Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
114106 utenti
Registrati
chiudi
Inviaci un quesito

Superbonus 110% e Altri interventi di Riqualificazione, Novità e Responsabilità.

Importanti novità per gli interventi di efficientamento energetico. Le nuove scadenze.
Gestirsi Service 

La legge di bilancio 2022 ha confermato il Superbonus, prorogandone i termini con alcune modifiche che riguarderanno la tipologia di interventi, i beneficiari, e l'aliquota fiscale che in taluni casi si abbasserà.

Nello specifico, per gli interventi da effettuarsi su condomini ed edifici plurifamiliari da 2 a 4 u.i. possedute da persona o più persone fisiche compresi quelli effettuati su edifici oggetto di demolizione e ricostruzione di cui all'articolo 3, comma 1, lettera d), del DPR 380/2001, la detrazione fiscale sarà al:

  • 110% fino al 31 dicembre 2023 (fino al 31 dicembre 2025 solo per aree terremotate);
  • 70% per il 2024;
  • 65% per il 2025.

Per gli interventi effettuati invece dalle persone fisiche su edifici unifamiliari è confermata la detrazione al 110% fino al 31 dicembre 2022 purché alla data del 30 giugno 2022 sia stato realizzato il 30% dei lavori.

Per gli interventi effettuati da IACP e Cooperative a proprietà indivisa è confermata la detrazione al 110% fino al 31 dicembre 2023 purché alla data del 30 giugno 2023 sia stato realizzato almeno il 60% dell'intervento complessivo (in caso contrario, detrazione valida solo fino al 30 giugno 2023).

Per gli interventi effettuati da Onlus, Associazione di promozione sociale, Organizzazioni di volontariato è confermata la detrazione al 110% fino al 31 dicembre 2023.

La legge di bilancio 2022 ha prorogato anche lo sconto in fattura e la cessione del credito per il superbonus 110 fino al 31 dicembre 2025. Per i bonus "ordinari" (quindi bonus ristrutturazioni, ecobonus, sismabonus, bonus facciate e per l'installazione di impianti fotovoltaici e colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici), anch'essi prorogati, sconto in fattura e cessione del credito solo fino al 31 dicembre 2024.

Modificato anche il periodo temporale per l'applicazione del cosiddetto 'bonus facciate', ora esteso a tutto il 2022 per le spese finalizzate al recupero o restauro della facciata esterna di specifiche categorie di edifici, riducendo dal 90 al 60 la percentuale di detraibilità.

In particolare, la detraibilità dall'imposta lorda per le spese documentate relative agli interventi, ivi inclusi quelli di sola pulitura o tinteggiatura esterna, finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti ubicati in zona A o B ai sensi del decreto del Ministro dei lavori pubblici n. 1444 del 1968, è ridotta dal 90 al 60%.

Superbonus 110%: ricordiamo i requisiti di accesso

Non dimenticate che per poter usufruite del SuperBonus al 110% sono richiesti alcuni requisitidi accesso o per meglio dire dei vincoli:

  • il bonus viene erogato solo se garantisce un miglioramento di almeno 2 classi energetiche e, se non possibile, di una sola ma la più alta raggiungibile.

    L'aumento delle classi energetiche deve essere certificato da un Attestato di prestazione energetica (APE) rilasciato da un tecnico abilitato

  • il bonus viene erogato se gli interventi contribuiscono alla riduzione del rischio sismico.

    In questo caso l'unico requisito richiesto è che le abitazioni si trovino nella zona sismica 1, 2 o 3.

    Importante sottolineare che in caso di adeguamento antismico è possibile usufruire di una detrazione del 90% sull'acquisto di una polizza assicurativa anticalamità.

OBBLIGHI DELL'AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO

Uno degli adempimenti in capo all'amministratore, in qualità di committente dei lavori edili, è la verifica dei requisiti tecnico professionali dei fornitori, reso obbligatorio dal Testo Unico per la sicurezza (D.Lgs. 81/08 e s.m.i.). Per idoneità tecnico-professionale si intende il possesso di capacità organizzative, nonché la disponibilità di forza lavoro, di macchine e di attrezzature, in riferimento ai lavori da realizzare. (Art.89, lett. l, D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, T.U. Sicurezza sul lavoro)

Quello che si chiede al Committente nell'affidare i lavori a imprese o lavoratori autonomi è di operare una verifica non solo formale ma seria e sostanziale, non realizzata solo in un'ottica economica.

È quindi fondamentale che il committente, affidandosi ad un'impresa qualificata, scenda nel merito anche di specifiche qualifiche e conoscenze tecniche che questa deve possedere, come ad esempio corsi specifici di formazione (ponteggi, preposti, etc...) o abilitazioni a conduzione di attrezzature particolari (macchine movimento terra, gru, gru su autocarro, etc...).

