Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
120707 utenti
Registrati
chiudi
Inviaci un quesito

Come verificare se l'amministratore ha svolto un corso iniziale e si aggiorna periodicamente

Il nostro amministratore si aggiorna, è in regola oppure no? Come facciamo a saperlo?
Avv. Alessandro Gallucci Avv. Alessandro Gallucci 

Formazione iniziale e periodica dell'amministratore di condominio, ovvero una delle più grosse incognite che il mondo del condominio ha vissuto, vive e, chissà per quanto, vivrà.

Motivo?

Esiste un combinato di norme, di rango legislativo e regolamentare che sebbene debba, nell'intenzione del Legislatore, tutelare i condòmini, in realtà finisce per non tutelare nemmeno quei professionisti che, a suon di quattrini, investono annualmente sulla loro formazione e quindi professionalità.

Ad oggi, infatti, resta a ancora un grosso punto interrogativo alla domanda posta col titolo di questo approfondimento: come verificare se l'amministratore ha svolto un corso iniziale e si aggiorna periodicamente?

Formazioni periodica amministratori e crediti formativi professionali, facciamo chiarezza

Inutile nascondersi dietro un dito; dopo l'approvazione della legge n. 220/2012 e ancor di più a far data dall'entrata in vigore del decreto ministeriale n. 140/2014, in tanti, tantissimi, hanno visto in quelle due attività - formazione iniziale ed aggiornamento per gli amministratori condominiali - un'opportunità di guadagno tant'è che sono sorte come funghi qua e là per l'Italia associazioni di amministratori condominiali e centri di formazione dedicati, spesso vere e proprie imprese sotto mentite spoglie.

Intendiamoci, non abbiamo intenzione di fare la morale a nessuno: chi intende intraprendere un'attività economica è sempre da lodare se lo fa secondo le regole.

Il problema, poi, non è solo questo: come non basta tirar su un'insegna per essere un fornaio, allo stesso modo non è sufficiente darsi una sigla per dire di poter essere formatore di amministratori di condominio.

Non lo è secondo buon senso e non lo è nemmeno per la legge italiana; riguardo agli amministratori condominiali il problema sta nei controlli.

Competenza e capacità di formare, ossia di trasferire competenza, non s'improvvisano.

Formazione, il sistema delineato dal decreto ministeriale n. 140/2014

Il decreto ministeriale n. 140/2014 - Regolamento recante la determinazione dei criteri e delle modalità per la formazione degli amministratori di condominio nonché dei corsi di formazione per gli amministratori condominiali - entrato in vigore l'8 ottobre 2014 ci dice quali siano i requisiti dei corsi e chi debba sovraintenderli.

Il Ministero della Giustizia ha emanato l'atto in ragione di quanto disposto dal così detto decreto "Destinazione Italia" il quale specificò che spettasse a quel dicastero disciplinare "i requisiti necessari per esercitare l'attività di formazione degli amministratori di condominio nonché i criteri, i contenuti e le modalità di svolgimento dei corsi della formazione iniziale e periodica prevista dall'articolo 71-bis, primo comma, lettera g), delle disposizioni per l'attuazione del Codice civile, per come modificato dalla legge 11 dicembre 2012, n. 220" (art.1, nono comma lett. a), d.l. n. 145/2013).

Scadenza formazione iniziale amministratore condominiale

Sebbene non siamo mai stati patiti dell'intervento statale nell'attività economica, all'epoca di quel provvedimento non si poteva non auspicare che quel decreto ponesse un freno minimo (ahinoi in realtà è stato molto piccolo, forse inesistente) alle incursioni nel mondo della formazione degli amministratori, i cui avventurieri travestiti da formatori promettevano e ancora promettono l'abilitazione (lampo!) all'esercizio della professione di amministratore.

C'è un souvenir a Napoli: una scatoletta con scritto "Aria di Napoli". L'aspettativa di una parte degli addetti ai lavori era che il decreto ministeriale n. 140/2014 evitasse che si potesse fare: secondo voi è avvenuto? Oggi, ci pare, in alcuni casi si vende l'aria di Napoli "DOP".

Decreto ministeriale n. 140/2014, l'impresa della verifica dei requisiti

Ma passiamo oltre, andiamo dalla storia e le speranze all'attualità: il decreto ministeriale è stato pubblicato e ha stabilito qualcosa.

