Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
110272 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
L'occupazione dello spazio comune di manovra determina il risarcimento del danno a favore del condominio
Problema condominiale? Inviaci un quesito

L'occupazione dello spazio comune di manovra determina il risarcimento del danno a favore del condominio

I millesimi e la planimetria allegata all'atto di compravendita rispetto alla piantina contenuta nel regolamento sono prevalenti per determinare l'effettiva estensione dell'area.

Avv. Maurizio Tarantino 

La vicenda. Il Condominio conveniva in giudizio Tizio e Caio (comproprietari pro indiviso dell'unita abitativa al piano primo con annessi cantina al piano primo sottostrada, contraddistinta dall'interno 2, e posto auto al piano terreno, contraddistinto dal n. 4 - a confine con posto auto n. 5, posto auto H e spazio di manovra), per far accertare la minor consistenza del suddetto posto auto rispetto allo spazio da loro di fatto abusivamente occupato e farli, quindi, condannare, in solido, al rilascio - siccome spazio comune di manovra - della porzione eccedente le dimensioni, secondo diritto, del posto medesimo, nonché al pagamento di un'indennità d'occupazione commisurata al valore locativo di detta porzione.

Costituendosi in giudizio, i convenuti hanno resistito alle avverse domande, assumendo di occupare esattamente il posto auto loro spettante come da atto di acquisto e regolamento condominiale.

=> Pessimo parcheggio in condominio. È configurabile il reato di violenza privata?

=> Installazione dissuasori di parcheggio su posto auto in condominio

Il ragionamento del Tribunale. A seguito dell'istruttoria di causa, era emersa chiaramente l'occupazione abusiva di uno spazio comune. Invero, non v'era dubbio circa l'estensione di fatto di quello che i convenuti pretendevano essere il posto auto da loro illotempore acquistato e che attualmente occupano: nella corrispondente porzione immobiliare oggetto (come l'appartamento e la cantina) dell'atto di compravendita, esattamente individuata in base alla descrizione obiettiva (con le cc.dd. "coerenze") e alle indicazioni topografico - catastali contenute e nell'atto medesimo e nella planimetria allegata, le estensioni dei posti auto in lunghezza dell'uno e dell'altro posto erano uguali; cioè, delle stesse dimensioni degli altri parcheggi.

Però, la rappresentazione grafica del posto auto allegata al regolamento di condominio era invece doppia.In proposito, secondo il Tribunale, le piante planimetriche, alle quali i contraenti fanno riferimento per la descrizione dell'immobile oggetto di compravendita, se allegate al contratto d'acquisto, sono indispensabili per ricostruire la reale volontà delle parti in caso di non coincidenza tra la descrizione dell'immobile e la raffigurazione grafica in planimetria.

Al giudice di merito, poi, toccherà ricostruire l'effettiva volontà dei contraenti in base all'esame del contratto, comprese le rappresentazioni grafiche allegate (cfr. Cass., 21 dicembre 2016, n. 26609).

 Continua [...]

Per continuare a leggere la notizia gratuitamente clicca qui...

Sentenza inedita
Scarica Tribunale Roma, 9 maggio 2019, n. 9714

Cerca: posto auto regolamento

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento