Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
109854 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Il registro degli animali d'affezione: un nuovo documento in possesso dell'amministratore di condominio?
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Il registro degli animali d'affezione: un nuovo documento in possesso dell'amministratore di condominio?

Presentato alla Camera il disegno di legge sul codice degli animali d'affezione

Avv. Maurizio Tarantino  

Animali in condominio. Come sappiamo la legge di riforma 212/2012 ha fornito un'apertura verso quei condomini che vogliono tenere gli animali in appartamento.

Difatti l'ultimo comma dell'art. 1138 c.c. prevede che "le norme del regolamento non possono vietare di possedere o detenere animali domestici".

Da una prima lettura, la norma è alquanto chiara: rappresenta il pensiero del legislatore in un clima del concetto di animale "oggi" (valorizzazione dell'animale dal punto di vista del rapporto uomo/animale).

=> Quali animali potranno vivere in condominio con l'entrata in vigore della Riforma?

=> Animali in condominio.

I problemi in condominio. Nonostante la citata previsione legislativa, è opportuno ricordare che il proprietario deve sempre rispettare il proprio condominio.

A tal proposto si ricorda che il condomino sarà ritenuto responsabile qualora il proprio animale emetta rumori molesti intollerabili oppure odori sgradevoli (844 c.c.) in tal caso si potrà chiedere la cessazione della turbativa ricorrendo all'allontanamento dell'animale (art. 700 c.p.c.).

Nel caso di immissioni rumorose è possibile ipotizzare la sussistenza del reato di "disturbo del riposto delle persone" (art. 659 del c.p.) purché il disturbo sia arrecato ad un numero indeterminato di persone.

=> Stop agli animali domestici in ascensore. Una nuova sentenza riapre il dibattito.

Il Ddl presentato alla Camera. Con il presente disegno di legge (assegnato alla 12ª Commissione permanente (Affari sociali) in sede referente il 7 agosto 2018) viene elaborata una disciplina normativa a tutela degli animali.

La proposta tutela sia i padroni dell'animale da affezione affinché possano ad esempio avere libero accesso in ogni struttura, sia le garanzie alla collettività evitando cani vaganti o in generale il randagismo.

Per perseguire tale finalità sono stati fissati i compiti e i doveri del responsabile dell'animale di affezione:

  • Garantire agli animali cibo e acqua sufficienti e le periodiche visite veterinarie
  • Garantire i terzi da aggressioni e danni, assicurare la regolare pulizia e igiene degli spazi di dimora.
  • Registrazione degli animali presso l'anagrafe degli animali di affezione, nonché provvedere in modo consapevole e amorevole alla cura dell'animale stesso.
  • Responsabilizzare il padrone all'uso del guinzaglio e, in alcuni casi la museruola, e al ricorso alla consultazione del veterinario in casi di episodi di aggressività del cane.
  • Comunicazione al servizio veterinario ufficiale e alla polizia locale dei cani liberi, ferma la possibilità di consegna degli animali abbandonati a gattili e canili, secondo le modalità indicate dal comune.
  • L'istituzione di un pronto soccorso veterinario.
  • L'introduzione dei microcanili o microgattili con maggiori regole per i gatti liberi, le colonie feline e i gattili, prevedendo altresì la possibilità per queste strutture di reimpiegare per gli animali i residui alimentari delle mense di amministrazioni pubbliche.
  • Libero accesso degli animali in giardini, parchi, aree pubbliche, spiagge, mezzi di trasporto purché tenuti al guinzaglio.

    I cani potenzialmente pericolosi dovranno tenere anche la museruola.

  • Prestazioni veterinarie gratuite per canili, gattili, cani adibiti alla guida dei ciechi o destinati alla pet therapy.

    Inoltre agevolazioni per i titolari di pensione sociale, ultrasessantacinquenni con pensione minima, portatori gravi di handicap, che hanno adottato da canili o rifugi cani con età superiore a un anno.

=> La presenza delle colonie feline all'interno degli spazi comuni condominiali

Infine, a tutela delle citate prescrizioni, il disegno di legge ha previsto anche severi controlli e multe salate in caso di inosservanza. In alcuni casi sarà possibile la confisca dell'animale nonché le contestazioni civili e penali nei confronti dei proprietari.

=> Quanti animali è possibile tenere in un appartamento condominiale?

In conclusione, ad avviso di chi scrive, la proposta di legge appare molto interessante anche in ambito condominiale. Difatti, date le questioni problematiche degli animali, spesso "all'ordine del giorno", si potrebbe ipotizzare anche che il registro degli animali d'affezione possa diventare un documento in possesso dell'amministratore.

Invero, con una documentazione ufficiale, a tutela del condominio, l'amministratore sarebbe in grado di sapere "effettivamente" se l'animale è tenuto secondo il rispetto della legge ed, in caso di problemi come (immissioni, animali pericolosi, animali posseduti senza le dovute certificazioni sanitarie, responsabile delle colonie feline in condominio ecc.), ben potrebbe in tutta autonomia, segnalare tempestivamente i relativi problemi agli organi preposti.

L'Anagrafe Condominiale, guida per una corretta compilazione

 Scopri la guida per una corretta compilazione.

Cerca: registro degli animali daffezione

Commenta la notizia, interagisci...
Casella
Casella giovedì 11 ottobre 2018 alle ore 10:06

basta con queste stupidaggini!
Gli anziani con pensione minima devono pensare al loro sostentamento,a pagare la badante, alla loro personale pulizia e della loro abitazione, ad aver presidi sanitari sufficienti che spesso gli vengono negati.....fatevi un giro nelle case di riposo!
Bisogna pensare agli anziani non agli animali.
E gli amministratori hanno gia' tanti problemi, manca solo dover fare i controllori
dei cani

    in evidenza

Dello stesso argomento