Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
107993 utenti
Registrati
chiudi
Inviaci un quesito

I motivi di opposizione a decreto ingiuntivo su compensi dell'amministratore condominiale

Il mandatario condominiale deve soddisfare l'onere probatorio inerente l'entità e concreta natura dell'attività in relazione alla quale ha chiesto la liquidazione dei crediti
Avv. Anna Nicola Avv. Anna Nicola 

Si deducono queste affermazioni nella sentenza del Tribunale di Lecce n. 2812 pubblicata in data 11 ottobre 2022.

Vediamo prima i fatti che reggono la causa e poi gli argomenti in punta di diritto.

Compensi dell'amministratore e motivi di opposizione a decreto ingiuntivo: la vicenda

L'avvocato sig, X presenta opposizione all'ingiunzione per cui ha avuto la declaratoria di condanna al pagamento compensi amministratore, asseritamente dovuti, per l'attività di amministrazione di condominio dal marzo 2009 al settembre 2018 e di quota di pochi mancati corrispettivi per consumi idrici.

L'avvocato opponente porta, alla base dell'illegittimità della pretesa creditoria azionata in sede monitoria, la propria carenza di legittimazione passiva, poiché la domanda andava rivolta al condominio mentre i dichiarati debiti dei consumi idrici dovevano essere richiesti solo dall'amministratore subentrato all'opposto; eccepisce l'intervenuta prescrizione annuale ed, in subordine quinquennale del credito, nonché la nullità della nomina del professionista, siccome sprovvista dell'indicazione del compenso, evidenziando altresì che l'opposto non avesse mai tenuto idonea contabilità e che era stato porta sottoposto all'assemblea condominiale un rendiconto; contestava l'omesso deposito nonostante la richiesta di integrazione documentale formulata dall'ufficio, di documentazione idonea a suffragare il credito vantato, in sede monitoria; si duole dell'esosità del compenso specificato come dovuto, avendo l'amministratore, in ipotesi di rinnovo della carica, prospettato un determinato compenso.

Al termine di quanto qui indicato, chiede la revoca del decreto ingiuntivo ed il rigetto della richiesta di pagamento.

L'amministratore opposto dichiara di aver sempre, in costanza dell'incarico, provveduto a convocare le assemblee, cui anche l'opponente aveva partecipato; sottolinea che l'attività svolta fosse documentata nell'istanza presenta al Tribunale, cui doveva scriversi la propria nomina su richiesta di alcuni condomini, tesa a sanare la consistente morosità maturata rispetto ai corrispettivi della fornitura idrica; deduce che il recupero delle somme in danno dell'opponente risultasse, ammissibile ex art. 1131 c.c. nei limiti della quota sul medesimo gravante, attesa l'estinzione dell'obbligazione da parte degli altri condomini; dichiara di aver sempre documentato l'entità delle somme versate alla Società idrica nel corso della propria gestione, in occasione del passaggio di consegne al nuovo amministratore; evidenzia che il decorso della prescrizione è non quinquennale bensì decennale essendo riferita ad un'ipotesi di mandato, reiteratamente interrotto con comunicazioni a mezzo pec; specifica la concludenza della documentazione contabile depositata segnalando che mai, nel corso del decennio interessato dalla propria amministrazione, l'opponente avesse contestato le modalità di espletamento dell'ufficio.

La causa viene dal Giudice portata in decisione, dopo aver emesso provvedimento di rigetto ex art. 648 c.p.c. della domanda di provvisoria esecuzione dell'ingiunzione.

I principi evidenziati dal Tribunale: la determinazione del compenso

in primis viene evidenziato puntualmente dal Giudice che "la determinazione del compenso dell'amministratore nominato dal Tribunale è regolata dall'articolo 1709 del Cc, secondo cui ove le parti non abbiano stabilito la misura, lo stesso è stabilito in base alle tariffe o agli usi o, in mancanza, dal giudice" (cfr. Cass. Civ. n. 11717/21).

