Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
106940 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Conto corrente condominiale, una situazione paradossale
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Conto corrente condominiale, una situazione paradossale

Tutto il denaro deve passare dal conto corrente condominiale?

Avv. Alessandro Gallucci  

L'uso del conto corrente condominiale, la cui obbligatorietà è stata sancita dalla riforma del condominio, continua a far discutere e genera situazione spesso paradossali.

Il tutto ruota attorno al contenuto dell'art. 1129, settimo comma, c.c. a mente del quale si impone all'amministratore di far transitare dal conto corrente condominiale ogni somma in entrata ed in uscita afferente la gestione della compagine cui esso è intestato. Ogni somma: nessuna eccezione.

Tutto ciò che l'amministratore incassa deve finire sul conto corrente e di conseguenza ogni spesa deve partire da lì.

Si badi: utilizzo in uscita non vuol dire obbligo di pagare con moneta elettronica o assegni. Per rispettare il dettato normativo è sufficiente lasciar traccia che una determinata quantità di denaro sia stata prelevata (chiaramente per essere utilizzata a fini condominiali).

Resta fermo il divieto di utilizzazione del denaro contante per le transazioni di somme denaro superiori al limite di utilizzo delle banconote previsto dalla legge.

Conto corrente, quali sono i diritti dei condomini

Fin qui, a parte alcune problematiche (se tutto il denaro deve passare dal conto l'amministratore non deve pagare nessuno con la cassa contante presente nel suo studio) la situazione è abbastanza agevole. Arriviamo al paradosso il cui spunto ci è stato indicato da un utente del nostro forum.

Domanda il nostro lettore: “Tutte le entrate e le uscite devono passare dal registro di contabilità e dal conto corrente condominiale. Devo spedire una lettera e devo comprare il francobollo di 0,80, come faccio a prelevare tale somma se non mi reco in banca e allo sportello visto che al Bancomat non è prevista tale somma? Il prelievo allo sportello ha un costo che supera di gran lungo il costo del francobollo.

E allora come ci si comporta in questi casi? E' possibile avere una scorta, anche minima, di soldi liquidi per far fronte a queste piccole spese?”.

Prima ci siamo soffermati sul conto corrente condominiale; esiste anche il registro di contabilità, ossia quel documento nel quale vanno annotate tutte le entrate e le uscite entro trenta giorni dalla loro effettuazione.

Il registro di contabilità dev'essere disponibile per la consultazione da parte dei condòmini nei giorni ed alle ore indicate dall'amministratore al momento dell'accettazione dell'incarico e del suo rinnovo (art. 1129, secondo comma, c.c.).

I diversi registri introdotti dalla riforma del condominio.

Il paradosso, in questo caso, sta nel fatto che per le piccole spese corrente, in effetti, il passaggio obbligato dal conto corrente condominiale stride con quella che è l'esigenza di celerità e praticità nella gestione. La necessità di trasparenza nella tenuta della contabilità condominiale, che si evince dalle disposizioni normative vigenti sacrifica fino a fare scomparire ogni esigenza pratica?

Ad avviso di chi scrive, no, sebbene i paradossi come quello portato ad esempio dal nostro lettore servono per far capire come molta rigidità rischi di essere fine a se stessa.

Chiaramente un prelievo di 0,80 €/cent. non ha senso, il modo migliore (e corretto) di operare in questi casi è quello di prelevare, subito dopo il versamento, una somma necessaria per i piccoli pagamenti connessi alla gestione del condominio.

Quindi, ad esempio, se l'amministratore ha in cassa € 50,00 e deve spedire delle raccomandate per utilizzarli deve recarsi in banca, versarli, prelevarli e poi andare a spedire le lettere?

A leggere l'art. 1129, settimo comma, c.c. non paiono esserci alternative. Ad ognuno le proprie considerazioni.

=> Ecco cosa succede quando l'amministratore nega l'accesso al conto corrente.

=> Il creditore del condominio che agisce in via esecutiva può pignorare il conto corrente condominiale?

Cerca: conto condominiale amministratore

Commenta la notizia, interagisci...
Paolo
Paolo mercoledì 18 novembre 2015 alle ore 14:15

Annotare ogni entrata e uscita di qualunque somma, anche la più irrisoria è sinonimo di trasparenza. L'amministratore serve a questo. È una figura creata appositamente per amministrare, altrimenti si cambia mestiere. Sono davvero numerosi i casi di appropriazione indebita, truffa e altro...

Luigi
Luigi giovedì 19 novembre 2015 alle ore 21:43

sarà un bravo avvocato ma ragioneristicamente è il caso di capire che in contabilità esistono i conti: cassa; conto corrente bancario e fondi di accantonamento (ordinari o straordinari). per le spese minute come le affrancature, che dalle mie parti costano 0,95 -forse al sud solo 0,80?-, vanno movimentate in cassa che si giustificano con un prelievo dal movimento in contabilità (leggasi partita doppia) da BANCA A CASSA (ESEMPIO 100EURO) DA CUI TRASPAIONO TUTTI I MOVIMENTI IN USCITA DI POCHI CENTESIMI OD EURO. ALLA PRESENTAZIONE DEI BILANCI, con lo S.P. ed il C.E. (resi obbligatori)si rilevano i riepiloghi dei movimenti ed i rispettivi saldi di mastro. MA ALLORA DI COSA STIAMO PARLANDO? DI PROBLEMI CHE NON ESISTONO!!!

Antonio
Antonio giovedì 12 gennaio 2017 alle ore 19:51

Quando vi sono piccole spese (dell'ordine di poche decine di euro al massimo)il nostro amministratore le anticipa personalmente. Di volta in volta poi - quando raggiunge almeno i 10 € - stacca un assegno con regolare causale. Ma comunque queste spese in contanti non sono certo frequenti. E quindi nell'arco della gestione si possono avere tutt'al più un paio di assegni (mediamente, per un totale di 25-30 €). È l'unico criterio logico per far fronte a piccolissime spese da regolarsi in contanti (francobolli, invio di qualche raccomandata, ecc.).Tuto il resto delle spese della gestione viene sempre e solamente regolato con bonifici. O, raramente, con assegni bancari. E tutto risulta registrato. Come da e/c mensili che trasmette regolarmente ai consiglieri (ma, eventualmente e su domanda, anche a qualche condòmino che lo richiedesse) unitamente a tutte le fatture regolate e (non regolate). La trasparenza in condominio deve essere massima.

    in evidenza

Dello stesso argomento