Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
112097 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Legittimazione del conduttore ad agire contro i terzi che arrechino pregiudizio al godimento dell'immobile
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Legittimazione del conduttore ad agire contro i terzi che arrechino pregiudizio al godimento dell'immobile

Conduttore, legittimazione ad agire contro i terzi che arrechino pregiudizio al godimento dell'immobile

 

Il condominio di un edificio, quale custode dei beni e dei servizi comuni, è obbligato ad adottare tutte le misure necessaria affinché le cose comuni non rechino pregiudizio ad alcuno, e risponde in base all'art. 2051 c.c. dei danni da queste cagionati alla porzione di proprietà esclusiva di uno dei condomini, ancorché i danni siano imputabili a vizi edificatori dello stabile, comportanti la concorrente responsabilità del costruttore - venditore, ai sensi dell'art. 1669 c.c. non potendosi equiparare i difetti originari dell'immobile al caso fortuito, che costituisce l'unica causa di esonero del custode dalla responsabilità ex art. 2051 c.c., qualora la situazione dannosa sia potenzialmente produttiva di ulteriori danni, il condominio può essere obbligato anche a rimuovere le cause del danno stesso, ex art. 1172 c.c.


Inoltre, l'art. 1585, II comma, c.c., attribuisce al conduttore la legittimazione ad agire contro i terzi che arrechino pregiudizio al godimento dell'immobile (cd. molestie di fatto), e tale legittimazione non riguarda soltanto i danni causati agli arredi o ai mobili di proprietà del conduttore, ma si estende a tutto ciò che sia oggetto del godimento stesso, e quindi anche alle strutture murarie dell'appartamento che siano state danneggiate dal fatto illecito del terzo, dovendosi invece escludere la configurabilità di una responsabilità e di un obbligo di garanzia del locatore per gli stessi fatti.

Cerca: conduttore dell'immobile pregiudizio

Commenta la notizia, interagisci...
Annulla

    in evidenza

Dello stesso argomento