Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
104828 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
È legittima la convocazione dell'assemblea condominiale tramite una semplice e-mail?
Problema condominiale? Inviaci un quesito

È legittima la convocazione dell'assemblea condominiale tramite una semplice e-mail?

E' legittimo per l'amministratore convocare il condomino via e-mail anziché tramite raccomandata a.r. o P.E.C.?

Avv. Giuseppe Zangari 

La vicenda. Nell'ambito di un'impugnazione di delibera successivamente sostituita nel corso del giudizio, il Tribunale dichiara la soccombenza virtuale del ricorrente con condanna al pagamento delle spese di lite.

Il condomino appella la sentenza lamentando il fatto che il Giudice del primo grado non abbia dichiarato cessata la materia del contendere e, al contempo, di essere stato condannato alle spese nonostante la violazione dell'art. 66, comma 3 disp. att. c.c. ("L'avviso di convocazione, contenente specifica indicazione dell'ordine del giorno, deve essere comunicato almeno cinque giorni prima della data fissata per l'adunanza in prima convocazione, a mezzo di posta raccomandata, posta elettronica certificata, fax o tramite consegna a mano…") per avere il condominio effettuato la convocazione a mezzo e-mail.

=> Assemblea di condominio. Avviso di comunicazione tramite PEC. Il Tribunale di Massa detta le regole

La sentenza. Il Giudice del gravame respinge l'appello con una motivazione che, a parere di chi scrive, è censurabile sotto diversi aspetti(C.d.A. Brescia, n. 4/2019). Preliminarmente, merita un breve accenno la doglianza relativa all'omessa dichiarazione di"cessata materia del contendere".

Trattasi di un istituto non previsto dal codice di procedura civile ma di matrice giurisprudenziale, a mente del quale il Giudice è tenuto a definire il procedimento ove, in conseguenza di un sopravvenuto mutamento della situazione oggetto del contendere, venga meno l'interesse delle parti a una decisione sulla domanda giudiziale.

In altri termini, vengono meno le ragioni oggetto della lite e l'interesse alla conclusione del giudizio, come nel caso - ritenuto paradigmatico -della delibera impugnata sostituita da una delibera successiva.

Ebbene, a tale proposito la Corte di Brescia ha affermato che "costituisce semplice errore materiale l'aver dimenticato - il Giudice del primo grado -di riportare in dispositivo la dichiarazione di cessata materia del contendere, chiaramente indicata in motivazione".

Tuttavia, anche nell'ipotesi di cessata materia del contendere il Giudice è tenuto a statuire sulle spese di lite in forza di un altro principio di matrice giurisprudenziale,cosiddetto della "soccombenza virtuale", che lo obbliga a operare una valutazione prognostica della fondatezza della domanda stabilendo se la stessa sarebbe stata o meno accolta.

Nel caso di specie, pertanto, a parere dell'appellante "il giudice avrebbe dovuto ritenere fondati i motivi di impugnazione proposti dall'____ e avrebbe dovuto condannare il Condominio alle spese di giudizio", in particolare per violazione dell'art. 66 disp. att. c.c. posto che, invece di comunicare l'avviso di convocazione tramite gli strumenti elencati dalla norma l'amministratore aveva inviato una semplice e-mail.

La Corte d'Appello ritiene infondata la censura sostenendo che "se invero è corretto ritenere che unico strumento equipollente alla raccomandata indicata nella disposizione di legge è la comunicazione PEC, posto che solo con tale modalità perviene al notificante un messaggio di accettazione e consegna dell'avviso, tuttavia nel caso in esame è stato lo stesso condomino ad aver richiesto la comunicazione avverso un mezzo "informale" quale la e-mail, non avendo egli indicato un indirizzo PEC bensì l'indirizzo mail.

Ne consegue che l'invio della mail per come dimostrato dal Condominio appellato ha rispettato le forme indicate dal condomino".

In primo luogo, la decisione si pone in contrasto con una precedente sentenza di secondo la quale l'elenco delle modalità di trasmissione indicate nell'art. 66 disp. att. c.c. è da considerarsi tassativo poiché l'avviso di lettura dell'e-mail, a differenza della PEC, non ha alcun valore legale (Trib. Genova, n. 3350/2014). Inoltre, va considerato che l'art. 66 disp. att. c.c.

è norma ritenuta inderogabile dall'art. 72 disp. att. c.c., dal che non si comprende come sia possibile, da un lato negare qualsiasi deroga ancorché voluta dall'assemblea o dalla maggioranza di essa tramite una modifica del regolamento condominiale, dall'altro lato ammettere che l'eccezione sia introdotta su richiesta del singolo condomino.