Il corso deve avere un responsabile scientifico e dei formatori: i formatori sono certificati dal responsabile scientifico che è scelto dall'organizzatore.

Chi possa essere l'organizzatore il decreto non lo dice: quindi chiunque può organizzare i corsi. Chi possa essere responsabile scientifico, il decreto non lo dice, o meglio lo dice, ma lascia all'organizzatore alla coscienza dell'organizzatore di sceglierlo preparato.

Sulla base di queste poche norme, così scarnamente sintetizzate, si è deciso di regolare la formazione iniziale e periodica degli amministratori condominiali.

Si badi: come evidenzia l'art. 71-bis disp. att. c.c., che a quanti hanno svolto attività di amministrazione di condominio per almeno un anno, nell'arco dei tre anni precedenti alla data di entrata in vigore della riforma del condominio, è consentito lo svolgimento dell'attività di amministratore anche in mancanza dei requisiti del diploma e del corso di formazione iniziale.

A conti fatti: chi è stato amministratore per almeno un anno dal 18 giugno 2010 al 18 giugno 2013 (la prova è il verbale di nomina) non avrà problemi riguardo al corso di formazione iniziale, dovendosi però aggiornare.

Chi non ha questo requisito e per colmarlo ha seguito un corso dopo l'approvazione della nuova legge e fino all'entrata in vigore del decreto? Beh rischia di trovarsi con un pezzo di carta straccia in mano e di dover rifare tutto con ulteriore esborso di denaro.

L'amministratore può farsi pagare il corso di aggiornamento?

Controllo della formazione iniziale e periodica dell'amministratore

E qui arriviamo al punto.

Tizio decide di organizzare un corso di aggiornamento o formazione iniziale per amministratori di condominio e nomina Caio, santone mistico in condominialismo, responsabile scientifico del corso.

Il fortunato vincitore, così assurto a novello peripatetico, si circonda di seguaci - visto l'appellativo è il caso di dire seguaci - che assumono la funzione di formatori.

L'organizzatore garantisce la competenza del responsabile scientifico che garantisce quella dei formatori. Il tutto senza nessun tipo di visto, verifica, controllo successivo. Insomma: tutto rimesso a chi organizza.

E se un condòmino volesse sapere se l'amministratore è in possesso dei requisiti di formazione iniziale e/o aggiornamento?

Ricordiamo che sebbene all'apparenza l'assenza di questi requisiti non faccia decadere automaticamente l'incarico (in quanto ciò non è espressamente previsto dalla legge), la mancanza dei suddetti requisiti è comunque causa d'invalidità della deliberazione di nomina con conseguente possibile azione per la sua invalidazione oltre che per il risarcimento dei danni verso il sedicente amministratore.

Ad oggi dobbiamo dire: se l'amministratore non è iscritto a nessuna associazione ecco che tale verifica non può che passare dalla sua collaborazione.

Si badi: dato il contenuto della legge n. 4/2013 (riguardante l'esercizio delle professioni non regolamentate) è ad oggi è doveroso che le associazioni di categoria forniscano con la massima trasparenza tutte le informazioni necessarie a consentire all'utenza una veloce e semplice verifica della sussistenza dei requisiti per poter amministrare.

Ciò, nonostante si sia adombrato il dubbio che non lo si debba fare per tutelare la privacy dell'amministratore. Come dire: per tutelare il medico evitiamo che l'ordine professionale possa dirci se è iscritto all'albo: benvenuta creatività intepretativa.

Aggiornamento amministratori condominio, ad oggi nessuna deroga

Cerca: formazione iniziale amministratori

Commenta la notizia, interagisci...
Leale
Leale 06-11-2016 20:35:52

Buona sera, essere amm.ri significa anche rispettare le regole, le sentenze, le norme,i patti,ecc... e non fare orecchie da mercante come alcuni fanno.Ai suddetti corsi dovrebbero insegnare casi pratici, dal passaggio di consegne di tutta la documentazione alla trasparenza fino ad arrivare di essere imparziali. E poi i corsi on line ! E alla creazione di un albo per eventuali provvedimenti disciplinari.

