Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
116815 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Rendiconto per cassa o per competenza?
Inviaci un quesito

Rendiconto per cassa o per competenza?

Come funziona il metodo della competenza è perchè è preferibile?

Avv. Alessandro Gallucci  

L'amministratore di condominio, ai sensi dell'art. 1130 n. 10 c.c., è tenuto a «redigere il rendiconto condominiale annuale della gestione e convocare l'assemblea per la relativa approvazione entro centottanta giorni» dalla chiusura dell'anno di gestione.

Si tratta di una normale specificamente dettata in relazione al mandato condominiale che fa venire meno il principio generale dettato in relazione a quel contratto, secondo il quale il mandatario rende il conto della propria gestione.

L'amministratore redige il rendiconto annuale, ossia il resoconto di quella che è la gestione nel corso di un anno, al di là del fatto che egli sia stato amministratore per tutto quel periodo.

Il contenuto del rendiconto condominiale è disciplinato dall'art. 1130-bis del codice civile. Su di esso di soffermeremo più avanti, adesso è utile comprendere a quale principio contabile far riferimento quando si redige il conto corrente della gestione condominiale.

A contendersi il campo, nel dibattito dottrinario-giurisprudenziale, che non è giunto ancora ad una soluzione condivisa, sono i così detti principi di cassa e di competenza.

Di che cosa si tratta?

Principio di cassa

Osservando il principio di cassa nella redazione del rendiconto, l'amministratore sarà tenuto indicare nel rendiconto esclusivamente le spese e le entrate effettivamente verificatesi in un dato periodo di tempo.

Esempio: il rendiconto annuale di gestione riguarda il periodo compreso tra l'1 gennaio ed il 31 dicembre 2018. In quel periodo sono stati effettuati versamenti da parte dei condòmini in favore del condominio per € 10.000,00 e sono state erogate spese per € 9.500,00.

Secondo il principio di cassa nel rendiconto andranno riportate solamente queste entrate e queste uscite. In effetti, come vedremo dopo, nel rendiconto deve essere presente un registro di contabilità (si badi, non il registro di cui all'art. 1130 n. 6 c.c., perché la legge non rimanda espressamente ad esso).

Utilizzando esclusivamente il principio di cassa, la fotografia che verrà fuori è quella di ciò che è stato effettivamente speso ed incassato, non quella di ciò che complessivamente riguarda quell'anno di gestione, ossia somme da incassarsi riferibili a quel periodo e spese scadute ma non ancora affrontate, sempre riferite a quella data.

Resta una domanda: se Tizio effettua il pagamento riferito alla mensilità di dicembre il 10 gennaio, di quelle somme dove si darà conto? Nel preventivo della gestione successiva?

Principio di competenza

Il principio di competenza, invece, fa riferimento ad ogni movimento economico che s'è verificato o che comunque interessa quello specifico anno di gestione.

In questo modo l'amministratore è tenuto a registrare nel rendiconto i pagamenti ricevuti e le spese effettivamente sostenute nell'anno di riferimento, ma anche a dare conto di quanto nel medesimo periodo si sarebbe dovuto incassare e spendere.

Se una spesa inerente alla manutenzione dell'autoclave a servizio del fabbricato non è stata erogata a dicembre, ma si riferisce ed è stata fatturata per un intervento eseguito in quella data, allora l'amministratore, facendo ricorso al principio di competenza, deve inserire quella spesa nel rendiconto, esponendo che la stessa non è stata ancora erogata.

Del pari egli inserirà nel rendiconto non solamente i versamenti effettivamente eseguiti dai condòmini, ma anche la differenza tra quanto versato e quanto dovuto, in modo da fare emergere eventuali debiti verso i condominio, ovvero crediti dei condòmini verso la medesima compagine.

Resta sempre una domanda: e se un condòmino effettua il pagamento riferito alla mensilità di dicembre il 10 gennaio, di quelle somme dove si darà conto? Nel preventivo della gestione successiva?

Principio di cassa o di competenza secondo la giurisprudenza

Quando la giurisprudenza si è espressa sull'uso dell'uno piuttosto che dell'altro criterio ha propeso per il criterio di cassa.

In una sentenza - che ha destato più di qualche perplessità tra i commentatori - è stato affermato che «il bilancio, o meglio, il conto consuntivo della gestione condominiale non deve essere strutturato in base al principio della competenza, bensì a quello di cassa; l'inserimento della spesa va pertanto annotato in base alla data dell'effettivo pagamento, così come l'inserimento dell'entrata va annotato in base alla data dell'effettiva corresponsione.

