Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
110748 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Come cambiare l'amministratore condominiale
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Come cambiare l'amministratore condominiale

Nomina e sostituzione dell'amministratore condominiale

 

La recente riforma del condominio ha apportato alcune importanti novità anche in materia di nomina e sostituzione dell'amministratore condominiale. In particolare, è stato previsto che l'incarico dell'amministratore condominiale possa essere tacitamente rinnovato e che, per una sostituzione del professionista in ruolo alle previste scadenze, occorra procedere a esplicito diniego.

=> Nomina di un nuovo amministratore e revoca del precedente

Ma andiamo con ordine. Il tenore letterale delle norme riformate sostengono che "l'incarico di amministratore ha durata di un anno e si intende rinnovato per uguale durata". Il rinnovo, di anno in anno, si intenderà tacitamente approvato dall'assemblea dei condomini, salvo che questi non procedano a revoca o diniego espresso a fine mandato.

Si noti altresì che la delibera assembleare di diniego espresso dovrà essere approvata con l'identica maggioranza che era stata prevista per la nomina e per la revoca dell'amministratore, e pertanto con un numero di voti in grado di rappresentare la maggioranza degli intervenuti, e almeno la metà del valore dell'edificio.

I quorum utili per la valida costituzione dell'assemblea fanno invece riferimento alla presenza di tanti condomini che rappresentino i due terzi del valore dell'edificio, e la maggioranza dei partecipanti al condominio (per la prima convocazione), e a tanti condomini che rappresentino almeno un terzo del valore dell'intero edificio, e un terzo dei partecipanti al condominio (per la seconda convocazione).

=> Come compilare l'ordine del giorno quando si revoca l'amministratore

Per quanto concerne i termini di convocazione dell'assemblea, la riforma stabilisce che la riunione per la delibera del diniego di rinnovazione del mandato dell'amministratore condominiale possa essere richiesta da due condomini, e debba essere comunicata all'amministratore in maniera tempestiva e, sempre e comunque, entro la fine del mandato annuale dello stesso.

Si noti infine che la stessa norma non fa alcun riferimento alla possibilità che - durante la stessa assemblea che delibererà l'esplicito diniego al rinnovo del mandato dell'amministratore - i condomini possano procedere alla contemporanea nomina di un nuovo amministratore condominiale.

Nel silenzio della norma, parte della dottrina punta a ritenere non dovuta tale collegata delibera, fatta salva - ovviamente - l'ipotesi in cui vi sia stata una espressa deliberazione favotrevole, e con preventivo inserimento di tale punto all'interno dell'ordine del giorno dell'assemblea.

Potrebbe interessarti anche:

=> L'amministratore revocato e poi confermato è obbligato a consegnare i documenti,

=> Revoca amministratore e pagamento delle spese condominiali

=> Se l'amministratore si dimette all'improvviso l'assemblea può chiedere i danni?

Cerca: condominiale dell'amministratore diniego

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento