Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
118541 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Trasferimento senza causa giustificativa di somme di danaro dal conto corrente di un condominio in favore di quello di un altro condominio: chi è tenuto alla restituzione?
Inviaci un quesito

Trasferimento senza causa giustificativa di somme di danaro dal conto corrente di un condominio in favore di quello di un altro condominio: chi è tenuto alla restituzione?

Versamenti in conto corrente di denaro in favore di un altro condominio senza alcuna causa giustificativa

 

L'art.1129 co.7 del Codice Civile prevede espressamente l'obbligo a carico dell'amministratore di far transitare le somme riscosse dai condomini nonché quelle erogate per conto del condominio, su uno specifico conto corrente, postale o bancario.

La riforma del condominio ad opera della legge 11 dicembre 2012 n.220, rendendo obbligatorio il conto corrente per ciascun condominio, ha di fatto reso più chiara la gestione contabile mediante tracciabilità di ogni singola operazione.

Ciò non esclude, però, che in taluni casi un amministratore che gestisca più condominii possa creare confusione impiegando le somme esistenti sul conto corrente di un condominio per pagare spese inerenti ad altro condominio.

Indipendentemente dalla condotta dell'amministratore di più condominii, censurabile magari anche sotto il profilo dell'illiceità, è sicuramente interessante verificare cosa accade sul piano esclusivamente civilistico in ordine alle movimentazioni di danaro prelevato dal conto corrente di un condominio che confluisca sul conto di altro fabbricato condominiale.

La fattispecie che si vuole approfondire riguarda un amministratore di un fabbricato condominiale il quale si rendeva conto, attraverso una verifica sul conto corrente, che il precedente amministratore aveva effettuato versamenti in favore di un altro condominio senza alcuna causa giustificativa ed in assenza di qualsivoglia rapporto tra l'uno e l'altro condominio.

Pertanto il primo condominio, in persona del nuovo amministratore pro tempore, agiva in giudizio dinanzi al Tribunale di Lodi nei confronti dell'altro condominio in favore del quale erano state trasferite somme di danaro per richiedere la restituzione ai sensi dell'art.2033 del Codice Civile ovvero, in subordine, ai sensi dell'art.2041 del Codice Civile.

Estratto conto del conto corrente condominiale, alcune riflessioni

Il condominio convenuto si costituiva in giudizio ed ammetteva che sul conto corrente ad esso intestato erano transitate tutte le somme di denaro delle quali veniva chiesta la restituzione e le movimentazioni contabili anomale erano state effettuate per scopi estranei alla gestione condominiale.

Eccepiva, però, che tali operazioni erano state effettuate dal precedente amministratore che aveva utilizzato il conto corrente intestato al condominio.

Parte convenuta rappresentava che l'illecito era stato commesso dal precedente amministratore e doveva essere ascritto esclusivamente a quest'ultimo avendo agito con eccesso di potere; chiedeva, quindi, la chiamata in causa del medesimo affinchè venisse condannato a tenere manlevato il condominio da ogni conseguenza pregiudizievole derivante dall'eventuale accoglimento della domanda attorea.

Il Tribunale riteneva di non dover autorizzare la chiamata in causa del precedente amministratore poiché la domanda di restituzione dell'indebito ex art. 2033 c.c. avanzata dal condominio era fondata e meritava accoglimento.

Conto corrente condominiale. L'obbligatorietà costa cara. Occhio ai costi di gestione.

Si realizza, infatti, indebito oggettivo quando manca un'originaria causa contrattuale giustificativa di un pagamento o quando la causa sia venuta meno; la ripetizione dell'indebito costituisce, di fatto, espressione del principio generale di necessaria causalità delle attribuzioni patrimoniali.

L'attore aveva provato i fatti costitutivi della pretesa per iscritto mediante produzione della documentazione relativa ai passaggi contabili effettuati senza una causa giustificativa e, peraltro, il condominio convenuto non aveva di fatto contestato che tali operazioni erano avvenute.

Il Giudice del Tribunale di Lodi, nella sentenza n.604 del 13.12.2018, evidenziava che il giudizio era stato correttamente instaurato nei confronti del condominio, dal momento che rispetto alla azione di ripetizione di indebito oggettivo è passivamente legittimato solo il soggetto che ha ricevuto la somma che si assume come non dovuta (Cass. n. 11073/2003).

L'amministratore di condominio aveva operato in forza di un mandato con rappresentanza: di conseguenza, l'attività giuridica posta in essere in qualità di mandatario aveva prodotto effetti direttamente nella sfera giuridico - patrimoniale del condominio - mandante senza necessità di alcun ulteriore attività.

Gli effetti del pagamento indebito, poi, si erano consolidati in capo al condominio che aveva ricevuto sul proprio conto corrente il pagamento non dovuto.