Se l'impresa non ha una buona organizzazione per l'esecuzione dei lavori, idonei mezzi di produzione e di personale qualificato, c'è una forte probabilità che durante i lavori si possano verificare infortuni anche gravi.

Di conseguenza, le gravi violazioni alla disciplina della tutela della salute e sicurezza comportano la sospensione dell'attività imprenditoriale, la chiusura del cantiere e la perdita del riconoscimento delle detrazioni fiscali, quali quelle del Superbonus.

DOCUMENTI DA PRESENTARE

Dal punto di vista documentale, le imprese e i lavoratori autonomi, dovranno presentare almeno:

  • iscrizione alla camera di commercio, industria ed artigianato con oggetto sociale inerente alla tipologia dell'appalto;
  • documento di valutazione dei rischi di cui all'articolo 17, comma 1, lettera a); per i lavoratori autonomi specifica documentazione attestante la conformità alle disposizioni di cui al presente decreto legislativo di macchine, attrezzature e opere provvisionali, l'elenco dei dispositivi di protezione individuali in dotazione, gli attestati inerenti la formazione e la relativa idoneità sanitaria ove espressamente previsti dal D.Lgs. 81/2008;
  • documento unico di regolarità contributiva di cui al decreto ministeriale 24 ottobre 2007;
  • dichiarazione di non essere oggetto di provvedimenti di sospensione o interdittivi di cui all'articolo 14 del del D.Lgs. 81/2008.

La verifica dell'idoneità non si esaurisce al momento della scelta dell'impresa esecutrice ma prosegue lungo tutto l'iter fino a conclusione dei lavori.

Il committente e le imprese affidatarie devono cooperare per l'individuazione di rischi specifici ed interferenziali e per l'attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro incidenti sull'attività lavorativa oggetto dell'appalto.

CONTATTA GESTIRSI SERVICE PER IL SERVIZIO DI VERIFICA DEI REQUISITI TECNICO PROFESSIONALI DEI TUOI FORNITORI, E PER AVERE UN SUPPORTO COSTANTE E SPECIALIZZATO NELLA PREVENZIONE DI OGNI TIPO DI RISCHIO.

Per qualsiasi informazione o richiedere un preventivo contatta GESTIRSI SERVICE - GESTIRSI SERVICE

Commenta la notizia, interagisci...
Roberto
Roberto 26-01-2022 06:49:42

La normativa 110%, ottima nelle intenzioni iniziali, in alcuni casi si è tramutata nel festival dell'ingordigia. Pertanto tutte le restrizioni successive sono giustificate

rispondi
Elio
Elio 15-02-2022 21:45:45

Concordo pienamente!!
Hanno fatto letteralmente schifo ed ora ci ritroviamo con una macchina con due ruote di quattro completamente bucate, bolla speculativa fuori da ogni logica e lavori fatti pure male…
Complimenti imprenditori edili Italiani!!

rispondi
Roberto
Roberto 16-02-2022 10:19:16

Tanto per restare in tema di 110%, qualcuno sa dirmi perchè quando leggo l'art. 1123 c.c. nel punto ".....se si tratta di cose destinate a servire i condomini in misura diversa(forse inteso anche come modo diverso?),le spese sono ripartite in proporzione dell'uso che ciascuno può farne" mi viene da pensare che i box e le cantine di un condominio con un rivestimento a cappotto che si ferma sull'architrave dei box non sia di utilità a questi ultimi ma solo agli appartamenti suvrastanti? Se così fosse,pertinenze o no sarebbero escluse dai benefici fiscali e da ogni onere; potrebbero al massimo concorrere con il bonus facciate sulla tinteggiatura finale.
Cordiali saluti.
Roberto

rispondi
ENNIO
ENNIO 13-04-2022 14:27:52

SE esiste un regolamento contrattuale che impedisce modifiche estetiche, il superbonus 110 è possibile con maggioranza ordinaria visto che il cappotto modifica l'estetica a mattoni a vista? Grazie

rispondi
Roberto
Roberto 13-04-2022 14:57:16

Da dilettante della materia penso che ciò che è contrattuale sia blindato. Pertanto penso possa essere modificato solo con una convenzione unanime, ovvero con la totalità dei condomini, nessuno escluso. Sul 110% ne sono uscite troppe. Meglio verificare. Vedremo che succederà alle prime controversie.

rispondi
Annulla

  1. in evidenza

Dello stesso argomento


Superbonus 110%, cosa sta cambiando?

Ampliamento dei beneficiari, si agli interventi sulle seconde case, nuovi lavori agevolabili e massimali di spesa più bassi, ecco il nuovo superbonus 110%. Finalmente il Decreto Rilancio nel tardo pomeriggio