Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
105516 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Intimazione di sfratto per morosità. Si può utilizzare la PEC?
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Intimazione di sfratto per morosità. Si può utilizzare la PEC?

L'intimazione di sfratto per morosità può essere spedita in via telematica?

Avv. Rosario Dolce  

L'articolo 660 del Codice di Procedura Civile stabilisce la “Forma dell'intimazione” precisando, al primo comma, che la licenza di fine locazione o lo sfratto per morosità devono essere notificate a norma degli articoli 137 e ss c.p.c., e, all'ultimo comma, che ove l'intimazione non è stata notificata in mani proprie, l'ufficiale giudiziario deve spedire avviso all'intimato dell'effettuata notificazione a mezzo di lettera raccomandata, e allegare all'originale la ricevuta di spedizione.

=> Sfratto per morosità e risarcimento del danno sono compatibili

Ma cosa succede se la notifica dell'atto avviene in via telematica a mezzo posta elettronica certificata, senza la cura delle formalità ivi riportate? Alla domanda risponde una recente, quanto inedita Sentenza emessa dal Tribunale di Frosinone pubblicata in data 26 marzo 2016. Esaminiamola nel dettaglio.

L'articolo 1 della legge 21 gennaio 1994, n. 53 – modificato dall'articolo 46 del Decreto legge 24 giugno 2014 n. 90 – consente all'avvocato munito di procura speciale di procedere alla notificazione degli atti in materia civile a mezzo di posta elettronica, senza alcuna limitazione quanto alla tipologia degli stessi.

Fuori dai casi in cui la legge riserva espressamente il potere di notificare l'atto giudiziario a soggetti minuti di speciale qualifica (vale a dire agli Ufficiali Giudiziari), si deve ritenere che ciascun avvocato sia legittimato ad eseguire personalmente la notificazione di un atto in materia civile attraverso la forma telematica.

Ora, poiché l'articolo 660, primo comma, Codice di Procedura Civile dispone che l'intimazione di sfratto venga notificata “a norma degli articoli 137 e seguenti” del codice di procedura civile – e quindi anche da soggetti diversi dagli ufficiali giudiziari (a tal proposito, cosi confronti quanto stabilito dall'articolo 149 Codice Procedura Civile) -, la conclusione ricavata dal decidente è quella di estendere, all'ipotesi della notifica telematica, l'intimazione di sfratto morosità o per finita locazione.

=> Sfratto per morosità e mediazione fatta in luogo diverso

 Continua [...]

Per continuare a leggere la notizia gratuitamente clicca qui...

Cerca: sfratto per morosità utilizzo pec

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento