Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
106967 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Canna fumaria sulla facciata condominiale: occorre l'unanimità dei consensi se l'installazione lede il decoro architettonico
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Canna fumaria sulla facciata condominiale: occorre l'unanimità dei consensi se l'installazione lede il decoro architettonico

Canna fumaria e decoro architettonico. Necessario il consenso di tutti i condomini?

Dott.ssa Marta Jerovante  

Il fatto Al proprietario di alcuni locali cantina, situati al piano interrato di un edificio condominiale, e alla società affittuaria che nei medesimi vi esercitava un'attività di ristorazione il Comune ordinava di ripristinare l'originario stato dei luoghi: quell'immobile, in totale assenza di un cambio di destinazione d'uso da accessorio a principale, veniva infatti utilizzato come cucina e sala pranzo.

I medesimi soggetti risultavano successivamente destinatari di una nuova ordinanza sindacale di diffida al ripristino dello stato dei luoghi, relativamente ad una canna fumaria che era stata realizzata, ancora una volta in assenza di titolo abilitativo, sulla facciata dell'edificio.

La società locataria presentava allora un'istanza di concessione edilizia in sanatoria riferita ad entrambe le suddette opere, domanda che il Comune chiedeva di integrare con la documentazione attestante il consenso di tutti i condomini proprietari dell'edificio: l'Ente aveva infatti ritenuto che lo sbocco del condotto di espulsione fumi sulla facciata dello stabile fosse un intervento fortemente pregiudizievole del decoro architettonico della medesima parte comune.

La società forniva tuttavia dimostrazione del consenso prestato all'opera solo dai 2/3 dei proprietari, non già dalla totalità degli stessi; di conseguenza, il Comune, in assenza del richiesto consenso unanime, comunicava alla società istante i motivi di diniego della concessione in sanatoria e le chiedeva di produrre ulteriore documentazione, relativa sia all'impatto acustico del camino, sia alle giustificazioni tecniche delle sue dimensioni.

Alla nuova richiesta del Comune di fornire prova dell'unanimità del consenso all'opera, l'interessata non solo ne contestava la legittimità, ma presentava, in subordine, istanza di scissione dei procedimenti e di rilascio della concessione edilizia solo relativamente al cambio di destinazione d'uso dei locali.

Il Comune rigettava sia il progetto presentato in sanatoria, relativo alla modifica d'uso dei locali e all'installazione della canna fumaria, che la richiesta di scissione; lamentandone l'illegittimità, la società impugnava dunque il provvedimento amministrativo.

=> Canna fumaria sul lastrico comune. Va rimossa se vietata dal regolamento.

 Continua [...]

Per continuare a leggere la notizia gratuitamente clicca qui...

Scarica TRGA, sez. Autonoma di Bolzano, 22 febbraio 2018, n. 62

Cerca: canna fumaria facciata

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento


Sostituzione di una canna fumaria in eternit.

Ecco perchè è necessario il permesso di costruire per la sotituzione della canna fumaria. La sostituzione di una canna fumaria, in presenza di determinati presupposti, richiede il rilascio del permesso