Alla luce di quanto esposto, il versamento dei predetti importi da parte del condominio attore al condominio convenuto doveva ritenersi non dovuto ai sensi dell'art. 2033 del Codice Civile cosicché parte convenuta veniva condannata alla restituzione a favore di parte attrice delle somme trasferite sul conto corrente ed al pagamento delle spese di lite.

=> Riforma del condominio e conto correnti condominiali, per le banche un nuovo affare.

(Avv. Alessandro Moscatelli del Foro di Trani)

Scarica Sentenza 80424665 conto corrente condominio

Cerca: conto corrente condominile

Commenta la notizia, interagisci...
Daniele Lampis
Daniele Lampis 04-01-2019 23:11:47

Non ho capito però perché non sia stata autorizzata la chiamata del terzo a risponderne in solido dal momento che l'unico legittimato ad operare sul conto era esclusivamente proprio lo stesso terzo

rispondi
Pietro
Pietro 09-01-2019 07:13:01

Mi pare che il tribunale non abbia acconsentito alla
Chiamata del terzo (ex amministratore dei condomini) perché di fatto ha riconosciuto nel solo condominio (con nuovo amministratore) la controparte beneficiaria del pagamento indebito.
L’ex amministratore per quanto “operatore” del condominio agisce in nome e x conto.

Nella stessa sentenza è scritto tra l’altro: “Da ultimo, preme evidenziare che il presente giudizio è stato correttamente instaurato nei confronti del Condominio Il Belvedere, dal momento che rispetto alla azione di ripetizione di indebito oggettivo è passivamente legittimato solo il soggetto che ha ricevuto la somma che si assume come non dovuta (Cass. n. 11073/2003).
Occorre poi ricordare che l’amministratore di condominio opera in forza di un mandato con rappresentanza: di conseguenza, l’attività giuridica posta in essere in qualità di mandatario produce effetti direttamente nella sfera giuridico- patrimoniale del condominio - mandante senza necessità di alcun ulteriore attività. È evidente, quindi, che gli effetti del pagamento indebito si siano consolidati in capo al condominio che ha ricevuto sul proprio conto corrente il pagamento non dovuto.“

Ciao

rispondi
Marina
Marina 15-04-2019 12:55:58

A noi sta succedendo la stessa cosa, con la differenza che il nostro amministratore è scappato con la cassa, ossia ha spostato somme di denaro di altri condomini sul conto del nostro e viceversa, ma noi non abbiamo beneficiato di nulla, perché ha distratto tutte le somme e adesso risulta nullatenente. Abbiamo già dovuto pagare di nuovo tutti i debitori per le utenze e i servizi, dobbiamo anche pagare gli altri condomini?

rispondi
Daniele Lampis
Daniele Lampis 15-04-2019 22:33:24

Certamente!
Nel caso gli altri stabili dovessero fare richiesta di ristoro delle somme da loro erogate e confluite nel vostro conto, sarete tenuti alla restituzione.
A nulla vale il principio del godimento, resta valido il riscontro oggettivo del denaro che transiti nel vostro conto senza alcuna funzione oggettiva motivata. Chiaramente solo nel caso i terzi dovessero avanzare pretese.
Sarebbe utile tirare una riga di conti: l'ammontare dell'uscito e quello dell'entrato per ponderare se rendersi a propria volta parte attiva di richiesta di ristoro.

rispondi
Federica
Federica 18-11-2019 02:24:23

Scusate ma a noi sta capitando la stessa esatta cosa, peccato che l'amministratore abbia creato un ammanco anche nel nostro conto di circa 140.000 euro, per i quali sono già stati confermati tutti i pagamenti da noi condomini effettuati e che però non sono stati versati ai vari enti fornitori, perciò abbiamo dovuto ripagare l'ammanco e siamo in causa con l'amministratore. Ora un altro condominio ci chiede la restituzione di somme passate dall'amministratore dal loro al nostro conto. Ma se l'ammanco è risultato anche a noi evidentemente questi soldi a noi sono transitati ma poi versati ad altri stabili o addirittura trattenuti dall'amministratore. Cioè quindi siamo cornuti e mazziati? La trovo una cosa assurda.

rispondi
Federica
Federica 18-11-2019 02:54:28

Ho appena letto inoltre un'altra sentenza che invece condannava l'amministratore per appropiazione indebita in un caso analogo. Quindi quale sarebbe il miglior modo per procedere?

rispondi
Daniele Lampis
Daniele Lampis 18-11-2019 07:12:21

Di sicuro vi dovrete armare di un ctp che vi certifichi e cristallizza una situazione contabile che evidenzi ingressi ed uscite non autorizzati.
Successivamente discutere in assemblea il da farsi quantiifcando il danno patrimoniale e valutare se agire o meno.
Rimane sempre il solito ed annoso problema: la volpe che ha mangiato l'uva, è aggredibile o no? La legge tutela solo sulla carta e difficilmente chi fa queste porcate è intestario di qualcosa di concreto. W l'italia, come cantava De Gregori

rispondi
Annulla

    in evidenza

Dello stesso argomento