Vai al contenuto
ptat

Aiuola del vicino che causa infiltrazioni

Buongiorno,

da qualche anno risiedo in una casa che confina con il giardino dei vicini.

Da quest'anno sono iniziate le infiltrazioni d'acqua nel vano scala adiacente l'aiuola in cui è oltretutto collocata una pianta da frutto che è letteralmente appoggiata alla parete esterna di casa mia.

Posso chiedere al vicino che intervenga con la rimozione dell'aiuola che causa le infiltrazioni?

In questi casi qual'è l'autorità competente per chiedere informazioni?

Grazie mille

Tat

A quanti metri è stata piantato questo albero? Le distanze sono queste, previste dall'art. 892 cc;

1) tre metri per gli alberi di alto fusto. Rispetto alle distanze, si considerano alberi di alto fusto quelli il cui fusto, semplice o diviso in rami, sorge ad altezza notevole, come sono i noci, i castagni, le querce, i pini, i cipressi, gli olmi, i pioppi, i platani e simili;

2) un metro e mezzo per gli alberi di non alto fusto. Sono reputati tali quelli il cui fusto, sorto ad altezza non superiore a tre metri, si diffonde in rami;

3) mezzo metro per le viti, gli arbusti, le siepi vive, le piante da frutto di altezza non maggiore di due metri e mezzo.

Se l'albero è appoggiato alla facciata di casa tua, puoi farlo spostare a distanza legale, se non bonariamente, sarà necessario ricorrere alle vie legali.Purtroppo non esiste una autorità specifica per le distanze, e nel caso di danni sarà necessario periziare e se la causa è l'albero, chiedere il risarcimento al proprietario dell'albero, e se non intende pagare, se lo desideri sarà da adire per vie legali con un avvocato, come nel caso del spostamento dell'albero.

Posso chiedere al vicino che intervenga con la rimozione dell'aiuola che causa le infiltrazioni?

No, è proprietà del vicino quindi fa ciò che vuole. Se poi l'albero è lì da più di vent'anni non puoi nemmeno farlo togliere.

Non pensi che, forse, possa essere l'impermeabilizzazione del tuo muro che è da rifare? Se è stata danneggiata dalle radici dell'albero puoi chiedere i danni al vicino, altrimenti... onere tuo.

La spinta dell'acqua inizia nell'aiuola. Mi pare sia lì che debba essere impermeabilizzato il contesto, non in controspinta dove esce.

La spinta dell'acqua inizia nell'aiuola. Mi pare sia lì che debba essere impermeabilizzato il contesto, non in controspinta dove esce.

bisognerebbe capire lo stato dei luoghi, ma non si "impermeabilizzala terra", quindi è il muro che deve essere impermeabilizzato. Sarebbe opportuno capire "chi è nato prima" e "come". Nel corso degli anni il livello dell'aiuola è stata alzato? il muro è stato impermeabilizzato? le radici hanno creato dei danni?

bisognerebbe capire lo stato dei luoghi, ma non si "impermeabilizzala terra", quindi è il muro che deve essere impermeabilizzato. ...

Spero stessi scherzando.

In ogni caso, leggi meglio perchè "terra" e "contesto" (come ho scritto al #4), in italiano sono cose ben diverse. http://dizionari.corriere.it/dizionario_italiano/C/contesto.shtml

 

Nella fattispecie, come da "contesto", il fatto (ingresso acqua, ovviamente nel muro), si verifica dalla parte dell'aiuola. Inutile agire in controspinta.

Scusa Efisio, avevo capito male anch'io. Comunque, sei d'accordo che è il muro che deve essere impermeabilizzato, giusto?

Quindi Ptat non può chiedere al vicino di spostare l'aiuola, magari creando un marciapiede. Ma è Ptat che deve scavare per impermeabilizzare il suo muro nell'aiuola del vicino, ripristinandola come è adesso a proprie spese ed eventualmente pagando un indennizzo al vicino per il tempo necessario ai lavori.

Il vicino non potrà rifiutarsi di farlo entrare per fare i lavori.

Comunque se ci sono danni causati dall'albero deve risarcirli il proprietario dell'albero, qualsiasi sia la distanza dal confine anche se sono trascorsi più di 20 anni dalla piantumazione, e se questo albero, come dice ptat è appoggiato al muro della casa e sono meno di 20 anni che si trova in quella posizione, può richiedere lo spostamento a distanza legale.

Spero stessi scherzando.

In ogni caso, leggi meglio perchè "terra" e "contesto" (come ho scritto al #4), in italiano sono cose ben diverse. http://dizionari.corriere.it/dizionario_italiano/C/contesto.shtml

 

Nella fattispecie, come da "contesto", il fatto (ingresso acqua, ovviamente nel muro), si verifica dalla parte dell'aiuola. Inutile agire in controspinta.

ma io non ho detto di intervenire in controspinta, è il muro che deve essere impermeabilizzato (dall'esterno). Parlando sempre per ipotesi perchè non conosciamo lo stato dei luoghi:

Quando ptat ha costruito la sua casa il muro avrebbe dovuto impermeabilizzarlo lui.

Se non c'è guaina sul suo muro la colpa è sua. se la guaina è "bassa" perchè si è alzato il livello della terra è colpa del vicino. se la guaina si è rotta è colpa del vicino, ecc...

Scusa Efisio, avevo capito male anch'io. Comunque, sei d'accordo che è il muro che deve essere impermeabilizzato, giusto?

Quindi Ptat non può chiedere al vicino di spostare l'aiuola, magari creando un marciapiede. Ma è Ptat che deve scavare per impermeabilizzare il suo muro nell'aiuola del vicino, ripristinandola come è adesso a proprie spese ed eventualmente pagando un indennizzo al vicino per il tempo necessario ai lavori.

Il vicino non potrà rifiutarsi di farlo entrare per fare i lavori.

Figurati.

Sicuramente va impermeabilizzato il muro, ma dalla parte dell'aiuola e non è detto sia risolutivo al 100%. E io aggiungerei pure che in base a ciò che ripetiamo spesso, l'acqua non sai mai da dove arriva. Pertanto, dipende pure se il fondo è un terrapieno od una vasca.

Per costi, dipende dalla proprietà del muro: in comunione o diversamente, se da regolamento. In base a ciò si ricavano le quote spese.

L'albero può aggravare la situazione, oltre ad essere troppo vicino.

×