Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
105481 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Per la nomina giudiziale dell'amministratore di condominio cosa occorre?
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Per la nomina giudiziale dell'amministratore di condominio cosa occorre?

È inammissibile l'istanza di un condomino senza il patrocinio del difensore per la nomina giudiziale dell'amministratore di condominio

Avv. Maurizio Tarantino 

In tema di condominio, quando sussiste in concreto una contrapposizione di interessi tra le parti nel procedimento di nomina o revoca dell'amministratore di condominio è legittima l'applicazione dell'art. 91 c.p.c. Pertanto il procedimento di revoca giudiziale in oggetto richiede la necessaria presenza della difesa tecnica, sia per i condomini ricorrenti che per l'amministratore convenuto.

Così si è pronunciato il Tribunale di Modena con il Decreto del 22 febbraio 2016, ove è stato precisato che la natura camerale e di volontaria giurisdizione non fa venir meno la natura di procedimento a parti contrapposte.

Questi i fatti di causa. Alcuni condomini, senza l'assistenza e patrocinio di un difensore abilitato, con ricorso chiedevano al giudice adito la nomina giudiziale di un amministratore di condominio ai sensi degli articoli 1105 e 1129 del codice civile. In particolare, i ricorrenti, denunciavano le gravi irregolarità in capo all'organo gestorio.

=> Nominare un nuovo amministratore senza revocare il precedente,

Costituendosi in giudizio, l'amministratore, contestava in toto le pretese dei condomini ricorrenti.

Orbene, nella fattispecie in esame, preliminarmente, il giudice adito ha meglio precisato che in ordine al procedimento di revoca giudiziale dell'amministratore di condominio, a differenza del procedimento di nomina da parte dell'autorità giudiziaria (al quale dottrina e giurisprudenza assegnano carattere di volontaria giurisdizione non contenziosa, quasi di natura amministrativa e, in ogni caso, assenza di contenuto decisorio del relativo provvedimento), la revoca da parte dell'autorità giudiziaria deve essere effettuata dal Tribunale ad esito di un procedimento che, per costante giurisprudenza, segue le "disposizioni comuni ai procedimenti in camera di consiglio"; d'altra parte l'art. 64 disp. att. c.c. prevede espressamente che sulla revoca prevista dall'art. 1129, terzo comma, c.c., provvede il Tribunale in camera di consiglio, con decreto motivato, sentito l'amministratore in contraddittorio con il ricorrente e che contro il provvedimento del Tribunale può essere proposto reclamo alla Corte di Appello nel termine di dieci giorni dalla notificazione o dalla comunicazione. (In tal senso Cass. Civ., 26/6/2006, n. 14742).

=> Revoca amministratore e pagamento delle spese condominiali

Tuttavia, giova ricordare che detta natura camerale e di volontaria giurisdizione non fa venir meno la natura di procedimento a parti contrapposte, che nella specie vede come legittimo contraddittore l'amministratore del condominio, unico ma necessario legittimato passivo.

Proprio in merito alla condanna alle spese, il giudicante rileva che la natura camerale, non esclude la necessità di decidere sulle spese processuali di cui all'art. 91 c.p.c.; difatti, data la natura di procedimento sostanzialmente contenzioso (benché formalmente camerale), "quando sussiste in concreto una contrapposizione di interessi tra le parti nel procedimento di nomina o revoca dell'amministratore di condominio è legittima l'applicazione dell'art. 91 c.p.c." (Corte appello di Milano, 15/12/2004).

Inoltre, sul punto, va tenuto conto dell'effetto della novella processuale dell'art. 1129 c.c., nel corpo del quale, con la l. n. 220/2012, è stata tra l'altro introdotta, alla fine dell'undicesimo comma, la disposizione secondo la quale "in caso di accoglimento della domanda, il ricorrente, per le spese legali, ha titolo alla rivalsa nei confronti del condominio, che a sua volta può rivalersi nei confronti dell'amministratore revocato".

=> Nomina amministratore da parte del tribunale, possiamo suggerire un nome?

Il riferimento alle spese legali rimanda con evidenza alla presenza di una difesa tecnica; se è vero, infatti, che in ipotesi il riferimento alle spese legali può riguardare anche spese di un giudizio da svolgere tra le parti personalmente, va tuttavia considerato che la necessità di specificazione del diritto di rivalsa si giustifica più razionalmente in riferimento alla ben più consistenti spese di un giudizio con la partecipazione di un Difensore.

Quindi dal menzionato complesso di elementi normativi ed ermeneutici, si ricava che il procedimento di revoca giudiziale in oggetto richiede la necessaria presenza della difesa tecnica, sia per i condomini ricorrenti che per l'amministratore resistente, dovendosi diversamente rilevare l'inammissibilità del ricorso (In tal senso si è espresso anche il Tribunale di Milano nella sentenza n. 1187 del 22 giugno 2001).

Alla luce di tutto quanto innanzi esposto, il ricorso è stato legittimamente dichiarato inammissibile.

=> Dimissioni amministratore senza nuova nomina

Scarica Tribunale di Modena Decreto del 22 febbraio 2016

Cerca: amministratore nomina giudiziale

Commenta la notizia, interagisci...
Elena C
Elena C domenica 22 maggio 2016 alle ore 10:10

ma se come la mia amministratrice e imparziale, non fa rispettare il regolamento condominiale contrattuale,visto che alcuni parcheggino nellarrea di manovra,davanti ai garage,e lamministratrice piu di dirle non risolve il problema,in quanto si e arivato ad un situazione invivibile,miaccia etc,io avvrei posibbilita di chiedere la sua revoca giudiziale per questi motivi?

    in evidenza

Dello stesso argomento