Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
113528 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
La residenza temporanea nell'immobile non esclude il diritto al beneficio fiscale sulla prima casa
Problema condominiale? Inviaci un quesito

La residenza temporanea nell'immobile non esclude il diritto al beneficio fiscale sulla prima casa

Anche con la semplice residenza temporanea si ha diritto al beneficio fiscale sulla prima casa

Avv. Leonarda Colucci  

La Corte di Cassazione, con sentenza del 15.7.2016 n. 14510, ha stabilito che

la residenza temporanea nell'immobile, acquistato usufruendo del beneficio fiscale per l'acquisto della prima casa, non pregiudica il diritto del contribuente di usufruire dello stesso anche se decide di trasferirsi in un altro Comune.

Il fatto. Un contribuente acquista la nuda proprietà di un immobile usufruendo dei benefici fiscali per l'acquisto della prima casa, fissando la residenza nel relativo comune entro il termine di diciotto mesi dalla stipula del relativo atto.

Successivamente il contribuente sposta la sua residenza in un altro Comune, e dopo qualche tempo l'Agenzia delle Entrate gli notifica un avviso di accertamento per la revoca dei benefici fiscali per l'acquisto della prima casa ritenendo che tale soggetto abbia osservato un comportamento abusivo.

Impugnato l'avviso di accertamento da parte del contribuente, tanto la Commissione tributaria provinciale in primo grado, quanto la Commissione tributaria regionale in secondo grado hanno stabilito che il mancato mantenimento della residenza nel Comune dove ha sede l'immobile acquistato usufruendo dei benefici in questione è assolutamente ininfluente ai fini del diritto alla conservazione degli stessi.

Prima casa, il trasferimento di residenza deve avvenire entro i diciotto mesi anche se l'immobile è in costruzione

Il ricorso dell'Agenzia delle Entrate. L'Agenzia delle Entrate ricorre in Cassazione per la riforma della sentenza della Commissione tributaria regionale del Lazio che ha stabilito che il contribuente aveva diritto di usufruire dei benefici fiscali per l'acquisto della prima casa, malgrado dopo il trasferimento della residenza nel Comune dove è ubicato l'immobile entro i diciotto mesi dalla stipula dell'atto di acquisto, abbia deciso di tornare a vivere nel Comune d'origine.

=> Agevolazioni prima casa anche in caso di riacquisto a titolo gratuito

L'Agenzia delle Entrate, invece, ritiene che la decisione del contribuente di trasferirsi nel Comune in cui risiedeva in precedenza, a distanza di soli tre mesi dal trasferimento della residenza nel Comune dove aveva sede l'immobile per il quale ha usufruito dei benefici fiscali in questione, integra un comportamento abusivo finalizzato solo ad ottenere i benefici fiscali.

Se la residenza non è dichiarata nei rogiti non si perde l'agevolazione fiscale della prima casa.

La sentenza della Cassazione. La sentenza evidenzia che riguardo ai presupposti per usufruire dei benefici fiscali in questione la nota II bis, dell'art. 1 della tariffa Parte I allegata al Dpr 131/1986 stabilisce che

"per l'applicazione dell'aliquota al 3% agli atti traslativi a titolo oneroso della proprietà di case di abitazione non di lusso e agli atti traslativi o costititutivi della nuda proprietà, dell'usufrutto, dell'uso o dell'abitazione relativi alle stesse, devono ricorrere le seguenti condizioni:…. che l'immobile sia ubicato nel territorio del Comune in cui l'acquirente ha o stabilisca entro diciotto mesi dall'acquisto la propria residenza … la dichiarazione di voler stabilire la residenza nel Comune ove è ubicato l'immobile acquistato deve essere resa, a pena di decadenza, dall'acquirente nell'atto di acquisto".

Agevolazione prima casa. Lentezza gioca brutti scherzi

Dal tenore letterale di tale norma, quindi, si evince chiaramente che per potere usufruire dei benefici in questione deve ricorrere il requisito della residenza dell'acquirente nel Comune in cui è sito l'immobile e tale requisito deve essere già esistente oppure acquisito entro diciotto mesi dalla stipula dell'atto.

La Cassazione, a tal riguardo, evidenzia che la norma non fa alcun esplicito riferimento all'obbligo dell'acquirente di mantenere la residenza nel Comune ove è ubicato l'immobile per conservare i benefici in questione, né tantomeno

"il mantenimento della residenza per un periodo predeterminato è previsto tra le cause di revoca di tale agevolazione".

(In tema di onere di trasferimento della residenza nel Comune ove è ubicato l'immobile vedasi: Cass.2616/2016; Cass. 2777/2016)

Pertanto in base a tale ricostruzione il mancato mantenimento della residenza nel Comune dove è ubicato l'immobile acquistato con i benefici fiscali per l'acquisto della prima casa, non può considerarsi come causa che giustifica la revoca dello stesso.

Per quanto riguarda infine il presunto abuso del diritto realizzato, a parere del Fisco, dal contribuente la sentenza precisa

"che esso si traduce in un principio antielusivo che consente all'Amministrazione di disconoscere e dichiarare non opponibili le operazioni e gli atti in sé privi di valide ragioni economiche e dirette al solo scopo di conseguire vantaggi fiscali diversamente non spettanti, fermo restando che incombe sull'Amministrazione la prova del disegno elusivo"

prova che, nel caso di specie, non è stata fornita dall'Agenzia delle Entrate.

Beneficio prima casa replicabile se la prima abitazione diventa inidonea

Scarica CORTE DI CASSAZIONE - SEZIONE TRIBUTARIA - SENTENZA 15 LUGLIO 2016, N. 14510

Cerca: beneficio prima casa

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento