Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
114982 utenti
Registrati
chiudi
Inviaci un quesito

Accertamento della proprietà individuale. Obbligatorio citare in causa tutti i singoli condomini

Accertamento della proprietà individuale e legittimazione passiva del condominio
Avv. Giuseppe Zangari Avv. Giuseppe Zangari - Foro di Padova 

La domanda volta ad accertare se una porzione del fabbricato ha natura condominiale o è invece in proprietà di uno o più condomini postula l'obbligo di citare in causa tutti i singoli condomini, e non il condominio in quanto tale, e ciò pure nell'ipotesi in cui tale domanda venga formulata nell'ambito di un'impugnativa di delibera.

Il Condominio non può agire in giudizio per tutelare la salute dei singoli condomini

La vicenda. Alcuni condomini si rivolgono al Tribunale di Rimini formulando una singolare combinazione di domande: da un lato, accertare che il subalterno n. 60, costituente una porzione del lastrico condominiale, non è parte comune ex art. 1117 c.c. bensì in comproprietà dei soli intestatari dei circostanti posti auto; dall'altro lato, per l'effetto, dichiarare nulla la delibera che ripartisce le spese di rifacimento della suddetta porzione di lastrico secondo il criterio fissato nel regolamento per la manutenzione delle parti comuni.

In altri termini, secondo la delibera impugnata sarebbe tenuta l'intera compagine a partecipare alla manutenzione in base alle tabelle millesimali di proprietà, pur appartenendo il lastrico in questione solamente ad alcuni condomini.

Il condominio, unico soggetto citato in giudizio, non si costituisce e viene dichiarato contumace.

Al contrario, pur non essendo stati chiamati in causa, gli altri condomini intervengono volontariamente chiedendo respingersi l'impugnativa perché infondata.

Controversie sulla gestione delle parti comuni. La legittimazione ad agire e ad impugnare spetta all'amministratore

La sentenza. Il Tribunale rigetta le pretese attore, ma con una motivazione in punto di diritto che merita di essere esaminata (Trib. Rimini, n. 180/2019).

Come anzidetto i ricorrenti hanno promosso, nello stesso contesto, azioni di diversa natura, e precisamente una domanda di accertamento della proprietà esclusiva del subalterno erroneamente considerato parte comune, e una domanda di invalidità della delibera impugnata.

 Continua [...]

Per continuare a leggere la notizia gratuitamente clicca qui...

Sentenza
Scarica Sentenza Tribunale di Rimini n.180.2019

Commenta la notizia, interagisci...
Annulla

  1. in evidenza

Dello stesso argomento