Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
111357 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Non partecipi alla mediazione per le liti condominiali? Occhio alla sanzione
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Non partecipi alla mediazione per le liti condominiali? Occhio alla sanzione

Quando si applica la sanzione prevista nel procedimento di mediazione?

Avv. Rosario Dolce 

La Sentenza. Con provvedimento emesso in corso di causa -cioè prima dell'emissione della sentenza definitiva - il giudice ligure ha comminato, per ciascuno dei convenuti - in un giudizio avente ad oggetto questioni inerenti "diritti reali" -, la condanna al pagamento di una sanzione pecuniaria pari all'importo del contributo unificato, per non aver preso parte alla procedura di mediazione obbligatoria senza addurre giustificato motivo.

I predetti convenuti hanno contestato, in sede di precisazione delle conclusioni, la misura della sanzione stabilita, sostenendo che essa avrebbe natura solidale tra le parti in quanto costituirebbero unico centro di interessi.

=> Liti condominiali: accordo valido in mediazione con la firma del solo avvocato. Una soluzione innovativa del Tribunale di Roma.

Tale doglianza è stata però ritenuta infondata. Secondo il decidente la circostanza che i convenuti si siano affidati tutti ad una medesima difesa attiene unicamente ad una scelta di opportunità dei medesimi, che nulla ha a che vedere con l'autonoma posizione di ciascuna parte nel presente giudizio.

A tal uopo, viene richiamato l'art. 8 comma 4 bis Decreto legislativo n. 28 del 2010, laddove stabilisce che "Il giudice condanna la parte costituita che, nei casi previsti dall'articolo 5, non ha partecipato al procedimento senza giustificato motivo, al versamento all'entrata del bilancio dello Stato di una somma di importo corrispondente al contributo unificato dovuto per il giudizio".

La sanzione prevista, pertanto, è stata comminata a ciascuna parte singolarmente considerata, in quanto si è costituita in giudizio senza aver preso parte ingiustificatamente al procedimento di mediazione, a nulla rilevando l'eventuale comunanza di interessi delle parti in causa, ove queste siano una pluralità.

Tale conclusione, peraltro, è stata ritenuta coerente alla natura sanzionatoria del provvedimento. Infine, è stato osservato - sempre in sentenza - che la norma in disamina non determina la fase nella quale debba provvedere all'applicazione della sanzione e prescinde dall'esito dello stesso giudizio.

=> Mediazione in condominio e sospensione feriale dei termini

La giurisprudenza di legittimità. Il fatto trattato ci permette di riflettere, più ampiamente, sulle conseguenze giuridiche che discendono in capo alle parti processuali, in caso di mancata partecipazione al procedimento di mediazione.

In particolare, con riferimento ad ipotesi di "giurisdizione condizionata" - qual è quella in esame-la giurisprudenza di legittimità ha affermato il "principio secondo il quale le disposizioni che prevedono condizioni di procedibilità, costituendo deroga alla disciplina generale, devono essere interpretate in senso non estensivo" (Corte Cost. 403/07; Cass. 967/04) e, anzi, "devono essere interpretate in senso restrittivo" (Cass. 26560/2014), "dovendo limitarsene l'operatività ai soli casi nei quali il rigore estremo è davvero giustificato" (Cass. 6130/2011).

=> Per la revoca dell'amministratore di condominio è obbligatoria la mediazione

La Cassazione ha, poi, precisato che "l'improcedibilità, quale conseguenza sanzionatoria di un comportamento procedurale omissivo, derivante dal mancato compimento di un atto espressamente configurato come necessario nella sequenza procedimentale" "dev'essere espressamente prevista, non potendo procedersi ad applicazione analogica in materia sanzionatoria, attese le gravi conseguenze del rilievo dell'improcedibilità", ragion per cui l'improcedibilità non può operare in difetto di espressa previsione legislativa (Cass. 20975/17) che, nel caso di specie, manca.

Infatti, l'ipotesi di mancata partecipazione delle parti al procedimento di mediazione è disciplinata da una norma specifica: l'art. 8, co. 4 bis, Dlgs 28/10 che prevede, come conseguenza dell'assenza delle parti, l'applicazione di una sanzione pecuniaria e la rilevanza di tale comportamento ex art. 116 c.p.c.

Improcedibilità per l'attore? Per contro, nulla viene riportato in ordine all'improcedibilità dell'azione. O meglio: qualcosa, sul punto, implicitamente la norma dice.

Si prevede, infatti, che la mancata partecipazione al procedimento di mediazione è valutabile ex art. 116 c.p.c.

Da tanto viene ricavato il principio per cui nel caso in cui la parte non partecipi alla mediazione, il processo andrà avanti e dovrà concludersi con una pronuncia di merito, nell'ambito del quale l'assenza dell'attore o del convenuto sarà valutabile come argomento di prova contro l'assente.

In altri termini, posto che la norma non distingue a seconda che sia assente l'attore o il convenuto, la conclusione che si può trarre sul punto è quella per cui le sanzioni di cui all'articolo 8 non si cumula con quella dell'improcedibilità(in punto, si cfr Tribunale Savona, 19 Ottobre 2018 contra Tribunale Roma, 20.12.2018).

=> Mediazione in ambito condominiale. Analisi e considerazioni sui primi risultati.

Mediazione analoga, quanto agli effetti, alla "negoziazione assistita". L'epilogo a cui si è qui giunti troverebbe supporto anche nel caso in cui si volesse comparare l'istituto della mediazione con quello della "negoziazione assistita".Invero, l'art. 3 del Dlgs 132/14, disciplinando l'invito obbligatorio alla stipula di una "convenzione di negoziazione assistita" dagli avvocati, fra le parti di una controversia rientrante nel novero di quelle assoggettate a tale (nuova) ipotesi di improcedibilità della domanda giudiziale, stabilisce, al comma 2, che "Quando l'esperimento del procedimento di negoziazione assistita è condizione di procedibilità della domanda giudiziale la condizione si considera avverata se l'invito non è seguito da adesione, è seguito da rifiuto entro trenta giorni dalla sua ricezione, ovvero quando è decorso il periodo di tempo di cui all'articolo 2, comma 2, lettera a)".

Conclusione.

Alla fine di tale ragionamento si è in grado di concludere verso una soluzione che prediliga la salvezza dell'azione in sè, per cui l'assenza della parte, quand'anche essa sia attrice, all'incontro di mediazione disposto ex art. 5 Dlgs 28/10, dovrebbe essere punita a norma del Dlgs 28/10, con la sanzione di cui al citato articolo 8, comma IV bis, e non con quella della improcedibilità

Sentenza inedita
Scarica Tribunale di Genova Sentenza n° 774 del 15 marzo 2018

Cerca: sanzione mediazione

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento