Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
108826 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Denuncia di danno temuto. Che cos'è? Chi è il soggetto legittimato a proporla. La legittimazione attiva e passiva dell'amministratore di condominio
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Denuncia di danno temuto. Che cos'è? Chi è il soggetto legittimato a proporla. La legittimazione attiva e passiva dell'amministratore di condominio

Denuncia di danno temuto: che cos'è chi può presentare la domanda giudiziale?

Avv. Alessandro Gallucci  

Si sente spesso parlare della possibilità di proporre un'azione per denuncia di danno temuto.

È utile comprendere a che cosa s'intende fare riferimento quando si utilizza questa locuzione, quali possono essere gli effetti di quest'azione e in che modo essa interessa il condominio.

In effetti non è raro che l'amministratore proponga azione per denuncia di danno temuto ovvero che il condominio si veda recapitare un ricorso del genere quale parte convenuta.

Spiegheremo in fine, o almeno proveremo a farlo, perché l'azione per denuncia di danno temuto può in molto circostanze paralizzare la possibilità di agire con la così detta azione ex art. 700 c.p.c.

Denuncia di danno temuto, la nozione

Recita l'art. 1172 c.c. (Denunzia di danno temuto):

"Il proprietario, il titolare di altro diritto reale di godimento o il possessore, il quale ha ragione di temere che da qualsiasi edificio, albero o altra cosa sovrasti pericolo di un danno grave e prossimo alla cosa che forma l'oggetto del suo diritto o del suo possesso, può denunziare il fatto all'autorità giudiziaria e ottenere, secondo le circostanze, che si provveda per ovviare al pericolo.

=> Denuncia nuova opera e danno temuto

L'autorità giudiziaria, qualora ne sia il caso, dispone idonea garanzia per i danni eventuali".

La norma, rubricata per l'appunto denuncia di danno temuto, rappresenta una di quelle azioni poste a tutela della proprietà ed azionabile, dal proprietario o dal possessore, nel qual caso una determinata situazione minacci pericolo di danno per la sua cosa.

Non v'è motivo di dubitare che la norma trovi applicazione anche in relazione al condominio negli edifici. Può accadere, infatti, che dall'edificio vicino o da stesse parti di proprietà esclusiva derivi un pericolo per le parti comuni.

Denuncia di danno temuto, chi ed in che modo può proporre l'azione?

Al riguardo è opportuno chiedersi:

a) chi è legittimato ad agire?

b) quale procedimento dovrà essere seguito?

c) qual è il provvedimento ottenibile?

Si tratta di quesiti che trovano una risposta certa nell'ambito delle norme dettate dal codice civile e dal codice di procedura civile.

Partendo dal primo quesito va detto che la legittimazione ad agire spetta certamente all'amministratore di condominio, il quale, trae i propri poteri non dall'autorizzazione dell'assemblea, ma dall'art. 1130, primo comma, n. 4 c.c. che gli attribuisce il potere/dovere di "compiere gli atti conservativi delle parti comuni dell'edificio".

In tal senso si è pronunciata anche la giurisprudenza della Suprema Corte di Cassazione secondo la quale "in tema di condominio di edifici la norma del comma 4 dell'art. 1130 c.c. va intesa nel senso che l'amministratore, oltre a chiedere i provvedimenti cautelari, è abilitato anche a compiere tutti gli atti diretti alla conservazione della integrità delle cose comuni, con la conseguenza che il medesimo può esercitare, senza la preventiva autorizzazione dell'assemblea dei condomini […]" l'azione di danno temuto (cfr. Cass. 19 gennaio 1985 n. 152).

Un esempio, su un caso specifico, chiarirà quanto detto a livello generale.

Si pensi a quei casi in cui dal balcone di un appartamento minacci il distacco di pezzi di intonaco che possono così cadere nel cortile comune.

Si tratta di una situazione di pericolo che proviene da una parte di proprietà esclusiva sulla quale l'amministratore, salvo particolari disposizioni del regolamento di condominio, non ha particolari poteri.

In questi casi il legale rappresentante dei condomini potrà agire, d'ufficio e per le vie giudiziali, contro il singolo condomino per ottenere la rimozione del pericolo.

Un'isolata pronuncia del Tribunale di Salerno ritiene possibile anche il contrario, ossia che possa essere il singolo condomino ad agire contro il condominio per pericoli provenienti dalle parti comuni e che rischiano crear danno sulla sua proprietà.

=> Rovina di edifici e responsabilità dei proprietari

Facendo leva su un'asserita soggettività giuridica del condominio il Tribunale campano giunge ad affermare "che i beni condominiali, pur restando beni comuni a tutti i condomini, sono soggetti ad un potere di gestione di pertinenza esclusiva dell'ente condomino, il quale ne diviene per l'effetto lato sensu titolare unico e autonomo dai singoli condomini" (Trib. Salerno 27 gennaio 2005).

Nell'azione che vede il condominio parte convenuta, trattandosi di giudizio latu sensu afferente alla conservazione delle cose comuni, sempre ai sensi dell'art. 1130 n. 4 c.c. l'amministratore gode di autonoma legittimazione passiva, ovvero della capacità di stare in giudizio senza preventiva autorizzazione assembleare.

Il procedimento è disciplinato dagli artt. 688 e ss. c.c.

Si tratta di un procedimento cautelare (cui non è obbligatorio debba seguire un contenzioso ordinario, si veda art. 669-octies cod. proc. civ.) al termine del quale il giudice emette ordinanza contenente gli opportuni provvedimenti.

Proprio in relazione alla denuncia di danno temuto, il codice di procedura civile art. 669-octies, sesto comma, specifica che iniziata ottenuto il provvedimento cautelare non è necessario passare all'azione di merito, così come stabilito in generale per i ricorsi in sede cautelare.

Denuncia di danno temuto e azione ex art. 700 c.p.c.

L'azione cautelare d'urgenza, il così detto ricorso ex art. 700 c.p.c. ha una caratteristica: vi si può fare ricorso solamente se esistono altre azioni esperibili: in ragione di ciò si dice che ha carattere residuale.

Proprio per questa ragione, se per un particolare caso di propone ricorso ai sensi dell'art. 700 c.p.c. mentre si sarebbe dovuta proporre azione per denuncia di danno temuto, quel ricorso potrebbe essere dichiarato inammissibile (Trib. Bari 27 settembre 2012).

Infiltrazioni in condominio e denuncia di danno temuto: presupposti e utilità dell'azione

Cerca: danno comuni temuto

Commenta la notizia, interagisci...
Giorgio Rovelli
Giorgio Rovelli martedì 04 agosto 2020 alle ore 22:05

"Proprio in relazione alla denuncia di danno temuto, il codice di procedura civile art. 669-octies , sesto comma, specifica che iniziata ottenuto il provvedimento cautelare non è necessario passare all'azione di merito, così come stabilito in generale per i ricorsi in sede cautelare."
Cos'è l'azione di merito?

    in evidenza

Dello stesso argomento