Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
109201 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
L'installazione delle tende da sole ed i problemi connessi all'alterazione del decoro architettonico ed alla proprietà dei balconi
Problema condominiale? Inviaci un quesito

L'installazione delle tende da sole ed i problemi connessi all'alterazione del decoro architettonico ed alla proprietà dei balconi

Installazione tende da sole in condominio: i limiti imposti dalla legge e quelli derivanti dal regolamento. Le cose da sapere per evitare errori.

Avv. Alessandro Gallucci 

Installare una tenda da sole in un edificio in condominio, cosa c'è da sapere?

A quali norme e documenti bisogna guardare se si ha intenzione di procedere con l'installazione di una tenda da sole?

Quali le conseguenze che si possono subire nel caso d'installazione fuori norma?

Rispondere a questi quesiti vuol dire potersi approcciare alla materia in maniera consapevole, onde evitare errori e contestazioni. Certo, specie per queste ultime, nulla garantisce dal 100%, ma sapere che cosa fare è certamente meglio del contrario.

Entriamo nel dettaglio.

Tende da sole e rilevanza storica dell'edificio

L'utilità della tenda da sole è nota a tutti. La stessa ci è ricordata in uno dei significati che il vocabolario della lingua italiana attribuisce al termine tenda quando specifica che esso può stare ad indicare quel «telo pesante collocato o montato in vario modo all'esterno di finestre, logge, balconi, sopra vetrine di negozi e simili per riparare dalla luce del sole o dalla pioggia» (De Mauro Dizionario della lingua italiana, Paravia Bruno Mondadori, 2000).

L'installazione delle tende da sole sul prospetto (soprattutto su quello aggettante sulla pubblica via) può prima d'ogni cosa comportare la necessità di chiedere dei preventivi permessi amministrativi.

La rilevanza storico - artistica del palazzo, ad esempio, può assoggettare una simile operazione ad un'autorizzazione alla sovraintendenza competente per territorio (si veda art. 21 d.lgs n. 42/04).

In alcuni comuni, inoltre, vigono le così dette ordinanze sul colore sicché prima di qualsiasi intervento è utile prendere le necessarie informazioni presso gli uffici comunali competenti.

Tende da sole in condominio, problematiche connesse

Nel caso di unità immobiliare ubicata in condominio alle questioni pubbliche si aggiungono quelle strettamente inerenti la compagine condominiale:

a) l'alterazione del decoro architettonico;

b) il rispetto del regolamento;

b) la necessità di chiedere l'autorizzazione per l'apposizione dei ganci cui fissare i teli.

Tende da sole in condominio: decoro architettonico, alterazione e soluzioni

Il decoro architettonico s'identifica con «l'estetica del fabbricato data dall'insieme delle linee e delle strutture che connotano lo stabile stesso e gli imprimono una determinata, armonica fisionomia ed una specifica identità» (Cass. n. 851 del 2007). Alterare il decoro vuol dire peggiorare l'estetica dell'edificio cagionando un danno economico alle parti comuni e/o a quelle di proprietà esclusiva (Cass. n. 1286/2010).

Per evitare d'incappare in lamentale circa la sua avvenuta alterazione è consigliabile, prima di procedere all'installazione, ottenere il preventivo consenso di tutti i condomini. Agire diversamente non è illegittimo ma, si ripete, espone al rischio di vedersi contestata, magari anche per le vie giudiziali, l'alterazione del decoro. Ottenere il placet da ogni condomino, quindi, potrebbe voler significare agire in piena sicurezza.

Si usa il condizionale perché, è bene dirlo, potrebbe comunque non bastare laddove l'installazione risultasse comunque deturpare l'estetica. Motivo? L'art. 1138, quarto comma, c.c. considera inderogabile, tra gli altri, anche l'art. 1120 c.c. pure se ricorre il consenso di tutti i condòmini; ciò vuol dire che nemmeno l'ok di tutti i vicini può consentire il peggioramento estetico della facciata. Sempre che si consideri anche il decoro elemento sottratto alla disponibilità delle parti.

Tende da sole in condominio e regolamento

Il regolamento condominiale, proprio in ragione del fatto che tra le sue funzioni v'è quella di disciplinare il decoro dello stabile, può contenere particolari norme relativamente all'installazione delle tende (es. dimensioni, colore, ecc.). Il riferimento è qui allo statuto di origine assembleare, che può limitarsi a tali prescrizioni, ma mai vietare la installazione di tende.

=> Delibere condominiali sulle tende da sole, alcune precisazioni

Se di natura contrattuale, il regolamento può spingersi fino a vietare qualunque modificazione dell'estetica dell'edificio. Com'è stato affermato, è «del tutto legittimo che le norme del regolamento di condominio - ove di natura contrattuale, id est predisposte dall'unico originario proprietario dell'edificio ed accettate con i singoli atti d'acquisto dai subentrati condomini ovvero adottate con il consenso unanime di questi ultimi in sede assembleare, […] - possano derogare od integrare la disciplina legale ed, in particolare, possano dare del concetto di decoro architettonico una definizione più rigorosa di quella accolta dall'art. 1120 CC, estendendo il divieto d'immutazione sino alla conservazione degli elementi attinenti alla simmetria, all'estetica, all'aspetto generale dell'edificio quali risultanti nel momento della sua costruzione od esistenti in quello della manifestazione della volontà negoziale» (Cass. 6 ottobre 2009 n. 11121).

=> Installazione tenda parasole in condominio. Distanze e norme che regolano i rapporti di buon vicinato

Tende da sole in condominio e aggancio ai balconi

L'altra questione che può interessare in relazione alla materia trattata è quella dell'autorizzazione a fissare i ganci al così detto sottobalcone dell'unità immobiliare sovrastante. Al riguardo è opportuno rammentare la distinzione tra balconi aggettanti ed incassati.

I primi "costituendo un "prolungamento" della corrispondente unità immobiliare, appartengono in via esclusiva al proprietario di questa; soltanto i rivestimenti e gli elementi decorativi della parte frontale e di quella inferiore si debbono considerare beni comuni a tutti, quando si inseriscono nel prospetto dell'edificio e contribuiscono a renderlo esteticamente gradevole" (Cass. 30 luglio 2004 n. 14576).

Per quelli c.d. incassati, invece, la proprietà è divisa a metà essendo considerati gli stessi un tutt'uno con il solaio interpiano.

Fermo restando quanto detto in relazione a autorizzazioni amministrative e decoro architettonico, per ciò che concerne l'aggancio delle tende è possibile affermare quanto segue:

a) nel caso di balcone aggettante privo di elementi in grado di connotare l'estetica del palazzo, il condomino interessati all'installazione dovrà chiedere il permesso d'apporre i ganci al proprietario dell'unità immobiliare cui il balcone funge da pertinenza;

b) nel caso di presenza di elementi che caratterizzano il decoro del condominio, l'autorizzazione andrà chiesta alla compagine nel suo insieme;

c) nel caso di balcone incassato e limitatamente l'apposizione dei ganci non dovrà essere chiesto nessun permesso.

=> Decoro architettonico e cambio del colore della facciata

=> Le tende solari possono restare sul terrazzo dell'appartamento se non ledono il decoro

Cerca: decoro tende sole

Commenta la notizia, interagisci...
Rita
Rita lunedì 10 aprile 2017 alle ore 22:13

Salve,
Vorrei sapere se è giusto che il primo che arriva in condominio scelga la fantasia dei tendaggi esterni. La legge cosa dice a riguardo? Si dovrebbe attendere che tutti gli appartamenti vengano venduti per decidere unanimamente, oppure il primo che arriva si può prendere la briga di farlo per tutti?

Avv. Alessandro Gallucci
Avv. Alessandro Gallucci mercoledì 12 aprile 2017 alle ore 15:25

No, la legge non dice nulla in merito. Le norme di riferimento per il colore delle tende possono essere contenute:
a) a livello generale nel regolamento edilizio del comune;
b) a livello condominiale nel regolamento accettato al momento dell'acquisto (comunque non è obbligatoria la sua allegazione agli atti d'acquisto).

**Leggi il mio best seller

Come gestire un condominio: per imparare a gestire un condominio, nella pratica, senza commettere errori.

Giovanni
Giovanni venerdì 14 aprile 2017 alle ore 19:33

vivo in una casa bifamigliare, io occupo il primo piano, ho messo un tendone attaccato al balcone dell'inquilino di sopra, e un balcone normale, dovevo chiedere il permesso per mettere i ganci?

Installazione Tenda
Installazione Tenda venerdì 26 maggio 2017 alle ore 22:50

Buonasera, dopo aver ristrutturato la parte inferiore del mio balcone (poggiolo) nel mio condominio chiedo se il mio vicino di sotto al mio poggiolo ha il diritto o meno di installare e quindi forare il mio sotto poggiolo per fissare la sua tenda da sole, considerato che è mia proprietà ed ho pagato io per riparalo. Grazie mille

Pietro ( Genova)
Pietro ( Genova) venerdì 26 maggio 2017 alle ore 22:52

Buonasera, dopo aver ristrutturato la parte inferiore del mio balcone (poggiolo) nel mio condominio chiedo se il mio vicino di sotto al mio poggiolo ha il diritto o meno di installare e quindi forare il mio sotto poggiolo per fissare la sua tenda da sole, considerato che è mia proprietà ed ho pagato io per riparalo. Grazie mille

Daniele (Arezzo)
Daniele (Arezzo) giovedì 20 luglio 2017 alle ore 14:11

Buongiorno, vivo al secondo piano di un condominio con 6 unità abitative e vorrei installare una tenda da sole. Faccio presente che 4 dei suddetti appartamenti hanno già, negli anni, seppur in momenti diversi, provveduto all'installazione di quanto sopra. C'è un però: i primi 3 hanno optato per una tenda dai colori bianco e giallo, a strisce (anche se dati i tempi diversi dell'installazione, non risultano essere identici, ma più o meno sulle stesse tonalità) mentre l'ultimo, senza alcuna autorizzazione, ha provveduto alla scelta dei colori bianco e marrone, sempre a strisce.
Ho chiesto all'Amministratore istruzioni su come procedere e mi è stato risposto di dovermi uniformare ai colori ed alla tipologia delle tende già presenti. La mia domanda, quindi, sorge spontanea: dovrei uniformarmi alla maggioranza e, quindi, optare per i colori bianco e giallo oppure dovrei seguire quelli relativi all'installazione più recente? Purtroppo, sono proprietario da un anno soltanto e, quindi, non posso sapere esattamente come siano andate le cose, ma a giudicare dall'usura degli apparati, mi sento di poter dire che le cose siano andate esattamente come mi è stato riferito, cioè che il colore originario sia stato bianco e giallo e non bianco e marrone. Resto in attesa di Vs. nuove. Ringrazio anticipatamente.

Katia
Katia venerdì 21 luglio 2017 alle ore 16:25

buongiorno,
vivo in un condominio da ormai 10 anni e ho installato una tenda da sole che utilizzo non solo d'estate ma anche d'inverno come copertura, non avendo sopra di me, alcun balcone. Alcuni condomini si sono lamentati del fatto che la mia tenda, ha cambiato colore e che rovino il decoro architettonico del condominio. Sono obbligata a cambiarla oppure no?
grazie mille

Nico
Nico giovedì 08 febbraio 2018 alle ore 12:43

Buongiorno, sul mio balcone, un balcone rientrante nel perimetro del condominio, con 3 lati chiusi, vorrei istallare delle tende anti vento completamente trasparenti in modo da rendere il balcone utilizzabile anche di inverno per mettere uno stendino o altro, devo chiedere l'autorizzazione al condominio e chiedere altre autorizzazioni? grazie

Avv. Alessandro Gallucci
Avv. Alessandro Gallucci mercoledì 14 febbraio 2018 alle ore 10:31

@Nico: se il regolamento non dice nulla, no la semplice installazione delle tende non è soggetta ad autorizzazione condominiale, ma a semplice comunicazione all'amministratore (art. 1122 c.c.). E' consigliabile, anzi doveroso, prendere informazioni presso il comune per comprendere se quest'ente, data la tipologia di opera, richiede comunicazioni, ovvero autorizzazioni.

Giuseppe
Giuseppe sabato 10 marzo 2018 alle ore 19:08

Buon giorno.sono proprietario di un'appartamento da 10 anni.Al momento dell'acquisto vi era già installata una tenda da sole lato strada (facciata principale)
Il mio balcone è lungo 7metri e la tenda di circa 3 metri e mezzo è montata al centro come hanno fatto gli altri condomini ad eccezione di quello del primo piano dove la tenda è montata solo sul lato destro ed è più piccola (circa 1 metro) questo perché a quel piano l'alloggio è stato diviso in due e la tenda appartiene al monolocale.
Ho chiesto all'amministratore di poter mettere due tende per coprire l'intera lunghezza del balcone in quanto d'estate è così caldo da nn poterlo utilizzare (non posso nemmeno aprire la porta finestra per il calore che arriva) ma mi è stato detto che nn si può perché sarebbe una modifica dell'aspetto nella facciata. Anzi..mi è stato chiesto di sostituire la mia tenda perché il colore è differente e le striscie sono verticali e nn orizzontali come per gli altri.
Ho due domande:
Siccome la tenda era già lì quando ho comprato (forse è lì da molto più di 10anni) e nessuno fino ad ora ha detto niente sono obbligato a sostituirla?
E se devo sostituire, posso in considerazione del caldo in quel balcone e in considerazione del balcone del primo piano ove è presente una tenda da sole sfalsata rispetto alle altre, pretendere di aggiungere una seconda tenda da sole magari posta nella stessa posizione di quella presente al primo piano?
Grazie della risposta

Francesca
Francesca venerdì 27 aprile 2018 alle ore 16:58

buongiorno:
sono affittuaria in una palazzina di n 6 alloggi (4 di proprietà)e il mio alloggio è su un aria sola con 12 mt di balcone dove batte il sole dall'alba al tramonto (con enorme disagio per il caldo) i condomin/proprietari mi hanno intimato di togliere le tende da sole a caduta. e che inviteranno la proprietaria a mettere le tende a rullo ( cosa che io mi rifiuto di fare a spese mie in quanto appunto la casa non è mia). Nel caso la proprietaria di rifiutasse come posso comportarmi?

Deborah
Deborah venerdì 01 giugno 2018 alle ore 10:35

Buongiorno io ieri ho installato una tenda da sole chiedendo l’autorizzazione al condomine di sopra..lui mi ha autorizzata a farlo visto che dovevo ancorare la tenda nella soletta di sua proprietà in quanto è un balcone aggettante! A tenda installata il condomine mi fa notare che non può stendere le lenzuola per tutta la lunghezza di esso perché prima poteva farlo e adesso la mia tenda ostruisce questo! Come mi devo comportare? Sinceramente preferisco avere l’ombra della mia tenda e non delle sue lenzuola che tocco con mano...

Rossella
Rossella sabato 09 giugno 2018 alle ore 22:51

Buonasera
Volevo sapere come fare a far togliere il tendone al vicino sotto di me che a forato il mio sotto balcone senza autorizzazione, in che modo devo procedere? Qualcuno mi sa aiutare grazie

David
David lunedì 25 giugno 2018 alle ore 16:04

Ho installato 30 anni fa una tenda collegandola mediante staffe alla soletta in c.a. del balcone del piano superiore. Dopo 30 anni il proprietario mi chiede di smontare la tenda per poter effettuare lavori di ristrutturazione sulla soletta e mi intima a non rimontarla. Dopo 30 anni, documentabili, vale una sorta di diritto acquisito? quali pezze di appoggio potrei avere?

Angelica
Angelica sabato 08 settembre 2018 alle ore 11:19

Abito in un terzo piano Devo ristrutturare il mio balcone Siccome il piano sottostante ha applicato il teloni sotto il mio sottobalcone posso farglieli togliere a carico a carico delle sue spese visto che i muratori hanno problemi per ristrutturare il balcone come si deve

Angelica
Angelica sabato 08 settembre 2018 alle ore 11:21

In seguito la signora ha minacciato che non toglie le tende e che se gliele gliel'ho rovinano Mi denuncia

Eddy
Eddy lunedì 28 gennaio 2019 alle ore 20:29

A febbraio 2017 l'assemblea con. Le ha respinto la mia richiesta di installare le tende da sole (all'ultimo piano sul mio sottotetto); senza queste debbo tenere le persiane chiuse estate / inverno per il sole, e non posso godermi la terrazza;
a luglio 2018 le ho fatte installare, dopo aver sentito il comune e l'arpav;
chiedo:c'è un tempo di prescrizione per la reazione di qualche condomino?
E quale tipo di vertenza potrebbe essere messa in atto?




c'è

Giuseppina
Giuseppina mercoledì 10 aprile 2019 alle ore 21:39

Buonasera sottopongo di seguito un quesito a cui avrei piacere di ricevere parere.
Abito in affitto in un condominio, di recente ho installato tenda a caduta in pvc per una maggior protezione nei mesi invernali del terrazzo.Tenda invisibile nel momento in cui viene raccolta.Tenda ad impatto estetico zero!La stessa è presente da tanti anni (circa 8) sul terrazzo di inquilino dello stabile -stessa facciata, solo terrazzo più piccolo- e da inquilino altro civico ma stesso condominio.Per correttezza, ma senza alcun tipo di dubbi in merito al permesso di installarla, ho dapprima avvisato il consigliere del condominio-uno dei tanti- che mi ha dato parere favorevole e,a mezzo e mail, lo stesso amministratore.Premetto che prima di scrivere e mail ho in più occasioni cercato al telefono lo stesso amministratore, Senza successo.Ad una settimana dal montaggio, L amministratore via e mail chiede maggiori informazioni in merito (tipologia di tenda,modello,
Colore eccc..è relativo progetto ) invio quanto richiesto e lo stesso successivamente risponde di attendere la delibera di prossima assemblea utile- ovvero dopo 6 mesi!!Follia pura!!Un mese fa la proprietà dell appartamento mi gira e-mail inviata dall amministratore che a seguito di incontro tra i consiglieri, diffidava allo smontaggio immediato tenda!!La proprietà, essendo dalla mia parte, risponde all amministrare di utilizzare il buon senso e di attendere almeno l assemblea.Poco prima dell assemblea alla quale avrei ovviamente partecipato, anche solo per il gusto di vedere in faccia i condomini contrari, la proprietà mi contatta a seguito di suggerimento dell amministratore che chiede di avere delega per motivare al meglio la discussione.Mi fido e non partecipo, convinta della buona riuscita .Oggi, con tanta amarezza vengo a sapere dal verbale che L assemblea ha deliberato all’unanimità lo smontaggio della mia tenda e di quella dell altro condomino (che come detto all inizio, è da circa 8 anni che ce L ha!!) entrambi non presenti.Ora premesso che nel verbale non si fa riferimento alcuno rispetto al divieto condominiale, sulla base di che cosa il condominio può imporre di smontarla se non è indicato nulla nel regolamento e se non è necessaria autorizzazione comunale?
Confido in pareri, e ringrazio dell attenzione.

Avv. Alessandro Gallucci
Avv. Alessandro Gallucci venerdì 12 aprile 2019 alle ore 07:51

Mi pare una situazione che necessiti di una valutazione con un legale del posto per valutare il da farsi. Io credo tu possa contestare quella decisione, ma sul come e con che tempi, questo va valutato dopo lo studio delle carte.

Roberta
Roberta venerdì 12 aprile 2019 alle ore 07:58

Buon giorno, innanzitutto ringrazio per la cortese risposta.
Mi sto documentando il più possibile e tra l altro ieri ho verificato che al civico dello stesso stabile , stesso amministratore, un condomino che in sede di assemblea era rappresentato da un consigliere di condominio appena nominato, possiede stessa tenda pvc a caduta!quindi siamo davvero alla follia pura e la professionalità dell amministratore è davvero pari a zero!Tra L altro mi chiedo, avendo lui delega da parte della proprietà , favorevole al montaggio , perché è stato deliberato all’unanimita’ lo smontaggio??

