Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
105434 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Che cosa fare se i bambini dei vicini giocano nel cortile condominiale nelle prime ore del pomeriggio?
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Che cosa fare se i bambini dei vicini giocano nel cortile condominiale nelle prime ore del pomeriggio?

Bambini che giocano nel cortile condominiale fin dalle prime ore del pomeriggio pur non abitando nel condominio

Avv. Alessandro Gallucci  

I bambini tirano pallonate potenti, delle vere e proprie bordate, contro il muro nel cortile condominiale.

Le urla dei bambini che corrono nel cortile sono insopportabili!

Il tutto nelle prime ore del pomeriggio d'estate quando si vuol riposare: che cosa possiamo fare?

Prima regola in una situazione del genere: non prendersela con i bambini. Usare la famosa frase "ve lo taglio quel pallone" o "qui c'è gente che vuole dormire" serve a poco o a nulla:

1) con i bambini dopo qualche minuto d'attenzione, forse il risultato sarà l'opposto, il gioco fa dimenticare molte cose;

2) la colpa principale non è loro ma dei loro genitori.

=> Se i bambini disturbano il riposo all'intero condominio, i genitori vanno in galera.

Certo di fronte a degli adolescenti la situazione può essere diversa o comunque se si parla in modo ragionevole e non severo anche i più piccoli potranno comprendere. L'importante è non esagerare.

Ma esattamente che cosa si può fare ed ottenere? E' bene ricordare che il cortile condominiale è un bene comune soggetto alla disciplina di cui al primo comma dell'art. 1102 c.c. secondo il quale:

Ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. A tal fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il migliore godimento della cosa.

Se il cortile è pieno di aiuole, è evidente che una cosa e poterci giocare a "nascondino" o fare altri giochi (es. giochi di società, "campana", ecc.) per così dire meno invasivi, altro giocarci a pallone. Quest'ultimo sarà sicuramente un gioco vietato in quanto contrario alla destinazione di quella parte comune. Se, invece, il cortile è uno spiazzo mattonato non si pongono problemi di sorta.

Ed in caso più particolari? Ad esempio se il cortile o l'altro spazio comune è utilizzato come parcheggio?

=> Il cortile condominiale può essere utilizzato per parcheggiare le autovetture

Secondo la Cassazione, chiamata più volte ad interpretare l'art. 1102 c.c., " il pari uso della cosa comune non postula necessariamente il contemporaneo uso della cosa da parte di tutti i partecipanti alla comunione, che resta affidata alla concreta regolamentazione per ragioni di coesistenza; che la nozione di pari uso del bene comune non è da intendersi nel senso di uso necessariamente identico e contemporaneo, fruito cioè da tutti i condomini nell'unità di tempo e di spazio, perché se si richiedesse il concorso simultaneo di tali circostanze si avrebbe la conseguenza della impossibilità per ogni condomino di usare la cosa comune tutte le volte che questa fosse insufficiente a tal fine"(su tutte Cass. 16 giugno 2005 n. 12873).

Insomma nel parcheggio è difficile, a livello giuridico, poter sostenere (per questioni legate alla salubrità dell'aria, alla sicurezza delle persone ed anche alla sicurezza delle automobili) che si possa parcheggiare e giocare contemporaneamente anche se poi, lo sappiamo la pratica quotidiana che la situazione è differente.

Certo è che di fronte ad un cartello vietato giocare si può far poco.

Nelle altre situazioni, invece, ossia quando lo spazio comune è utilizzabile per i giochi dei più piccoli, si potrà pretendere, al di là di previsioni regolamentari in tal senso, che l'uso delle parti comuni per i giochi sia fatto senza recar disturbo agli altri. Una causa, per questioni del genere, sarebbe assurda, quindi meglio discutere con i propri vicini e cercare, con ogni sforzo, di fargli capire le proprie ragioni.

Cerca: cortile bambini condominiale

Commenta la notizia, interagisci...
Francesco
Francesco giovedì 08 giugno 2017 alle ore 12:33

Buongiorno, un condomino può legalmente proibire il gioco a bambini che vanno da un'età tra 15 mesi e 6 anni di giocare nel cortile condominiale privato fuori dall'orario di RISPETTO del SILENZIO? (es. dalle 17:00 alle 20:00) naturalmente non parliamo del superamento di decibel pari ad una turbina di aereo...ma di bambini che si, magari strillano saltuariamente per una bambola o perché la bicicletta è la sua! E solo nel periodo estivo ovviamente!
Grazie!