rispondi
Forse Fuori Legge?
Forse Fuori Legge? 20-12-2018 13:19:14

Come faccio a sapere se la mia amministratrice è ancora idonea a svolgere i suoi compiti oppure no? Vedo un disinteressate per le cose importanti io lavoro per lei e per fortuna....ma ad esempio le buste paghe me le porta quando vuole e il contratto che ho firmato ( che erano minimo 15 PG) nn me lo ha mai dato..ma solo una sintesi di due pagine...ora nn sò come deve agire nn sò se c'è un massimo di età x amministrare un condominio.
Nn ho idea se i conti, le ferie e tutto ciò che mi spetta sia giusto ed infine nn capisco se lei ha ancora il mandato x amministrare il condominio...nn capisco proprio..

rispondi
Valentino
Valentino 09-06-2021 10:01:31

Si, ok, tutto chiaro ma, se io amministro 20 condomini, quante volte devo fare il corso, 20 volte o basta una sola volta ed è valida formazione per tutti?
Come fatturo detta spesa, 20 volte con 20 fatture o in quota?

rispondi
CANNAO ALBERTO
CANNAO ALBERTO 17-06-2021 14:07:13

@Valentino
"Come fatturo detta spesa, 20 volte con 20 fatture o in quota?"
"E se i condòmini all'unanimità (cioè tutti i condòmini non solo tutti i condòmini presenti) decidessero di sopportare quel costo? Potrebbero farlo? Certamente, ma quella decisione vedrebbe l'assemblea quale mero luogo di assunzione di una decisione che andrebbe considerato alla stregua di un accollo di un costo in capo ai singoli pro-quota e non al condominio."
Fonte:
https://www.condominioweb.com/farsi-pagare-dai-consomini-il-corso-di-aggiornamento.14531

rispondi
Andrea Puddu
Andrea Puddu 17-06-2021 14:03:48

Ma, scusate un attimo: se quest articolo è stato pubblicato oggi 17 giugno 2021, come fanno ad esserci commenti di 5 anni fa?

rispondi
Toni45
Toni45 17-06-2021 14:34:25

Appunto. Per non parlare del fatto che tutti gli interventi denotano una forte mia conoscenza del problema.Ed alcuni sono scritti in una sorta di italiano a dir poco pedestre. Dal punto di vista grammaticale, lessicale e della sintassi. L'articolo dell'avvocato Gallucci chiarisce quello che avviene per la formazione improvvisata di un gran numero di amministratori. I quali vengono per così dire "preparati" da sedicenti responsabili scientifici e formatori (che forse non hanno mai amministrato in vita loro). Quello della verifica da parte dei condòmimi è un problema che difficilmente si potrà risolvere. Quindi, per moltissimi amministrati italiani, non rimane che incrociare le dita.

rispondi
Toni45
Toni45 17-06-2021 14:36:16

...forte
misconoscenza..

rispondi
Cavaliere
Cavaliere 17-06-2021 16:21:11

Direi che l’articolo è scritto in… “condominiese”: lascia più dubbi di quanti ne voglia risolvere.
A quanto è dato sapere, l’aggiornamento è dovuto anche per i dipendenti dello Studio, se è una Società, che amministra il Condominio (art. 71-bis delle disposizioni di attuazione del c.c).
Tempo fa ho chiesto, con raccomandata via fax, all’amministratore del condominio nel quale abito - «di prendere visione dell’attestato con il quale il responsabile scientifico dell’ente formatore, ha riconosciuto il superamento dell’esame obbligatorio di fine «corso di aggiornamento per amministratore di condominio» per l’anno …, rilasciato all’amministratore dello Studio […] e ai componenti del medesimo obbligati a tale adempimento (D. M. n. 140/2014)» - NESSUNA RISPOSTA, SEBBENE SOLLECITATO IN SEGUITO. Che fare?

rispondi
Toni45
Toni45 17-06-2021 16:59:18

Valutare se non sia il caso di cambiare amministratore (se se tratta di lui...).

rispondi
Gagman
Gagman 17-06-2021 17:17:08

Che fine fanno gli atti compiuti dall'amministratore che non ha dimostrato all'assemblea di aver svolto la formazione professionale durante il mandato della sua carica ? Il compenso è dovuto lo stesso ?

rispondi
Toni45
Toni45 17-06-2021 17:30:30

Vedere se non sia il caso di cambiarlo. Dovete valutare voi condòmini.

rispondi
Biagio
Biagio 17-06-2021 17:40:33

Fino a quando non ci saranno regole rigide senza spendere tempo per convocare l'assemblea e denaro e soprattutto se non sì è uniti, non si andrà da nessuna parte. Inoltre bisognerebbe cambiare le procedure.

rispondi
Annulla

  1. in evidenza

Dello stesso argomento