Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
113313 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Teste contro millesimi, chi vince?
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Teste contro millesimi, chi vince?

Deliberazione assembleare per numero dei votanti o millesimi

Avv. Alessandro Gallucci 

Un nostro lettore ci ha posto il seguente quesito in materia di maggioranze assembleari e più nello specifico di contrasti da numero dei votanti – le così dette teste – e millesimi espressi. Questa la domanda:

Abito in un condominio dove partecipano 22 condòmini; 15 di questi contano complessivamente 423 millesimi i restanti 7 condomini rappresentano 577 millesimi.

Io sono tra i primi. Noi quindici, quindi, siamo maggioranza fisica, ma non millesimale.

Mi domando: siccome non vogliamo mantenere l'attuale amministratore ma abbiamo i millesimi per deliberare, possiamo far valere in qualche altro modo la nostra posizione?”

Il codice civile, nella disciplina delle votazioni nell'ambito delle assemblee condominiali, ha previsto, com'è noto due maggioranze:

a) una riguardante le persone presenti, cioè i condòmini;

b) un'altra relativa ai millesimi di riferimento delle unità immobiliari di proprietà esclusiva.

I quorum deliberativi così previsti servono a garantire il raggiungimento di una maggioranza che sia adeguatamente rappresentativa di un ampio numero di condòmini.

Assemblea, voto sempre secondo i millesimi di proprietà

Si fosse optato per le sole “teste” si sarebbe aperto alla possibilità di decisioni assunte con il voto della maggioranza non rappresentativa del maggior numero di millesimi, così come se si fosse optato per i soli millesimi, un'esigua minoranza (es. costruttori) avrebbe potuto da sola imporre il proprio volere (cosa che purtroppo nei fatti succede comunque).

Doppia maggioranza, quindi, vuol dire garanzia di maggiore condivisione delle decisioni sulla gestione del condominio.

Le legge, comunque, ritiene sempre fondamentale quanto meno il voto favorevole della maggioranza delle persone presenti (personalmente o per delega, è indifferente), ritenendo bastevole in tal caso il raggiungimento della metà del valore millesimale dell'edificio.

Uno degli errori più frequenti, ad esempio proprio sulla nomina dell'amministratore (ma si pensi anche alla votazione sul regolamento, ecc.) è affermare che siano necessari il voto favorevole della maggioranza e di 501 millesimi.

Ne bastano 500 per una corretta deliberazione o comunque la metà, in quei casi (e non sono pochi) le tabelle, per ragioni di calcolo, non “chiudono” esattamente a 1000/1000, ma magari a 999,98 o a 1000,02.

Esistono, poi, delle situazioni di totale empasse come quelle descritte dal nostro lettore; maggioranza delle “teste” da una parte e maggioranza dei millesimi dall'altra. Il fatto di essere di più, in termini numerici, non dà alcuna posizione di maggior tutela rispetto alla minoranza millesimalmente più pesante.

Certo, i 15 (del caso che ci riguarda) potranno ricorrere al Tribunale per domandare la nomina giudiziale di un amministratore, vista la prorogatio di quello in carica.

Essi potranno chiedere al Tribunale anche la nomina con pieni poteri dello stesso mandatario cui non riescono a rinnovare l'incarico, ma gli altri condòmini potranno domandare di contro la scelta di un altro amministratore lamentando l'inadeguatezza di quello in prorogatio.

La scelta del Tribunale è pienamente discrezionale, con il solo limite del rispetto dei requisiti previsti dalla legge (art. 71-bis disp. att. c.c.).

Insomma, al nostro lettore dobbiamo rispondere che non esiste un modo assolutamente certo per far valere la sua posizione.

Nomina amministratore dal Tribunale. Esistono degli elenchi?

Cerca: maggioranze assembleari

Commenta la notizia, interagisci...
Gianni
Gianni lunedì 11 dicembre 2017 alle ore 13:00

L'assemblea viene indetta dall'amm. di cond. COLUI ke accoglie gli invitati in rispetto agli inviti,all'anagrafe condominiale ed art 67 dacc. Codesta mandatario E'TENUTO al controllo del raggiungimento del QUORUM COSTITUTIVO :
a) una riguardante le persone presenti, cioè i condòmini; Fonte https://www.condominioweb.com/deliberazioni-per-numero-dei-votanti-o-millesimi.13315#ixzz50x6kjPGb
www.condominioweb.com. !
In mancanza della regolare costituzione dell'assemblea (art 1136 cc ) DICHIARA non riunita/deserta l'adunanza.

Moira
Moira martedì 17 settembre 2019 alle ore 21:57

Nel mio caso c è parità di teste 5+5 ma una maggioranza di millesimi. In questo caso cosa si fa?

Ferdinando,
Ferdinando, venerdì 13 dicembre 2019 alle ore 21:58

Contare le teste e non i millesimi, mi sembra una fesseria, per certe scelte, come il riscaldamento, credo che dovrebbero avere 501 millesimi, per approvare le percentuali a consumo e in parte a millesimi.
Nel mio caso, ho cercato di non far approvare il 70% a consumo e 30% a millesimi, lo trovavo troppo sbilanciato, potrebbe funzionare solo in un condominio, dove il 100% utilizza il riscaldamento normalmente, ma siamo in Italia e di furbetti ce ne sono troppi, allora avevo proposto il 20% a consumo e 80% a millesimi, meno invasivo.
L'amministratore ha risposto che non si poteva fare, la norma UNI 10200 lo stabiliva, pertanto non è stata votata, ma imposta.
Questa scelta ha permesso a 3 condomini, pari a 126 mm. a non pagare nulla sul 70%, altri tre quasi nulla, il tutto su 29 condomini, quelli vicino a questi appartamenti sono stati penalizzati enormemente.
Porto solo 2 casi all'8° piano, ci sono 3 appartamenti simili, quello più grande con 43 mm. consuma 8267,79; 17 volte meno di quello vicino, più piccolo di 34,7 mm. consumo 493,67.
Eppure tutti si scaldano a spese di chi paga, non si risparmia nulla, quello che alcuni risparmiano nei consumi, altri saranno costretti a pagare, difatti negli ultimi 5 anni, gli ultimi 2 con i contatori si è speso in media il 15% in più dei 3 anni precedenti, quando si andava a millesimi, eppure le temperature esterne sono sempre più calde.

    in evidenza

Dello stesso argomento