Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
110538 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Odori intollerabili in casa. Il condomino risarcisce la puzza e non può cucinare fino a quando non assicura il ricambio dell'aria
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Odori intollerabili in casa. Il condomino risarcisce la puzza e non può cucinare fino a quando non assicura il ricambio dell'aria

Danno da puzza a carico del condomino che non assicura il cambio dell'aria

Avv. Maurizio Tarantino  

Un ambiente abitativo, inquinato da cc.dd. molestie olfattive e/o addirittura da esalazioni di sostanza inalanti tossiche, è da considerare insalubre anche laddove non si siano sviluppate lesioni clinicamente accertabili ovvero malattie in senso tecnico scientifico

=> Se un kebab può essere oggetto di una bega condominiale

La vicenda. Tizio e Caia (proprietari di diverse porzioni immobiliari dell'edificio in Roma) lamentavano che i coniugi Sempronio e Mevia, comproprietari della porzione al piano primo, dello stesso fabbricato, avevano fatto installare, nella loro proprietà un impianto di cucina a gas per uso domestico alimentato, non già da rete di distribuzione, ma da singolo bidone di GPL (senza scarico esterno dei prodotti di combustione, in mancanza di apposita cappa) da cui provenivano, nelle ore più diverse del giorno e notte, immissioni di odori, gas e fumi, che si propagavano dentro l'androne e, quindi, per le scale, fino agli appartamenti al secondo e terzo piano, «rendendo l'aria irrespirabile e l'ambiente maleodorante, ben oltre ogni normale tollerabilità», e, così, provocando agli attori medesimi danni sia al diritto di libero e pieno godimento della loro proprietà sia alla salute sia direttamente economici (a causa della risoluzione del contratto locativo di una delle due unità).

Per tali motivi, gli attori avevano chiesto di accertare l'illecito inquinamento ambientale e la condanna di entrambi i convenuti sia a rimuovere l'impianto a gas e sigillare le due aperture che si affacciano sulla scala sia a risarcire i danni anche non patrimoniali cagionati.

=> Ecco cosa accade quando non si mette a posto la fossa settica

Il ragionamento del Tribunale. Nella fattispecie, per rendere il funzionamento di detto impianto non inquinante, la Consulente, tuttavia, aveva ravvisato la necessità di interventi, oltre che, naturalmente, nella proprietà esclusiva dei convenuti, anche nelle parti comuni: da un lato, accesso all'edificio prima rampa di scale, corridoio/ballatoio, chiostrina.

Pertanto, l'accertamento dell'illiceità delle immissioni, da un lato, e dell'impraticabilità, dall'altro, di rimedi idonei all'abbattimento delle stesse che possano interessare la sola proprietà dei convenuti responsabili, legittimava la pronunzia, in accoglimento della domanda, "di un'inibitoria radicale d'uso di qualsiasi impianto di cottura, nell'unità immobiliare, fino a quando i proprietari di quest'ultima non realizzavano, a loro cura e spese (e con il consenso ed, eventualmente, anche la partecipazione dei proprietari di altri spazi e strutture interessati), le opere indicate dalla Consulente del Tribunale".

 Continua [...]

Per continuare a leggere la notizia gratuitamente clicca qui...

Sentenza inedita
Scarica Tribunale Roma, 31 luglio 2019 n. 15818

Cerca: puzza di cucinato in condominio

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento