Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
106967 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Infiltrazioni provenienti da parti comuni dell'edificio. La domanda risarcitoria rivolta dall'inquilino non si estende automaticamente al Condominio
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Infiltrazioni provenienti da parti comuni dell'edificio. La domanda risarcitoria rivolta dall'inquilino non si estende automaticamente al Condominio

Danni da infiltrazioni provenienti da parti comuni dell'edificio: chi deve essere chiamato in causa?

Avv. Giuseppe Nuzzo  

La domanda risarcitoria rivolta dall'inquilino esclusivamente nei confronti del proprietario dell'immobile locato, per i danni da infiltrazioni provenienti da parti comuni dell'edificio, non si estende automaticamente al Condominio, anche se chiamato in causa dal locatore.

È diverso, infatti, il titolo su cui si fondano le due domande: la prima riguarda la responsabilità contrattuale del locatore per i vizi della cosa locata; la seconda la responsabilità extracontrattuale del condominio, custode delle parti comuni.

=> Danni da infiltrazioni da parti comuni, perché sono responsabili tutti i condòmini in solido?

Questo, in sintesi, quanto affermato dal Tribunale di Roma con la sentenza n. 13327 del 30 giugno 2016, che ha rigettato la domanda risarcitoria dell'inquilina per le infiltrazioni causate dalla difettosa impermeabilizzazione del lastrico colare condominiale.

È vero – si legge nella sentenza – che nell'ipotesi in cui il convenuto chiami in causa un terzo, deducendo che lo stesso è il soggetto tenuto a rispondere della pretesa dell'attore, la domanda di quest'ultimo si estende automaticamente al terzo, pur in mancanza di apposita ed espressa istanza.

Tuttavia, tale principio non può trovare applicazione allorquando il chiamante faccia valere nei confronti del chiamato un rapporto diverso da quello prospettato dall'attore come causa petendi.

Il fatto – L'inquilina di un appartamento in condominio citava in giudizio i proprietari dell'immobile per la riduzione del canone d'affitto e il ripristino dello stato dei luoghi, ai sensi degli artt. 1575 e 1578 c.c., a seguito di infiltrazioni provenienti dal terrazza del lastrico solare dello stabile.

 Continua [...]

Per continuare a leggere la notizia gratuitamente clicca qui...

Scarica Tribunale di Roma, n. 13327 del 30 giugno 2016

Cerca: danni da infiltrazioni

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento