Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
100344 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Se il vostro condominio ha “freddo” mettetegli il cappotto (termico)
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Se il vostro condominio ha “freddo” mettetegli il cappotto (termico)

Scarsa coibentazione e conseguenti dispersioni di calore: il rimedio più vantaggioso è il sistema di isolamento a cappotto.

Angelo Pesce  

Le altre funzioni dei muri. I muri perimetrali assolvono alla funzione portante, ma possono essere anche solo di tamponamento e devono proteggere acusticamente e termicamente l'interno dell'edificio.

Le murature, infatti, come qualunque grande superficie, ricoprono un ruolo fondamentale nella determinazione di condizioni climatiche interne confortevoli, garantendo quindi un adeguato benessere abitativo.

I rimedi. Laddove l'edificio presenta condizioni strutturali inadeguate, con scarsa coibentazione e conseguenti dispersioni di calore, è possibile intervenire con adeguate operazioni di rivestimento.

Tra i vari sistemi di isolamento delle pareti, quello "a cappotto" risulta essere certamente tra i più vantaggiosi e per questo tra i più praticati.

Il "cappotto", ovvero l'isolamento termico integrale, è utilizzato da oltre 30 anni e con successo in molti paesi del Nord Europa, anche per l'isolamento termico ed acustico degli edifici civili, industriali, di servizio, nuovi o preesistenti.

Viene definito un "sistema" perché composto da varie fasi di posa e da vari elementi che interagiscono fra loro, consentendo la totale eliminazione dei cosiddetti "ponti termici", un maggiore risparmio energetico, un migliore confort abitativo, una barriera alla formazione di condensa, causa principale di antiestetiche ed insalubri muffe sulle superfici interne degli alloggi.

Ma quanto risparmio? Il sistema "a cappotto" serve per isolare in modo sicuro e continuo pareti costituite anche da materiali diversi; la diversità può riguardare sia il comportamento alle sollecitazioni termiche, sia le caratteristiche meccaniche, sia la conformazione superficiale.

Queste differenze sono molto frequenti nelle costruzioni edili (tipico esempio, cemento armato e laterizio) e sono causa di diversi fenomeni, tra i quali la formazione di ponti termici.

L'isolamento a cappotto, se ben realizzato, permette di garantire una minima dispersione termica dell'edificio, con un conseguente risparmio energetico e una riduzione dei costi in bolletta.

A conti fatti, sebbene oscillino in funzione della zona climatica e della classe energetica di partenza, i risparmi sono evidenti con una riduzione dei consumi di circa il 25-30%.

isolamento termico esternoNuove tecniche costruttive. Nelle nuove costruzioni spesso il materiale isolante viene inserito nell'intercapedine, ovvero nello spazio risultante tra i setti murari interni ed esterni; a volte si esegue quest'operazione anche nelle ristrutturazioni, insufflando il materiale isolante in fori praticati nella muratura.

Quando l'isolante è inserito nell'intercapedine, si parla di veri e propri materassini isolanti, delle spessore elevato, anche di 20 cm.; l'isolante viene fissato sulla facciata esterna del muro interno, lasciando una lama d'aria di qualche centimetro tra l'isolante stesso e la muratura esterna.

Quest'aria facilita lo smaltimento di umidità causata da pioggia o da vapore proveniente dall'interno; lo spazio non deve superare però i 4 cm., dal momento che oltre quella dimensione potrebbero verificarsi dei moti convettivi che tendono a ridurre la capacità di isolamento.

Lo spazio, nel corso della vita dell'edificio, non sarà più ispezionabile, pertanto è fondamentale scegliere materiali durabili e con elevate prestazioni nel tempo, come lana di roccia o lana di vetro.

(Quando il cappotto termico incide sul valore commerciale dell'immobile.)

L'isolamento a cappotto può essere eseguito con il sistema a lastra (polistirolo, sughero, ecc.) o con l'utilizzo di un termointonaco. Per la sua semplicità esecutiva, questo tipo di coibentazione è utilizzato nella maggior parte delle nuove costruzioni e nella quasi totalità delle ristrutturazioni, in quanto consente l'esecuzione dei lavori senza che si renda necessario il rilascio dell'immobile da parte degli occupanti.

È un sistema estremamente efficace ma presenta anche un punto debole: un isolamento a cappotto realizzato con materiali caratterizzati da grande potere isolante ma scarsa inerzia termica (come ad esempio il polistirene, che viene spesso usato nell'isolamento a cappotto) ed esposto a sud, risulta del tutto inefficace per proteggere l'edificio dal caldo durante il periodo estivo.

Qualora le scelte costruttive o lo stato dei luoghi ce lo consentano, lo strato coibente dovrà trovarsi sempre sul lato esterno della muratura, sia quest'ultima strutturale o di tamponamento.

Posizionando lo strato isolante verso l'esterno proteggiamo la parete dalle escursioni termiche, pertanto la massa della muratura resta più calda in inverno e più fresca in estate, generando un migliore confort abitativo.

Altro grande vantaggio del "cappotto esterno" consiste nella eliminazione o nella correzione dei ponti termici costituiti da solai, travi e pilastri che sono tra le principali porte di ingresso del freddo all'interno del fabbricato.

Il "cappotto" è comunemente realizzato mediante l'applicazione a colla e/o tassellatura di pannelli realizzati con i più svariati materiali, siano essi di origine naturale (sughero, silicato di calcio, fibra di legno solo per citarne alcuni) o con prodotti derivati dal ciclo degli idrocarburi (polistirolo, polistirene, poliuretano).

Questi ultimi, pur possedendo mediamente un coefficiente superiore di resistenza al passaggio del calore, presentano scarsa permeabilità al passaggio del vapore, pertanto non vi è traspirazione tra l'interno e l'esterno dell'edificio, con conseguente passaggio del vapore acqueo.

(Problema umidità. Analisi dell'isolamento ed indicazioni per la risoluzione)

Altri sistemi di isolamento a cappotto possono essere attuati mediante l'applicazione di strati di termointonaco coibente. Questi ultimi sono degli ottimi prodotti, prevalentemente di origine naturale, che ben si addicono sia alle nuove costruzioni che alle ristrutturazioni, in quanto lo strato coibente può essere steso sia all'interno che all'esterno, anche su murature irregolari, sulle quali sarebbe molto difficile applicare un pannello rigido.

I termointonaci vengono applicati mediante macchina intonacatrice, a strati variabili, come un normale intonaco.

Cerca: cappotto termico isolamento

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento


Muffa al soffitto? Come intervenire?

Degrado e di insalubrità di un edificio: muffe nelle murature e negli ambienti. Come intervenire?. Natura del problema e possibili interventi Il problema della presenza di umidità nelle murature e negli