Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
94696 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
I condizionatori di piccole dimensioni possono non rispettare la disciplina delle distanze legali
Problema condominiale? Inviaci un quesito

I condizionatori di piccole dimensioni possono non rispettare la disciplina delle distanze legali

Il condizionatore è un elemento essenziale. Stop allo smantellamento anche se vicini l'uno con l'altro.

Avv.to Maurizio Tarantino - Foro di Bari  

Il benessere prevale sull'estetica del fabbricato condominiale? A quanto pare sì, visto che i condizionatori sono da considerarsi un elemento essenziale al godimento delle abitazioni, e con loro anche i tubi a vista sulla facciata, tanto che non se ne può ordinare lo smantellamento benché vicini l'uno con l'altro.

Questo è il principio di diritto espresso dalla Corte di Appello di Palermo con la sentenza n. 269 del 15 febbraio 2017.

=> Codice civile e regolamento condominiale da rispettare per l'installazione di condizionatori in condominio

=> Installazione di condizionatori d'aria in edifici situati nel centro storico. Alcune soluzioni.

I fatti di causa. Con azione di manutenzione nel possesso (ex art. 703 c.p.c.), Tizio nella qualità di proprietario di un immobile al piano seminterrato dell'edificio sito in Palermo, esponeva che Caia proprietaria della villetta antistante, aveva installato, frontalmente alle finestre del proprio immobile, su apposite basi di cemento e mattoni all'uopo create, tre apparecchiature per il condizionamento dell'area causanti immissioni di rumori oltre la normale tollerabilità, nonché vistose tubature lungo i muri esterni congiungenti i menzionati apparecchi con i balconi del piano rialzato; il tutto in dispregio delle distanze legali, del decoro architettonico dell'edificio, e senza la preventiva autorizzazione degli altri condomini con violazione della destinazione d'uso della villetta per come stabilita nel regolamento condominiale.

Per tali ragioni, il ricorrente chiedeva al giudice adito l'inibizione delle molestie e turbative subite mediante l'immediata rimozione delle suddette opere.

Il Tribunale di primo grado, con sentenza, in accoglimento parziale della domanda di Tizio, ordinava alla resistente solo di schermare le unità esterne dei condizionatori.

 Continua [...]

Per continuare a leggere la notizia gratuitamente clicca qui...

Scarica Corte di Appello di Palermo n. 269 del 15 febbraio 2017

Cerca: condizionatori distanze legali

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento