Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
109288 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Litigi tra condomini? Vietato usare le armi
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Litigi tra condomini? Vietato usare le armi

Niente armi se si litiga con i vicini

Avv. Maurizio Tarantino  
La vicenda. Tizio lamentata l'illegittimità del provvedimento con il quale il Vice Prefetto di Genova aveva rigettato la sua istanza di revoca del divieto di detenzione di armi, munizioni e materie esplodenti. Tale provvedimento inibitorio era stato originariamente adottato in ragione dei rapporti gravemente conflittuali tra l'esponente ed il vicino di casa che, originati da questioni condominiali, erano sfociati in reciproche querele e avevano progressivamente coinvolto i rispettivi nuclei familiari. Difatti il Viceprefetto ha ritenuto che la risalenza del rapporto conflittuale, protrattasi peraltro anche negli anni successivi all'adozione del provvedimento inibitorio, non faceva venir meno l'attualità del giudizio di inaffidabilità, ritenendo che lo scarso autocontrollo manifestato dall'istante negli episodi contestati poteva influire negativamente sulla qualità delle relazioni civili con gli altri consociati.

=> Sempre più spesso i litigi tra vicini di casa finiscono nelle aule di tribunale.

I problemi in condominio. Secondo alcuni studi riportati da alcune Compagnie di Assicurazioneil 62 per cento degli italiani ignora o è ostile ai vicini. Si litiga di più per le parti comuni (64%) e per gli schiamazzi (48%) la televisione o la musica ad alto volume (40%), persino gli odori ritenuti molesti (31%) o la presenza di cani e bambini (36%).

Sul pianerottolo, poi, di solito ci si evita: più della metà degli intervistati (62%) ha dichiarato di non avere rapporti con i vicini e di non voler socializzare sia per mancanza di tempo (44%) sia per mancanza di fiducia (16%) nei confronti degli estranei.

=> Liti in condominio. Quando non bastano delle regole scritte a garantire una serena convivenza

Il ragionamento espresso dal TAR Liguria. Secondo i giudici amministrativi, nel nostro ordinamento, l'autorizzazione alla detenzione delle armi deve considerarsi eccezionale e le esigenze di incolumità di tutti i cittadini sono prevalenti e prioritarie, per cui la richiesta di porto d'armi può essere soddisfatta solo nell'ipotesi che non sussista alcun pericolo che il soggetto possa abusarne, richiedendosi che l'interessato sia esente da mende e al di sopra di ogni sospetto o indizio negativo in modo tale da scongiurare dubbi e perplessità sotto il profilo dell'ordine e della sicurezza pubblica.

Pertanto, la revoca o il diniego dell'autorizzazione possono essere adottate sulla base di un giudizio ampiamente discrezionale circa la prevedibilità dell'abuso dell'autorizzazione stessa, potendo assumere rilevanza anche fatti isolati, ma significativi (C.d.S., sez. IV 23 maggio 2017, n. 2404).

In conclusione, non sussiste quindi, nel nostro ordinamento, un diritto soggettivo all'utilizzo delle armi, costituendo anzi la regola generale quella del divieto di uso di armi; l'autorizzazione di polizia che rimuove tale limite è frutto di una valutazione discrezionale che reputa assenti rischi, anche potenziali, alla sicurezza e all'incolumità pubblica.

Nell'ambito di tali valutazioni l'amministrazione può valorizzare episodi anche relativi a conflittualità fisica e verbale nei rapporti familiari, o di convivenza, o di vicinato dai quali emerga una difficoltà di autocontrollo atta a minare il giudizio di affidabilità che deve costituire fondamento dell'autorizzazione de qua.Alla luce di tali considerazioni il TAR Liguria ha stabilito che. "è legittimo il diniego dell'istanza di revoca del divieto di detenzione di armi, munizioni e materie esplodenti ove motivato con riferimento a episodi, anche risalenti nel tempo, relativi a conflittualità fisica e verbale del richiedente nei rapporti familiari, di convivenza o di vicinato dai quali emerga una difficoltà di autocontrollo dello stesso atta a minare il giudizio di affidabilità posto a fondamento della relativa autorizzazione". (Tar Liguria sez. I, 17.05.2018, n. 459).

=> Litigiosità condominiale: aspetti comparati

Cerca: litigi tra condomini

Commenta la notizia, interagisci...
Cristina
Cristina lunedì 11 giugno 2018 alle ore 17:47

Chi ha il porto d'armi ha anche il nulla osta di una commissione sanitaria. Se la commissione sanitaria è corrotta lascia nulla osta non dovuti. La mente di chi detiene armi deve essere controllata, le persone psicolabili non possono avere armi vedi caso recente di macerata.
Se ci sono argomentazioni valide - minacce alla propria vita e/o patrimonio comprovate da denunce con data e firma - la detenzione è lecita, i cacciatori o presunti tali hanno tutti un arma.
I tribunali servono a poco soprattutto quando ci sono stati morti innocenti.

    in evidenza

Dello stesso argomento