Impossibile prescrizione dei crediti

Entrando quindi nel merito della vicenda, il Tribunale osserva in tema di eccezione di prescrizione, che la pretesa in contestazione sia soggetta al termine decennale, siccome inerente prestazioni ricollegabili al contratto di mandato.

Ricorda che la Suprema Corte ha puntualizzato che non sono qualificabili quali obbligazioni periodiche né il credito per somme di denaro anticipate nell'interesse del Condominio né il compenso per l' attività di amministratore, rimarcando, in ordine a tale ultimo profilo, che la cessazione legale dell'incarico determini la necessità di corrispondere a quest'ultimo la retribuzione, cosicché il relativo obbligo deve essere adempiuto non già periodicamente, ma al compimento della prestazione posta a carico dell'amministratore, ovvero al decorso annuale dell'incarico (Cfr. Cass. Civ. sent. n. 19348/05).

A corroborare questa affermazione, specifica che la notazione e l'avvenuta iscrizione a ruolo nel procedimento monitorio nel 2019 evidenzia l'impossibilità di questa prescrizione, essendo i compensi riferibili alle attività svolte con decorrenza dall'aprile 2009. Pertanto esigibili quanto al primo anno, dall'aprile 2010 per cui la tesi regge al termine decennale della prescrizione.

Invalidità della nomina a amministratore per mancata indicazione specifica del compenso

Coglie, invece, nel segno, seppur parzialmente, la contestazione svolta dall'opponente ex art. 1129 c.c.: a seguito della riforma introdotta con la l.220/12, l' art. 1129 comma 14, prescrive che l'amministratore, all'atto dell'accettazione della nomina e del suo rinnovo, debba specificare analiticamente, a pena di nullità della nomina stessa, l'importo dovuto a titolo di compenso per l'attività svolta; il profilo di invalidità scaturente dalla mancata predeterminazione del compenso, è quindi una nullità "testuale", poiché è stabilita dalla legge (cfr. Cass. Civ. sent. n. 12927/22).

Sulla base di questo principio, la stessa richiesta di liquidazione inoltrata al Tribunale nel 2017 attesta la già provata mancanza di predeterminazione contrattuale del compenso e la conseguente nullità del rapporto di mandato, per cui le competenze maturate con riferimento agli anni ricompresi tra il 2013 - anno di entrata in vigore della riforma condominiale - ed il 2018 non risultano esigibili.

In relazione alle annualità comprese tra il 2009 ed il 2012, in assenza di convenzione tra l'amministratore ed il condominio, la consistenza delle spettanze dell'opposto dovrebbe essere determinata dall'Ufficio: osta però a questa operazione specifica, la valutazione del fatto che l'amministratore non abbia provveduto al deposito in giudizio della documentazione attestante la propria complessiva gestione, quali, a titolo esemplificativo, comunicazioni, convocazioni di assemblea, relativi verbali, rendiconti; egli, in particolare, si è limitato a depositare alcune missive, l'elenco di atti consegnato al nuovo amministratore, nonché l'elenco unilateralmente predisposto delle comunicazioni ai condomini allegato all'istanza di liquidazione inoltrata al Tribunale, evidentemente inidonei allo scopo.

La conclusione è che non può dirsi che il mandatario condominiale avesse soddisfatto l'onere probatorio inerente l'entità e concreta natura dell'attività in relazione alla quale ha chiesto la liquidazione.

Peraltro, non aveva depositato copia quietanzata della fattura condominiale dell'acqua di cui al pagamento richiesto all'opponente - fattura soltanto indicata nell'elenco rimesso al nuovo amministratore - e neppure vi era stato il deposito del rendiconto in cui la medesima risultava contemplata, per cui neppure l'esborso effettuato in esecuzione del mandato risulta in via documentale in atti.

Conclusioni

Da tutto ciò consegue la pronuncia di revoca dell'ingiunzione e la relativa domanda deve essere rigettata con conseguente condanna alle spese di giudizio.

Sentenza
Scarica Trib. Lecce 11 ottobre 2022 n. 2812

Commenta la notizia, interagisci...
Annulla

  1. in evidenza

Dello stesso argomento