La mancata applicazione del criterio di cassa (Cass. 10153/11), contrariamente a quanto affermato dal convenuto, è idonea ad inficiare sotto il profilo della chiarezza, dalla quale non si può prescindere, il bilancio.

In particolare, non rendendo intelligibili e riscontrabili le voci di entrata e di spesa e le quote spettanti a ciascun condomino, non si evidenzia la reale situazione contabile» (così Trib. Roma 2 ottobre 2017).

Rendiconto condominiale: criterio di cassa, di competenza o misto?

Principi per la redazione del conto corrente condominiale

Ricordiamo che ai sensi dell'art. 1130-bis c.c., il rendiconto condominiale si compone:

- registro di contabilità;

- di un riepilogo finanziario;

- di una nota sintetica esplicativa della gestione con l'indicazione anche dei rapporti in corso e delle questioni pendenti.

S'è vero, com'è vero, che il rendiconto non è soggetto alle rigide regole di redazione cui sono assoggettati i bilanci societari, è altrettanto vero che lo stesso debba essere tenuto in modo che sia idoneo a rendere intellegibile ai condòmini le voci di entrata e di uscita, con le quote di ripartizione (Cass. 25 maggio 1984 n. 3231).

È evidente, allora, che il principio di competenza sia preferibile, guardando complessivamente al rendiconto e non solo al registro di contabilità, quest'ultimo sì da redarsi osservando il principio di cassa.

Con un aggiunta doverosa, secondo lo scrivente. I pagamenti dei condòmini effettuati in ritardo, ovvero dopo la chiusura dell'anno di gestione e prima della presentazione del rendiconto all'assemblea, dovranno essere menzionati nel riepilogo finanziario, poiché è vietato al creditore che riceve un pagamento non imputarlo secondo le indicazioni date dal debitore, a maggior ragione se si tratta di debito scaduto.

=> Sistema di rendicontazione per cassa o per competenza. Considerazioni sulla scelta corretta.

Invalida la delibera assembleare che dispone l'approvazione di un rendiconto senza la cura delle formalità preliminari

Cerca: rendiconto cassa o competenza

Commenta la notizia, interagisci...
Alfredo Bucalossi
Alfredo Bucalossi 23-02-2019 12:28:19

nel caso di chi paga il 10 gennaio 2020 una spesa relativa al 10 dicembre 2019 sarà sufficiente iscriverla come " risconto passivo" a fine bilancio 2020" da sottrarre al saldo consuntivo 2020 in quanto non pertinente al bilancio di quell'anno
in tal modo l'entrata del 10/01 viene " annullata " con il risconto e si è redatto esattamente il bilancio per cassa 2020 del condomino che in tal modo vede che quanto pagato non è attribuito al bilancio 2020 e corretto il suo saldo

rispondi
Vito46
Vito46 21-04-2020 15:36:52

Perché una rata pagata oltre il periodo di gestione non può essere inserita nelle entrate e una fattura pagata oltre il periodo di gestione può essere contabilizzata nelle uscite del relativo rendiconto?
Tutti e due i movimenti devono subire lo stesso trattamento, per criterio di cassa onde evitare confusione contabile consentendo duplici registrazioni.

rispondi
Vito46
Vito46 02-05-2020 18:06:54

Adottando il principio per cassa non possono verificarsi doppie registrazioni di fatture in quanto farà testo la data del pagamento.
Le spese non pagate nel periodo di gestione dovranno essere inserite nelle passività della situazione patrimoniale.
Nelle attività, oltre all'esistenza di cassa a fine gestione, dovranno essere inseriti quegli assegni che non sono stati portati all'incasso nel periodo di gestione.
In questo modo il controllo della gestione risulta facilitato.
Per confrontare le spese effettuate con le spese preventivate è sufficiente documentarle sinsieme ul rendiconto consuntivo.
In questo modo viene a cadere la giustificazione della necessità del principio per competenza ( invocato da più parti interessate a creare solo confusione contabile) onde permettere ai condòmini una rapida e trasparente verifica.

rispondi
Vito46
Vito46 20-07-2020 16:09:11

Per le fatture non pagate nel periodo di gestione c'è a disposizione dell'amministratore la sezione Passività della Situazione patrimoniale, ammesso che sappia redigerla altrimenti non si capisce a cosa serve.
Per evidenziare gli scostamenti tra preventivo e consuntivo è sufficiente affiancare i due elenchi, con tutte le voci di spesa preventivate e non, sulla prima pagina del rendiconto consuntivo.

rispondi
Annulla

    in evidenza

Dello stesso argomento