Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
108020 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Bonus ristrutturazioni: ecco chi può richiederlo
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Bonus ristrutturazioni: ecco chi può richiederlo

Requisiti per usufruire del bonus sulle ristrutturazioni

 

Abbiamo recentemente avuto modo di ricordare quanto si stia rapidamente avvicinando la scadenza per ottenere il bonus per il recupero edilizio: la detrazione delle spese di ristrutturazione nella misura del 50% scadrà infatti per i pagamenti effettuati entro il 30 giugno 2013; oltre tale scadenza, infatti, la percentuale utile per la detrazione tornerà ad un pur sostanzioso 36%. Ma quali sono i requisiti utili per poter avere accesso al bonus ristrutturazioni?

Per quanto attiene ai requisiti fondamentali, le persone fisiche che possono usufruire della detrazione Irpef del 36% devono contemporaneamente:

  1. essere i soggetti che hanno sostenuto le spese agevolate;
  2. essere soggetti passivi Irpef;
  3. possedere l'immobile sul quale sono stati effettuati gli investimenti, sulla base di un titolo idoneo.
Considerati più facilmente individuabili i requisiti di cui al punto a) e b), cerchiamo di soffermarci per un attimo sul punto c) e, in particolar modo, sulla definizione di "titolo idoneo" per dimostrare il possesso o la detenzione dell'immobile sul quale sono stati effettuati i lavori di ristrutturazione.

In merito, il requisito fa riferimento allo stesso idoneo titolo di possesso o di detenzione stabilito dalla circolare 24 febbraio 1998, n. 57/E, con interpretazione confermata da una recente nota dell'Agenzia delle Entrate e dalla relazione al dl 201/2011, secondo cui rimangono confermati gli orientamenti di prassi espressi al riguardo.

Ne consegue che, in termini meno criptici, possono beneficiare dell'agevolazione del 50% (futura 36%) il proprietario, il nudo proprietario, il titolare di un diritto reale sull'immobile (si pesi all'uso, usufrutto o abitazione), l'inquilino, il comodatario, il socio di cooperative (purchè non a proprietà indivisa), l'assegnatario di alloggio (anche se non ancora titolare di mutuo individuale).

Si noti infine che per poter essere considerato detentore dell'immobile, è sufficiente aver stipulato un contratto preliminare di compravendita. In altri termini ancora, il bonus è fruibile non solo dal proprietario, ma anche dal promissario acquirente: pertanto, in caso di stipula di un preliminare regolarmente registrato, il promissario acquirente, che già è in possesso dell'abitazione, può beneficiare della detrazione Irpef sui lavori che effettua.

Nei prossimi giorni torneremo sui lavori in casa e sulle detrazioni Irpef, con ulteriori dettagli e approfondimenti.

Cerca: bonus ristrutturazioni requisiti

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento