Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
106775 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Il nuovo CU2015. Responsabilità fiscali del condominio e compenso dell'amministratore.
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Il nuovo CU2015. Responsabilità fiscali del condominio e compenso dell'amministratore.

I risvolti del nuovo adempimento in termini di responsabilità giuridica, economica e fiscale. CU2015

Dott. Ivan Meo 

La novità. Una delle principali novità del CU 2015 riguarda i destinatari dell'adempimento. Il nuovo CU dovrà essere inviato, entro date scadenze, non solo ai lavoratori dipendenti ma anche ai lavoratori autonomi, cioè ai professionisti, percettori di provvigioni da parte del “sostituto d'imposta”, nel corso dell'anno, con applicazione di ritenuta d'acconto alla fonte.

L'amministratore di condominio – o meglio il Condominio degli edifici - dovrà, dunque, eseguire un nuovo e diverso adempimento di carattere fiscale, rispetto quello “informale” finora svolto.

Non sarà più necessario certificare i compensi erogati ai lavoratori autonomi con comunicazione “informale”;d'ora in avanti, occorrerà inoltrare ai suddetti professionisti il nuovo modello CU, analogamente a quanto fatto, allo stato, con i lavoratori dipendenti.

L'innovativo regime, peraltro, trova applicazione anche per le erogazioni di danaro corrisposte alle imprese appaltatrici, previa applicazione di ritenuta alla fonte pari al 4%.

In caso di omesso invio. Ancorché non siano state previste delle sanzioni in capo al “sostituto d'imposta”in caso di omesso invio della nuova CU ai contribuenti di riferimento; ben differentemente,il legislatore ha invece disposto l'applicazione di una sanzione pecuniaria - alquanto“generosa” -nel caso di errori nella compilazione e nell'invio all'Agenzia delle Entrate, secondo la tempistica ivi prevista.

Le sanzioni. L',articolo 2 del decreto legislativo 175/2014 intitolato Trasmissione all'Agenzia delle entrate” ha precisato che “… Le certificazioni di cui al comma 6-ter sono trasmesse in via telematica all'Agenzia delle entrate entro il 7 marzo dell'anno successivo a quello in cui le somme e i valori sono stati corrisposti. Per ogni certificazione omessa, tardiva o errata si applica la sanzione di cento euro in deroga a quanto previsto dall'articolo 12, del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472.

Nei casi di errata trasmissione della certificazione, la sanzione non si applica se la trasmissione della corretta certificazione è effettuata entro i cinque giorni successivi alla scadenza indicata nel primo periodo ”.

Ciò vuol significare che il sostituto d'imposta e/o chi per esso (l'amministratore), al fine di evitare di incorrere nelle sanzioni previste dall'articolo 2 del decreto legislativo 175/2014, potrà correggere gli errori commessi nella trasmissione delle certificazioni uniche, inoltrando ex post una nuova certificazione corretta, purché ciò avvenga entro i cinque giorni successivi alla scadenza prevista (che, secondo l'Agenzia delle Entrate slitta al successivo lunedì 9 marzo”, risposta Telefisco del 29 gennaio 2015).

In altri termini: per il nuovo CU2015 non è previsto l'istituto del ravvedimento operoso.

Una brutta notizia, quindi: il ravvedimento è bloccato per le omesse o ritardate presentazioni dei modelli di Certificazione Unica.

A chi va applicata la sanzione? Mutuando la normativa fiscale di riferimento, non sembrerebbero esservi dubbi che: in caso di errore nella comunicazione del CU2015 da parte dell'amministratore, a rispondere della sanzione saranno i condòmini, responsabili in solido avanti al Fisco.

L'art. 25-ter del D.P.R. 29 settembre 1973, modificato dall'art. 1, comma 43, della L. 27 dicembre 2006, n. 296 (Legge finanziaria2007),individua il soggetto obbligato ad operare la ritenuta in esame nel "condominio quale sostituto di imposta" (espressione a suo tempo inserita nell'art. 23, comma 1, del D.P.R. n. 600 del 1973,dall'art. 21 comma 11, della L. 27 dicembre 1997, n. 449, per attrarre detta figura nel novero dei sostituti di imposta).

Pertanto, anche con riferimento all'adempimento dei nuovi obblighi, si confermano i chiarimenti già forniti con la circolare del Ministero delle finanze n. 204/E del 6 novembre 2000.

In buona sostanza, deve ritenersi che il soggetto obbligato ad effettuare la ritenuta d'acconto e gli adempimenti conseguenti "è il condominio in quanto tale", anche se "il soggetto normalmente incaricato dal condominio a porre in essere gli adempimenti correlati alle funzioni di sostituto di imposta sia l'amministratore",laddove nominato per obbligo (condominio con più di quattro condomini: Oggi otto; ndr) nell'esercizio di una facoltà (condominio con non più di quattro/otto condomini) [cfr, Circolare n. 7/E del 7 febbraio 2007]

Il compenso professionale con il nuovo adempimento. Occorrerà, pertanto, prestare massima attenzione all'invio della nuova CU 2015 da parte di ogni amministratore di condominio, specie ove questi abbia in gestione più stabili.

Il nuovo adempimento fiscale genererà nuova responsabilità professionale in capo l'amministratore, seppure mediata dal Condominio e/o dalla solidarietà sussistente tra i condòmini - non sembrerebbe però in grado di incidere nella misura del rispettivo compenso pecuniario, a suo tempo convenuto.

Va, infatti, ribadito che in tema di condominio, l'attività dell'amministratore, connessa ed indispensabile allo svolgimento dei suoi compiti istituzionali – tra cui vanno annoverate anche le incombenze fiscali, quale quella in disamina - deve ritenersi compresa, quanto al suo compenso, nel corrispettivo stabilito al momento del conferimento dell'incarico per tutta l'attività amministrativa di durata annuale e non deve, pertanto, essere retribuita a parte (Cass. n. 3596/2003; n. 122047210).

In altre parole, non opera, ai fini del riconoscimento di un compenso suppletivo, in mancanza di una specifica delibera condominiale, la presunta onerosità del mandato allorché è stabilito un compenso forfettario a favore dell'amministratore a monte.

Viceversa, spetterà all'assemblea condominiale il compito generale di valutare successivamente l'attività “ultronea” resa dall'amministratore, quant'anche l'opportunità di conferire allo stesso un compenso extra (Cass. Civ., 22313/2013).

Sotto tale e diverso aspetto, l'amministratore di condominio non può esigere neppure il rimborso di spese da lui anticipate non potendo il relativo credito considerarsi liquido ed esigibile senza un preventivo controllo da parte dell'assemblea (Cass. n. 14197/2011).

L'articolo 1129, comma quattordicesimo, ha infatti cristallizzato il compenso dell'amministratore di condominio alla misura stabilitasi all'atto del conferimento dell'incarico.

Ciò non toglie però che in sede di conferma e/o di conferimento di un nuovo incarico,con riferimento alle nuove e complesse incombenze fiscali, l'amministratore di condomino possa chiedere il riconoscimento di un “extra”, ovvero domandare che lo svolgimento di tale attività (presentazione telematica del CU) venga esternalizzata ad un soggetto esterno, in grado di evadere l'incarico nell'interesse di tutti...

Da leggere: A partire dal 2015 subentra il nuovo CU 2015 con nuovi dati e funzioni.

Cerca: compenso dell'amministratore certificazione

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento