Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
108139 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Impianti condominiali promiscui di acqua e fogna. Necessaria la revisione regolamenti comunali
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Impianti condominiali promiscui di acqua e fogna. Necessaria la revisione regolamenti comunali

Revisione dei regolamenti edilizi comunali in merito a rilascio di concessioni o permessi di costruire per unità che prevedono impianti promiscui di acqua e fogna

Redazione Condominioweb  

Una serie di associazioni di categoria che rappresentano amministratori di condominio professionisti (AMI, ANAPI, AIC, ARCO, ALAC, Help Condominio, UNAI), unite in un'unica conferenza di associazioni, propongono la revisione dei regolamenti edilizi comunali in merito a rilascio di concessioni o permessi di costruire per unità che prevedono impianti promiscui di acqua e fogna.

Nel caso di specie, così come previsto da regolamento idrico dell'Acquedotto Pugliese S.p.A. nonché da ultima direttiva ARERA, si precisa che è assolutamente vietato l'uso promiscuo di acqua e fogna. In realtà ancora oggi sono tantissimi gli impianti promiscui, in particolar modo nei condomini, e pertanto appare improrogabile il temine circa l'adeguamento dei detti impianti che ostacolano molto la gestione regolare dei costi condominiali soprattutto.

Nonostante i nostri solleciti a Acquedotto Pugliese S.p.A., Autorità idrica Pugliese, Regione Puglia a intervenire con controlli adeguati che possano impedire il mancato rispetto delle suddette norme, ad oggi poco si è fatto in merito.Pertanto le predette associazioni sono a chiedere incontro programmatico circa la possibilità di rivedere i regolamenti delizi comunali in merito e l'opportunità di collaborare al fine di risolvere l'annosa questione della gestione degli impianti promiscui.

Cerca: impianti promiscui di acqua e fogna

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento


Dal 2014 "rivoluzione acqua". Niente distacco ai morosi.

Agenda Verde: fondo di garanzia a sostegno degli investimenti per gli impianti di depurazione, tariffa sociale per utenti a basso reddito; niente distacco di acqua ai morosi a basso reddito e un livello di fornitura minima garantita.