Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
95788 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Appostamento in rendiconto delle spese legali e imputazione delle stesse in capo al condomino moroso
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Appostamento in rendiconto delle spese legali e imputazione delle stesse in capo al condomino moroso

L'amministratore, in sede di redazione del rendiconto, deve distinguere l'origine giudiziale o meno delle spese legali

Avv. Rosario Dolce del Foro di Palermo  

La questione trattata riguarda il corretto appostamento nel bilancio delle spese legali sostenute dal condominio nei confronti dei condòmini morosi.

In buona sostanza, occorre determinare se l'amministratore, in sede di redazione del rendiconto, sia tenuto ad iscrivere le spese legali nell'attivo del condominio al fine di imputarne i costi al condomino che ne ha dato causa.

La vicenda è assai rilevante perché assolve un'importanza che va ben oltre la sua stessa funzione contabile, in quanto è in grado di incidere anche sulla validità delle delibere assembleare che ne dispongono l'approvazione.

=> Che cosa succede se non si approva il rendiconto?

Il caso. Tizio ha impugnato la statuizione assembleare con la quale è stato approvato un rendiconto che gli imputava le spese legali liquidate in sede di decreto ingiuntivo, in favore del legale della stessa compagine.

Il motivo di nullità addotto, qualificato come "eccesso di potere", verteva sulla circostanza che l'unica occasione contabile in cui il condominio sarebbe legittimato all'appostamento delle spese legali in capo ad un condòmino e quello in cui le stesse siano liquidate in calce ad una sentenza giudiziale, trovando in tale titolo la propria ragione di essere. Il primo grado del giudizio gli dà ragione. Il Condominio però impugna la sentenza avanti alla corte di Appello di Torino.

Il Giudice del gravame sovverte l'esito del giudizio, riconoscendo la legittimità della statuizione e, quindi, del rendiconto conseguenzialmente impugnato. A questo punto, Tizio prospetta la questione avanti la Corte di Cassazione.

=> Perchè il rendiconto deve evidenziare il disavanzo tra le entrate e le uscite?

Il provvedimento. Con Sentenza nr 751 del 18.1.2016,il giudice di legittimità respinge il ricorso, ritenendo il motivo infondato. Con una dettagliata motivazione, il prefetto decidente rileva che il giurisprudenziale addotto in seno al ricorso non risulta essere calzante.

In particolare, quanto ivi richiamato è apparso riferibile alla sola fattispecie delle spese legali (auto)liquidate in sede stragiudiziale.

Per contro, ogni qual volta si tratti di liquidazione giudiziale,la Corte ritiene che il condominio vanti sempre titolo contabile al fine di poter ascrivere la debenza in capo al moroso, e, stante la tecnica della partita doppia, è in grado di appostare il valore come attivo nel bilancio del Condominio.

Nessun rilievo, invece, assume per la Corte il fatto che la liquidazione giudiziale in parola sia contenuta in calce ad un provvedimento monitorio (decreto ingiuntivo), in luogo di una sentenza.

A tal fine è parso sufficiente al giudice di legittimità richiamare l'articolo 63 delle disposizioni di attuazione del codice civile, laddove individua nel predetto atto giudiziale quello più consono ad assolvere il ruolo di strumento tipico per il recupero dei crediti condominiali.

=> Va annullata la delibera che approva un rendiconto falso>>

Il principio di diritto affermato reca, pertanto, il seguente tenore: "è legittima la delibera condominiale che, in via ricognitiva, addebiti al singolo condomino le spese legali liquidate a suo carico ed a favore del condominio in un provvedimento giurisdizionale -nella specie un decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo".

Conclusione. Alla stregua di quanto sopra è possibile trarre delle linee guida su quella che dovrebbe essere la corretta condotta contabile che l'amministratore dovrebbe tenere in sede di redazione di un rendiconto condominiale, in tema di recupero dei crediti discendenti dalle spese legali sostenute dalla compagine.

Allorquando si tratti di spese legali liquidate da parte dell'avvocato in sede di attività stragiudiziale (si pensi al caso della corrispondenza con il condòmino moroso e della definizione successiva della partita economica), il condominio - e chi per esso - non sarà in grado di appostare le spese sostenute, a tal fine, in sede di rendiconto, per imputarle al condòmino che vi ha dato causa.

Viceversa, laddove le spese legali sostenute dalla predetta compagine trovino riconoscimento in un titolo giudiziale, sia esso una Sentenza o un Decreto ingiuntivo, l'amministratore e/o l'addetto alla contabilità sarà in grado di appostare nelle attività il credito discendente, e di addebitare, di riflesso, la spesa in capo al condòmino moroso.

=> Approvazione del rendiconto, cosa comunicare ai condòmini?>>

Scarica Corte di Cassazione Sentenza n° 751 del 18.1.2016

Cerca: bilancio condominiale spese legali

Commenta la notizia, interagisci...
Paolokap
Paolokap lunedì 19 settembre 2016 alle ore 16:10

Molto spesso sembra che questi articoli siano diretti ad altri avvocati, dimenticato che non tutti gli amministratori, da un lato,e non tutti i condomini, dall altra, sinistra essi stessi avvocati!

Redazione Condominioweb
Redazione Condominioweb lunedì 19 settembre 2016 alle ore 16:38

Gentile Paolo Capaccio, è vero! Gli avvocati che ci seguono sono tantissimi così come gli articoli rivolti agli amministratori e ai condomini. Grazie della segnalazione

    in evidenza

Dello stesso argomento