Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
122495 utenti
Registrati
chiudi
Inviaci un quesito

Appartamento chiuso e quota fissa acqua, perché è dovuta

Ecco perchè il proprietario di un appartamento chiuso paga la quota fissa dell'acqua
Avv. Alessandro Gallucci Avv. Alessandro Gallucci 

Sono proprietario di un appartamento in condominio, ma per svariate ragioni questo non è abitato da nessuno.

Quando arrivano le fatture per il consumo dell'acqua l'amministratore mi manda la richiesta di pagamento. La ripartizione che allega alla richiesta, in effetti, indica consumi pari a zero, ma mi viene comunque richiesto il pagamento di una somma che lui dice essere dovuta a titolo di quota fissa.

Ma se l'acqua si paga a consumo ed il mio appartamento è chiuso ed inutilizzato, che senso ha che io debba pagare la quota fissa?

Questa la domanda che ci giunge da un nostro lettore. Qui di seguito vedremo qual è il senso della corretta richiesta del suo amministratore.

Che cos'è la quota fissa?

Partiamo dalla definizione di quota fissa che possiamo desumere dalle indicazioni fornite dall'Ageesi (acronimo di Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico).

La quota fissa indicata in bolletta è una componente del costo del servizio che si paga a prescindere dal consumo e la cui funzione è quella di coprire una parte dei costi fissi che il gestore sostiene ai fini della erogazione del servizio. In bolletta è addebitata proporzionalmente al periodo fatturato.

Così, ad esempio, se la quota fissa per i servizi di acquedotto, fognatura e depurazione (se l'utenza è raggiunta da tutti e tre i servizi esiste una quota fissa per ciascuno di essi) è pari ad X euro per anno e le fatture che il gestore emette annualmente sono quattro, ogni trimestre verrà addebitata una quota fissa pari ad ¼ di X euro.

Vi siete mai chiesti come si ripartisce la bolletta dell'acqua quando mancano i contatori individuali?

La misura della quota fissa è calcolata da ogni gestore in ragione dei costi suindicati e comunque secondo le regole dettate dalle Autorità competenti in materia.

La quota fissa, quindi, si paga perché esiste un contratto con il fornitore del servizio idrico-fognario. Proprio per la natura di corrispettivo di un servizio, la Corte di Cassazione, in più occasioni (si veda ad es. Cass. 14 dicembre 2015 n. 25112), ha dichiarato illegittimo l'inserimento in fattura delle quote di depurazione ove l'utenza non sia raggiunta da questo servizio.

È giusto, pertanto, che anche il condomino che non abita o comunque non utilizza mediante terzi (Es. locazione) la propria unità immobiliare sia tenuto a corrispondere la propria parte di quota fissa, a condizione chiaramente che la sua abitazione sia servita dall'impianto idrico condominiale.

Ciò vuol dire, ad esempio, che i proprietari di box e cantine estranei al servizio non devono essere considerate nella ripartizione del suddetto costo.

Come ripartire le spese d'acqua in condominio senza errori

Ripartizione della quota fissa

Come ripartire la quota fissa tra tutti i condòmini? Nota dolente questa, rispetto alla quale è inutile negarlo, molto fanno le prassi locali. Eppure una indicazione di legge, sia pur non espressamente dettata per questo costo esiste e va applicata.

Il riferimento è all'art. 1123, primo comma, c.c. a mente del quale le spese per i servizi resi nell'interesse comune, salvo diversa convenzione (leggasi accordo tra tutti i condòmini), devono essere ripartite secondo i millesimi di proprietà.

Non è raro imbattersi in spese per quote fisse ripartite in parti uguali. Tale modalità è sicuramente legittima in presenza di una espressa convenzione in tal senso.

Qualche dubbio nel caso di accordi di fatto, ma non per quel filone interpretativo che riconosce forza vincolante ai così detti fatti concludenti, ossia alla reiterato ed incontestato pagamento secondo quella modalità di ripartizione.

Tabelle di ripartizione delle spese secondo i criteri previsti dalla legge e tra proprietario ed inquilino

L'impianto fa acqua da tutte le parti. Ma chi paga i consumi derivanti dalle perdite?

Cerca: quota fissa appartamento chiuso

Commenta la notizia, interagisci...
ANTONINO MARIOLO
ANTONINO MARIOLO 02-07-2021 00:56:35

Nel caso in cui un condomino decida autonomamente di distaccarsi dall'impianto condominiale, la ripartizione della quota fissa prevista in bolletta deve continuare a pagarla?

Essendo la quota fissa una parte del prezzo, espressa in euro/anno che si paga per avere la fornitura attiva, anche in assenza di consumo, ed avendo la Cassazione civile con ordinanza n.28616 del 29/11/2017 stabilito che il distacco della singola unità dall'impianto condominiale sia possibile laddove non comporti squilibri nel suo funzionamento o maggiori spese a carico degli altri condomini, è sbagliato ritenere che il condomino distaccatosi dovrà continuare a pagare la sua parte di quota fissa relativa alla bolletta condominiale, in quanto il non pagarla andrebbe a tradursi in maggiori spese per i rimanenti condomini?

rispondi
ANTONINO MARIOLO
ANTONINO MARIOLO 12-07-2021 20:13:51

Grazie per la risposta

rispondi
Annulla

  1. in evidenza

Dello stesso argomento