ha il potere di disciplinare l'uso delle parti comuni.

Disciplinare l'uso vuol dire garantire il diritto di tutti, sia in relazione alla normale modalità d'utilizzazione, cioè quella funzionale e strumentale alla quale è destinato (es. il viale per accedere al condominio), sia in relazione ad eventuali usi particolari.

Solo in quest'ottica è ipotizzabile che l'assemblea stabilisca un particolare divieto d'uso. Le ridotte dimensioni di una strada interna al complesso immobiliare, ad esempio, possono portare a specificare che lì è vietato sostare.

Esclusivamente un regolamento condominiale di origine contrattuale può contenere un divieto d'uso slegato da ragioni fattuali specificamente individuate.

Viale condominiale e scarico merce

Data questa situazione, è evidente allora, perché il condòmino o il conduttore possano usare il viale condominiale per scarico merce. Del pari è chiaro quando ed in che modo tale modalità d'utilizzazione possa essere disciplinata ovvero vietata, oppure si può individuare la zona utilizzabile (da tutti) per tale operazione.

Si pensi alle ipotesi che lo scarico merce avvenga in una zona che in determinati orari della giornata è utilizzata intensamente per l'uscita o l'entrata nel condominio; in tal caso è da ritenersi lecito, per chi scrive, il deliberato assembleare che, considerate tutte le esigenze, disciplini gli orari di uso per lo scarico, ovvero contrariamente lo vieti in determinati orari.

Le delibere che stabiliscono limiti e divieti d'uso illegittimi devono considerarsi insanabilmente nulle e come tali impugnabili in qualunque tempo davanti all'Autorità Giudiziaria, previo esperimento del tentativo obbligatorio di mediazione, così come previsto e stabilito dal combinato disposto degli artt. 71-quater disp. att. c.c. e 5, comma 1-bis, d.lgs n. 28/2010.

Commenta la notizia, interagisci...
Mariano
Mariano 22-02-2021 00:43:47

Il condominio nel quale abito ha un cancello d’ingresso x auto e di un cancelletto pedonale ambedue ad apertura manuale per l’accesso al cortile condominiale. Dal cortile si accede al portone d’ingresso e sul fondo del cortile a un box di proprietà esclusiva di un solo condomino.
Il proprietario del box, appena io entro con l’auto per scaricare la spesa settimanale (entro solo il sabato), scende subito dal suo alloggio e dice che deve uscire con la propria auto dal garage, (purtroppo il cortile non è largo abbastanza da permettere il passaggio di due auto) appena gli dico di attendere pochi minuti che devo scaricare/depositare la spesa alimentare al mio alloggio posto al terzo piano senza ascensore e poi vado via, inizia con le minacce e cerca la lite. Tra arrivo, scarico merci e ripartenza meno di dieci minuti.
Faccio presente che da oltre trenta anni non ho mai avuto problemi nello scarico delle merci, neanche negli ultimi dieci, ovvero da quando il proprietario dell’attuale box è venuto ad abitare nello stesso condominio, dato che di recente la maggioranza dei condomini ha bocciato una sua richiesta, il condomino proprietario del box si è messo a fare il (omissis).
Esiste per caso qualche tipo di usucapione per l’argomento trattato.
Può permettersi di riprendere con il telefonino tutto il tempo che impiego per l’operazione di scarico merci.
Cortesemente vi sono dei tempi previsti da qualche articolo di legge con cui posso tutelarmi e non incorrere in un’eventuale denuncia.

Ringrazio anticipatamente della vostra gentile collaborazione.
Mariano

rispondi
Mariano
Mariano 23-02-2021 21:27:16

Buonasera Avv.Gallucci e grazie del consiglio,i fatti stanno come sopra descritti è solo una ripicca bella è buona, come quei bambini che non ottenendo cio che chiedono fanno tanti capricci.Cordiali saluti
Mariano

rispondi
Antonio
Antonio 30-03-2021 14:27:17

Nel viale del mio condominio, vi è l'ingresso secondario di un negozio, che diverse volte alla settimana scarica merci, impedendo a volte anche il transito pedonale (in quanto il viale è molto stretto). Voglio precisare che il negozio in questione, ha uno spazio di proprietà sua, proprio davanti all'ingresso principale, nel quale nessuno può parcheggiare, se non i clienti del negozio. Vorrei sapere se c'è un modo di impedire al proprietario di scaricare i camion nel viale, utilizzando il proprio spazio per scaricare e portando la merce all'interno con un muletto eventualmente. Grazie

rispondi
Annulla

  1. in evidenza

Dello stesso argomento


Ripartizione spese per la colonna di scarico

La riparazione di una colonna di scarico porta con sé alcune valutazioni che l'amministratore di condominio deve effettuare. Chi partecipa alla spesa? Come ripartire il corso dell'intervento?