Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
112101 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Siamo un popolo di cattivi pagatori. Ritardi nei pagamenti dei canoni di locazione e bilanci condominiali da incubo. Ecco la situazione.
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Siamo un popolo di cattivi pagatori. Ritardi nei pagamenti dei canoni di locazione e bilanci condominiali da incubo. Ecco la situazione.

Metà dei proprietari denuncia affitti non pagati. In ambito condominiale la situazione è ancora più grave.

Redazione Condominioweb  

Da una recente indagine il fenomeno delle morosità si è accentuato a causa della crisi economica e rischia di diventare una pericolosa abitudine. Ormai non pagare l'affitto di casa è diventata quasi una “regola”. Infatti, la metà dei proprietari, il 51%, denuncia mensilità 'saltate'.

E' quanto emerge da un'indagine dell' Adnkronos, con il contributo delle associazioni territoriali che rappresentano gli inquilini e i proprietari.

Un dato, per altro, che cresce leggermente rispetto alla stessa rilevazione del marzo scorso, quando si attestava al 48%.

La situazione peggiora rispetto alla media nazionale in alcune aree del Sud, con Napoli e Palermo che arrivano a una quota di proprietari in credito vicina al 60%. Va meglio a Roma, 35%, e a Milano, dove la percentuale di proprietari che denuncia morosità si attesta al 24%.

Come spiega Giorgio Spaziani Testa, presidente della Confedilizia, se gli inquilini per via della crisi fanno fatica a far saltare i soldi di un affitto (che spesso da solo si porta via la metà di uno stipendio) non è che i proprietari di quegli stessi immobili se la passino meglio: « Oltre agli inquilini a soffrire sono anche i proprietari che sono soggetti al pagamento delle imposte anche se i canoni non vengono riscossi per la morosità».

La morosità dell'inquilino elimina l'obbligo di emettere fattura ma le imposte diretta vanno sempre dichiarate e versate

In ambito condominiale la situazione è ancora più grave. Basti pensare che nella sola città di Padova e Provincia sono stati emessi 35 mila decreti ingiuntivi solo nel 2016: praticamente una crescita del 15% rispetto agli anni precedenti.

Interessi moratori in caso di ritardato pagamento delle rate condominiali. Istruzioni per una corretta esazione

In tempi di grave crisi economica anche le spese condominiali ne risentono di conseguenza e aumentano proporzionalmente i condòmini morosi che si trovano in oggettive difficoltà finanziarie

Fonte => https://www.condominioweb.com/condomini-morosi-interessi-legali-quote.13403#ixzz4XQaI0sOw

«La morosità è il principale nodo della gestione degli immobili in questo lungo periodo di crisi» spiega Giorgio Cambruzzi, presidente dell'Anaci di Padova, «chi non paga scarica di fatto i propri costi sugli altri condòmini mettendo spesso in difficoltà lo stesso amministratore che deve agire con decreto ingiuntivo per legge.

Ma il problema in realtà è anche un altro: ogni singola causa costa mediamente 1.500 euro al condominio e dal decreto alla messa all'asta dell'unità immobiliare per compensare i conti non saldati, passano mediamente sette anni.

A causa conclusa però il condomìnio rischia di non vedere un centesimo a tutto vantaggio di istituti, come le banche, che hanno priorità rispetto agli altri creditori».

Recupero di oneri condominiali non pagati. Valida la notifica anche se effettuata dall'amministratore revocato

Cerca: morosità condominio

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento