Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
105476 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Intonaco esterno del condominio sbiadito. Per contestare la non corretta esecuzione dei lavori, la ditta deve dimostrare la mancanza di qualità del prodotto
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Intonaco esterno del condominio sbiadito. Per contestare la non corretta esecuzione dei lavori, la ditta deve dimostrare la mancanza di qualità del prodotto

Quando il condominio può eccepire la non corretta esecuzione dei lavori alla ditta appaltatrice?

Avv. Leonarda Colucci  

Può accadere nel rifacimento dell'intonaco esterno di un condominio, a breve distanza di tempo, che emergano dei difetti macroscopici come lo sbiadimento del coloro. In tali casi, ovviamente, il condominio può eccepire la non corretta esecuzione dei lavori alla ditta appaltatrice, ma quest'ultima può agire nei confronti della società che le ha venduto il presunto prodotto difettato per recuperare il danno sopportato? E quale onere probatorio grava a carico della ditta appaltatrice che contesta alla venditrice dell'intonaco l'assenza di qualità del prodotto? Vediamo come affronta la vicenda una recente pronuncia di merito.

=> Decoro architettonico e cambio del colore della facciata

Il fatto. La ditta appaltatrice dei lavori per il rifacimento dell'intonaco esterno di un condominio, dopo essere stata condannata al rifacimento di tali lavori, dopo la conclusione di un precedente giudizio instaurato nei suoi confronti dal condominio a fronte dello sbiadimento dell'intonaco, cita in giudizio la società venditrice del prodotto utilizzato per l'esecuzione, sostenendo la scarsa qualità dello stesso e chiedendo il risarcimento dei danni sopportati per aver dovuto rifare l'intonaco esterno del condominio.

A sostegno della sue pretesa la ditta esecutrice dei lavori ha lamentato che il colore aveva perso in breve tempo la tonalità, e per questo ha chiesto che fosse accertato l'inadempimento della società che le aveva venduto il prodotto, chiedendo la restituzione del prezzo di vendita dello stesso ed il risarcimento dei danni sopportati per aver dovuto provvedere nuovamente a rifare l'intonaco del condominio.

La società convenuta, dal canto suo, ha contestato ogni addebito ribadendo che l'avvenuta alterazione del colore dell'intonaco esterno fosse addebitabile ad un errore nella stesura del prodotto su cui la pittura finale è stata applicata.

=> Per quale motivo il comune non può imporre il colore della facciata?

La sentenza. La prima sezione civile del Tribunale di Treviso ha respinto ogni richiesta della ditta che ha contestato, senza tuttavia fornire alcuna prova, la mancanza di qualità del prodotto utilizzato per effettuare la pittura dell'intonaco esterno di un edificio condominiale. (Tribunale di Treviso, 11 gennaio 2018, n. 58)

 Continua [...]

Per continuare a leggere la notizia gratuitamente clicca qui...

Sentenza inedita
Scarica Tribunale di Treviso, 11 gennaio 2018, n.58

Cerca: intonaco esterno del condominio sbiadito

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento