Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
109688 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Albo amministratori di condominio. Esiste?
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Albo amministratori di condominio. Esiste?

Albo amministratori di condominio. Sfatiamo un mito

Avv. Alessandro Gallucci 

Sovente nel nostro forum ci viene chiesto se esiste un albo degli amministratori di condominio o se è obbligatorio per intraprendere questa attività essere iscritti ad un'associazione.

Domande forse banali, per chi è abituato ad avere a che fare con la materia condominiale; c'è però una vasta platea di persone che con questa disciplina ha poco a che fare e quindi si pone giustamente degli interrogativi che meritano di essere fugati.

Partiamo dal quesito che abbiamo posto nel titolo.

L'attività di amministratore condominiale non rientra nel novero delle così dette professioni ordinistiche, ossia delle professioni il cui esercizio è soggetto a determinate condizioni, tra le quali quella dell'iscrizioni agli ordini o collegi.

Amministratori-Commercialisti. Regole specifiche per gli iscritti all'Albo

In questo contesto, l'albo altro non rappresenta che l'elenco degli iscritti in un particolare ordine o collegio provinciale.

L'ordine degli avvocati di Milano ha il proprio albo, così come il collegio dei geometri di Firenze, l'ordine degli architetti di Roma, ecc. ecc.

Chi assume incarichi di amministratore condominiale, invece, deve possedere determinati requisiti previsti dalla legge (art. 71-bis disp. att. c.c.), ma non v'è obbligo di iscrizione ad alcun albo.

Amministratore scelto tra i conduttori; quali requisiti?

Quella di amministratori di condominio è considerata una professione non regolamentata, come tale soggetta alla disciplina generale di cui alla legge n. 4 del 2013.

Di conseguenza quando si legge di albi degli amministratori, non si deve prestare molta importanza a quella dicitura: essa è utilizzata in maniera piuttosto enfatica – per non dire fuorviante – quasi a dare l'idea di un accostamento tra le professioni ordinistiche e quella di amministratore, ma per i motivi che abbiamo appena spiegato così non è.

Allo stesso modo non è obbligatorio iscriversi ad alcuna associazione di categoria. In tal senso è chiarissimo l'art. 2, primo comma, l. n. 4/2013, il quale chiarisce coloro che esercitano una professione non regolamentata in ordini o collegi “possono costituire associazioni a carattere professionale di natura privatistica, fondate su base volontaria, senza alcun vincolo di rappresentanza esclusiva, con il fine di valorizzare le competenze degli associati e garantire il rispetto delle regole deontologiche, agevolando la scelta e la tutela degli utenti nel rispetto delle regole sulla concorrenza”.

Si tratta di associazioni volontarie, che non rappresentano in alcun modo un qualcosa di nemmeno lontanamente simile a ciò che rappresenta un organo o un collegio, il cui scopo è precipuamente quello di valorizzare le competenze di chi vi partecipa, garantendo che gli stessi partecipanti rispettino le regole deontologiche accettate al momento dell'iscrizione.

Sebbene sia utile associarsi anche ai fini indicati dalla legge è sempre bene ricordare che ciò non è obbligatorio. Di conseguenza, almeno a parere di chi scrive, è meglio diffidare da chi presenta l'iscrizione all'associazione di turno come obbligatoria per l'esercizio dell'attività di amministratore condominiale.

Unici requisiti – ribadiamo – sono quelli previsti dall'art. 71-bis disp. att. c.c. che tra l'altro prevede anche specifiche eccezioni.

Potrebbe interessarti anche:
=> Il nostro amministratore si aggiorna, è in regola oppure no?

=> Cosa succede se l'amministratore non frequenta il corso di 15 ore annuali?

Cerca: albo amministratori di condominio

Commenta la notizia, interagisci...
LUIGI
LUIGI martedì 05 aprile 2016 alle ore 19:42

infatti, la barzelletta che sovente circola è: ma lei è iscritto all'albo degli amministratori?
e allora stare a spiegare che io non son iscritto a nessun albo degli amministratori perché non esiste. come non sono iscritto, ma associato, a nessuna associazione, ovvero sindacato di categoria degli amministratori!
mentre devo stare a spiegare che come ragioniere sono invece iscritto all'albo dei cdl e sono pure professionista accreditato, abilitato, presso l'agenzia delle entrate e quindi posso inviare direttamente il 770 senza appoggiarmi ad altro professionista, faccio ed invio 730 direttamente senza caf, come pure l'unico ecc.ecc.. ma poi hanno capito? giornali e tv si prestano molto a fare confusione, invece di chiarire le idee al "popolino".......

Biagio
Biagio giovedì 07 aprile 2016 alle ore 08:44

Buo giorno, nessuno può infliggere sanzioni disciplinari per comportamenti anomali si dovranno spendere un po di quattrini per vie legali e non sempre si ha il ritorno, da augurarsi che le sentenze diano ragione ai deboli.

Antonio
Antonio martedì 20 novembre 2018 alle ore 11:21

Buongiorno, mi ritrovo con una perdita Nell appartamento amministrato da un amministratore esterno che non mi risponde al cellulare. Come posso comportarmi?

Monica
Monica domenica 02 dicembre 2018 alle ore 08:27

buongiorno, mi trovo nelle stesse condizioni del Sig.Antonio. L'amministratrice manda, dopo i miei numerosi solleciti di intervento,una mail con scritto:"per ogni richiesta al di fuori della gestione ordinaria come informazioni, documenti o chiarimenti che comportino disperdio di tempo verrà addebitata al condominio una somma di 80€ oltre alle spese di copia e spedizione". Mi domando se questo sia lecito. Vorrei sapere se esiste un modo per denunciarla per inadempienza. Mi trovo totalmente impotente di fronte ad una "persona" che se ne frega totalmente del mio bene che amministra e per cui è retribuita. grazie

Alessandro
Alessandro lunedì 07 gennaio 2019 alle ore 12:15

queste regole sono ancor oggi cosi???

    in evidenza

Dello stesso argomento