Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
100344 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Multe condominiali. La misura della multa prevista dal codice civile e la sostanziale in applicazione della norma. Il caso del regolamento contrattuale.
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Multe condominiali. La misura della multa prevista dal codice civile e la sostanziale in applicazione della norma. Il caso del regolamento contrattuale.

Imposizione di sanzioni pecuniarie per l'inosservanza delle norme contenute nell'accordo regolamentare

Avv. Alessandro Gallucci  

Ai sensi del primo comma dell’art. 1138 c.c. “ quando in un edificio il numero dei condomini è superiore a dieci, deve essere formato un regolamento, il quale contenga le norme circa l'uso delle cose comuni e la ripartizione delle spese, secondo i diritti e gli obblighi spettanti a ciascun condomino, nonché le norme per la tutela del decoro dell'edificio e quelle relative all'amministrazione”.

Che cosa accade se un condomino non rispetta, ad esempio, le norme poste a tutela del decoro dell’edificio o ritarda nei pagamenti rispetto al termine sancito nel regolamento o ancora usa le cose comuni in modo difforme rispetto a quanto statuito in quel documento?

Il legislatore ha previsto la possibilità d’irrogare delle sanzioni. Ai sensi dell’art. 70 delle disposizioni di attuazione del codice civile, infatti, “ per le infrazioni al regolamento di condominio può essere stabilito, a titolo di sanzione, il pagamento di una somma fino a lire cento. La somma è devoluta al fondo di cui l'amministratore dispone per le spese ordinarie”.

Si tratta di una norma che non hai mai visto l’aggiornamento dell’importo della sanzione rispetto al costo della vita sicché ad oggi la stessa, vista l’eseguita della sanzione, tanto nella sua efficacia preventiva, quanto in quella punitiva, è sostanzialmente inutile. L’art. 72 disp. att. c.c. non inserisce tale articolo (che riguarda le sanzioni) tra quelli inderogabili dal regolamento.

Ci si è chiesto, quindi, se la norma potesse essere derogata prevedendo un rialzo del massimo edittale previsto dalla legge.

La risposta, stando alla costante giurisprudenza della Cassazione, è negativa.

Secondo la Corte regolatrice, “ se, infatti, l'art. 70, cit., prevede che per le infrazioni al regolamento di condominio può essere stabilito, a titolo di sanzione, il pagamento di una somma "fino a lire cento", ciò significa a contrario che non possono essere previste sanzioni di importo maggiore.

Le eventuali disposizioni del regolamento di condominio che dovessero prevedere tali maggiori sanzioni sono nulle, in quanto contra legem” (così Cass. 26 gennaio 1995 n. 948).

La sanzione così come prevista dalle disposizioni di attuazione del codice civile è applicabile solamente ai condomini, ossia ai proprietari delle unità immobiliari e non anche a chi a vario titolo, si pensi agli inquilini, detiene l’unità immobiliare.

In tal senso la Cassazione ha affermato che l’art. 70 disp. att. c.c.” in quanto contempla una c.d. pena privata, ha natura eccezionale, per cui avendo come destinatari i condomini, non può ritenersi applicabile a soggetti i quali, anche se in virtù di un rapporto di natura obbligatoria si trovano a godere delle parti comuni, rimangono estranei all'organizzazione condominiale” (Cass. 17 ottobre 1995 n. 10837).

Fin qui ciò che vale per il regolamento di origine assembleare. Diversa l’ipotesi per quello di natura contrattuale. In quest’ultimo caso, difatti, i condomini potrebbero decidere l’imposizione di sanzioni pecuniarie più alte, quasi una sorta di penale, per l’inosservanza delle norme contenute nell’accordo regolamentare.

Cerca: regolamento sanzioni sanzione

Commenta la notizia, interagisci...
Susanna De Caria
Susanna De Caria lunedì 15 maggio 2017 alle ore 12:04

Buongiorno, sono un'inquilina di un appartamento di una Immobiliare di Milano. Mi hanno inflitto una multa di quasi € 300,00.- perché l'anno scorso ho comunicato il numero dei contatori dell'acqua che ho consumato tre giorni dopo la scadenza, con un fax. E' lecita questa ammenda anche se non sono proprietaria ? Specifico che non ho mai ricevuto una comunicazione al mio indirizzo in merito a questa delibera. Forse è comparso a suo tempo un foglio sulla bacheca, in mezzo a molti altri. Grazie e cordiali saluti.

    in evidenza

Dello stesso argomento