Avv. Alessandro Gallucci
Avv. Alessandro Gallucci giovedì 08 giugno 2017 alle ore 17:43

@Francesco: non può impedirlo, ma comunque può chiedere ai genitori di porre maggiore attenzione e comunque far rispettare l'orario del silenzio. Quindi se i bimbi fanno rumore può arrivare ad ottenere un provvedimento del giudice in tal senso; sempre che si arrivi a quel punto e riesca a dimostrare il tutto.

Daniela
Daniela lunedì 31 luglio 2017 alle ore 09:42

Salve, io abito in un parco senza condominio e senza amministratore, il parco è costituito da circa 25 famiglie... Ovviamente ci dm bambini tra 2-8 anni. Giocano nel parco seguendo orari decenti tra le 17:00-20:00, ma vengono sempre minacciati da un solo condomino. Questa persona adora gli animali in particolare i gatti, tanto è vero che da a mangiare e nel parco c'è ne sn tanti. All'interno del parco ci an giardinetti e aiuole e Nn vi dico che specie in estate c'è sempre cattivo odore, avevamo chiamato l'asl per il recupero ma niente da fare il condomino ci ha bloccati dicendo che i gatti Nn vanno allontanati dal loro habitat! I bambini? Cosa posso fare? I bambini hanno diritto di giocare rispettando l'orario tra l'altro Nn essendoci un regolamento?

Alessandra
Alessandra giovedì 19 ottobre 2017 alle ore 23:54

Io abito in una piazza di un piccolo paese. Per nostra sfortuna camere da letto sono verso la piazza.In breve nostra vicina di casa pensionata comincia di lavare piatti ogni mattina alle 6,45 e spesso sveglia me e mio marito. Ogni pomeriggio dalle 14 dalle 17 sono bambini che giocano nella piazza con palone, cosi neanche di pomeriggio possiamo riposare. Dopo le 17 se ne vano via. Nonostante che comune ha un grandissimo e bellissimo parco comunale, con tutti giocatoli per giocare i bambini in tutta sicurezza e tranquillità. Nella notte birreria-pizzeria e suoi ospiti spesso non ci lasciano dormire fino 3 di notte. Devo precisare che ho marito invalido che ha bisogno di riposo. Non siamo siamo in situazione di traslocare e nessuno non ha voglia di aiutarci. Abbiamo parlato con il maresciallo del posto 4 anni fa,e ci e riferito che forse non e male idea di cambiare casa. Noi non siamo in situazione di traslocare e lui lo sa molto bene. Mi sento umiliata da quelli che mi devono proteggere.

E Se Questi Genitori Invece, D
E Se Questi Genitori Invece, D lunedì 05 marzo 2018 alle ore 14:55

e se invece questi bambini con i loro genitori, d'estate e sistematicamente tutte le sere utilizzano l'area condominiale per ritrovarsi e schiamazzare dopo cena....e dal casino non si riesce neanche a seguire serenamente un film in tv??? Possono farlo dopo le 21??

Barry2017white
Barry2017white lunedì 23 aprile 2018 alle ore 00:09

Io abito a piano terra,i 2 inquilini del 3 piano,mandano giù i bambini in cortile( che poi è semplicemente un passaggio per i box) dalle 11 alle 13 e poi dalle 16 alle 20 circa.
Loro sono in alto e non sentono gli schiamazzi continui,io mi devo sorbire tutti i loro rumori.
Ma perché non si prendono i loro figli e se li portano al parco...invece di rompere tutti i santi giorni le scatole a me.
Cosa devo fare? mettere delle casse potenti sul balcone con della musica orrenda e spararla a tutto
volume per fargli capire il fastidio che fanno.
Purtroppo certi cagonacci,che troviamo solo in Italia, le cose le capiscono solo se le provano.
Che leggi demenziali
I bambini hanno diritto di giocare.
Si al parco giochi

    in evidenza

Dello stesso argomento