Infine, è evidente che avvalorare una prassi di tal genere equivale a minare quella certezza nel ricevimento dell'avviso che è alla base della riforma operata dalla l. 220/2012, che, ad esempio, ha eliminato la possibilità di una convocazione a voce dell'assemblea estremamente diffusa nella prassi del passato.

=> Come usare la pec per la convocazione dell'assemblea

Conclusioni. E' legittimo per l'amministratore convocare il condomino via e-mail anziché tramite raccomandata a.r. o P.E.C. qualora sia stato lo stesso condomino a chiedere tale modalità di convocazione, non potendo poi lamentare quest'ultimo la mancata prova di ricevimento dell'e-mail.

STUDIO LEGALE AVV. GIUSEPPE ZANGARI

VIALE DELL'INDUSTRIA N. 23/B - 35129 PADOVA

VIA PRINCIPE UMBERTO N. 31 - 35042 ESTE (PD)

Tel./Fax: 0429/635810

Mobile: 340/4007300

Web: https://avvocatogiuseppezangari.it/

https://www.facebook.com/avvocato.giuseppe.zangari/

App._Brescia__3_gennaio_2019__n._4.pdf

Cerca: convocazione assemblea tramite email

Commenta la notizia, interagisci...
Emilio Casoli
Emilio Casoli martedì 05 febbraio 2019 alle ore 18:22

Gentile avvocato Zangari, la ringrazio per l'interessante approfondimento. Nei condomìni che amministro, è stata deliberata la consegna via email, SENZA ricevuta di ritorno, ma con breve risposta obbligatoria da parte del destinatario di avvenuta ricezione e presa d'atto della convocazione (o del verbale). Sistema molto pratico, rapido, economico (anche per invii all'estero), con la certezza nel ricevimento e che rende contenti tutti. Una volta ricevute tutte le risposte, le copio in un unico foglio e le archivio insieme alla copia della convocazione (o dell'invio del verbale) con tutti gli estremi di data, ora, ecc. E' chiaro che se dovesse capitare che uno dei condomini dichiarasse, in un secondo momento, di non aver ricevuto alcunché dopo avermi dato risposta via email di avvenuta ricezione e presa d'atto, per lui, a parte la figuraccia davanti a tutti gli altri condomini, tale procedura finirebbe e si applicherebbero le norme dell'art. 66 delle disposizioni attuative in modo stringente... a sue spese. Buon proseguimento, EC

Luigi
Luigi mercoledì 06 febbraio 2019 alle ore 00:30

per emilio casoli:
mi sembra giusto, visto che vogliono risparmiare quantomeno si diano da fare per il minimo richiesto.
io mi faccio rilasciare sempre, all'inizio, la dichiarazione di ricevere posta per e-mail ordinaria e che esonerano da ogni responsabilità l'amministratore.

Avv. Giuseppe Zangari
Avv. Giuseppe Zangari mercoledì 06 febbraio 2019 alle ore 16:23

Egr. sigg. Emilio e Luigi, mi complimento con voi per la prassi virtuosa in uso presso i rispettivi condomini. Quando vi è la fattiva collaborazione di tutta la compagine la ricerca di soluzioni efficaci e al tempo stesso economiche è decisamente più semplice. I problemi sorgono nel caso opposto, per superficialità o mala fede di alcuni condomini. Come conciliare, ad esempio, l'accordo di ricevere una conferma della convocazione via e-mail con l'omessa risposta nel termine di cinque giorni prima della data fissata per la riunione? L'amministratore accorto celebrerebbe comunque l'assemblea o rimanderebbe la convocazione a mezzo raccomandata a.r. o P.E.C.? Questo per ribadire che le soluzioni più efficaci richiedono comunque una collaborazione armonica dell'assemblea. Cordiali saluti.

Emilio Casoli
Emilio Casoli mercoledì 06 febbraio 2019 alle ore 21:24

Le convocazioni avvengono con un buon anticipo in modo da dare il tempo per le risposte. Se dopo uno-due giorni dall'invio, non ricevo risposta da qualcuno, allora sollecito, sempre via email (ed eventualmente via sms/whatsapp) e la risposta arriva. Ma questi leggeri ritardi si verificavano solo all'inizio del "sistema" e solo in casi isolati. Oggi, dopo un po' di insistenza e spiegazioni in assemblea, rispondono tutti in giornata o il giorno successivo e tutto questo avviene ben prima dei famosi cinque giorni... è diventato un automatismo.
Per completezza di informazione: per i pochi condòmini non usi all'utilizzo della posta elettronica, viene fatta la convocazione per raccomandata e/o consegna a mano con firma datata per ricevuta.
Buona l'idea di una dichiarazione firmata da ciascuno, grazie.
Al seguente link, esempio di convocazione via email: https://drive.google.com/open?id=1tgqaPbgWU55MvNIb7bbFoVOPlRVDJDdo

    in evidenza

Dello stesso argomento