Togato
Togato venerdì 12 aprile 2019 alle ore 11:52

Il tuo post @Giuseppina non manca di amenità: un consigliere e l'amministratore di condominio che trattano la questione 'tenda' non con la proprietaria dell'alloggio ma con la sua inquilina che non ne ha alcun titolo; tu che in tale veste intendevi partecipare all'assemblea (ma senza alcun diritto ad esserci convocata); la proprietaria e tua locatrice che avrebbe dato la delega per l'assemblea all'amministratore, nonostante che a costui è inibito dalla legge (art.67 d.a.CC) di ricevere deleghe dai condomini. Meno male che il riso, come si dice, fa...buon sangue!

@Giuseppina
@Giuseppina venerdì 12 aprile 2019 alle ore 14:26

@togato Si ho letto il codice nei giorni scorsi e sono a conoscenza di quando indicato all articolo 67.Purtroppo la proprietà non ne era al corrente ed evidentemente L amministratore neppure, oppure ha provato a giocare di furbizia!!Ad ogni modo...ora mi divertirò io!!

@Giuseppina
@Giuseppina venerdì 12 aprile 2019 alle ore 14:26

@togato Si ho letto il codice nei giorni scorsi e sono a conoscenza di quando indicato all articolo 67.Purtroppo la proprietà non ne era al corrente ed evidentemente L amministratore neppure, oppure ha provato a giocare di furbizia!!Ad ogni modo...ora mi divertirò io!!

Togato
Togato venerdì 12 aprile 2019 alle ore 14:43

Non resta quindi che augurarti buon divertimento, senza invidia, però...

Salvatore
Salvatore sabato 18 maggio 2019 alle ore 14:05

Dopo 13 anni il condomino che abitava sopra di me ha venduto la casa ed io avevo un tendone sotto il suo balcone. Il nuovo proprietario, dopo aver ristrutturato il suo balcone, mi ha permesso a voce di montare la tenda da sole. Adesso, per sopravvenute controversie con il condominio, per ripicca e ricatto, mi ha detto che mi farà togliere la tenda da sole, anche non essendoci mai stata alcuna variazione o danno alla sua soletta. Può impormi di toglierla , o ci sono tempi per poterlo fare?

Eneida Thanasi
Eneida Thanasi giovedì 01 agosto 2019 alle ore 00:44

Buonasera sto a un condminio però sono a pian terreno invece del balcone o un terazo dove e anche la mia entrata principale dopo che o chiuso entrata dal portone condominiale e come sbatte il sole diretto dala mattina a sera o meso una tenda a caduta anche per unpo di praivazi e o anche una bimba di 6 anni che gioca al terazo o veranda e non poso far giochiare soto il solo specifico che è l unico spazio che o al aperto e lo utilizzo anche per spendere i panni al stendino ,il condominio mi a meso in causa per le dimissioni della tenda e chiedono di farla uguale a loro che ano il balcone ,io il colore lo rispettato però non li va bene la struttura domanda se io o una veranda e loro balcone perché deve esere uguali a loro

Togato
Togato venerdì 02 agosto 2019 alle ore 18:32

Sulla uniformità estetica delle tende apposte in facciata degli edifici non mi risulta esservi una normativa specifica ma solo regole consuetudinarie in tal senso. Che non implicano comunque alcuna differenza tra balconi e terrazzi.Peraltro hai scritto che il condominio ti ha già citato in giudizio non per via dei colori della tenda ma per la sua "struttura" (un rilievo dunque diverso). Visto quindi che per questo sei già in causa, solo l'avvocato che ti ci assiste e ben conoscerà perciò i vari risvolti della situazione ti può dare i migliori
orientamenti in merito. Quelli a 'distanza' valgono poco.

    in evidenza

Dello stesso argomento