Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
87019 utenti
Registrati


#da non perdere

Per le infiltrazioni è responsabile il titolare del terrazzo giardino che copre i garage condominialiPer le infiltrazioni è responsabile il titolare del...

Un importante focus sull'amministratore condominialeUn importante focus sull'amministratore condominiale

Crolla l'edificio: a chi spetta il risarcimento del danno?Crolla l'edificio: a chi spetta il risarcimento del danno?

Cambio lavoro e città. Non sempre sussiste il recesso dal contratto di locazione per gravi motiviCambio lavoro e città. Non sempre sussiste il recesso dal...

Il portale N.1 sul Condominio
Valvole termostatiche: ma quanto mi costano?

Valvole termostatiche: ma quanto mi costano?

Valvole termostatiche obbligatorie in tutte le case

Entro l'anno sarà obbligatorio installate valvole termostatiche in ogni casa, con una spesa media di 78 euro l'una. Multe fino a 2.500 euro per gli inadempienti

Costi e benefici. Se l'introduzione di valvole termostatiche e di ripartitori elettronici del calore per il conteggio pro-capite di ogni singolo condomino porterà una serie di vantaggi, il nuovo sistema di riscaldamento casalingo richiede una particolare attenzione.

Infatti, per ridurre la spesa energetica delle abitazioni italiane, è obbligatorio installare, entro la fine del 2016, le valvole termostatiche in ogni immobile ma, da un'indagine svolta dal portale ProntoPro.it, analizzando i prezzi richiesti dagli idraulici nelle principali città italiane, emerge che saranno necessari, in media, 78 euro per ogni valvola termostatica, potendo oscillare fra i 70 e i 100 euro.

Dunque, se si prende in considerazione un appartamento medio di 80 mq con 5 termosifoni il costo totale si attesta intorno ai 390 euro.

=> Il business delle valvole termostatiche. La situazione attuale

Nelle grandi città, come Milano e Roma, in cui i costi per i lavori di manutenzione domestica sono più alti, i prezzi sostenuti possono registrare un aumento del 28% e del 22% rispetto alla media nazionale. Pertanto, per l'appartamento tipo di cui si è riportato l'esempio, si può arrivare a sostenere una spesa di 475 euro.

Le aree urbane in cui la media dei costi è inferiore rispetto a quella nazionale sono le città del Centro e del Sud Italia. Spiccano, infatti, Massa Carrara e Grosseto in cui si registra un -12%.

E se il radiatore è munito di valvole predisposte a ricevere un congegno aggiuntivo che le rende termostatiche, i costi possono abbassarsi anche della metà.

Valvole termostatiche obbligatorie: perché? La direttiva europea 2012/27/Ue introduce quest'obbligo dopo la constatazione che l'utilizzo delle testine termostatiche consente di ridurre i costi del riscaldamento domestico fino a circa il 23% poiché la gestione intelligente della temperatura in funzione di ogni specifico ambiente, che si stabilizza e uniforma in tutta la casa, evita sprechi e dispersioni.

La mancata installazione entro i termini previsti prevede delle sanzioni comprese tra 500 e 2.500 euro, a seconda delle disposizioni previste dalle varie Regioni.

I suggerimenti per usare al meglio le valvole termostatiche. Per usare nel migliore dei modi le valvole termostatiche, gli idraulici consigliano di regolare ogni singola valvola a proprio piacimento attraverso una scala graduata attorno alla manopola con dei numeri che di solito vanno da 0 a 5.

Pur non corrispondendo a una temperatura specifica, si può ritenere che il 3 corrisponde a circa 20 gradi nella stanza.

Tuttavia, dal momento che la corrispondenza può variare a causa della posizione del radiatore stesso e della valvola, i professionisti suggeriscono di trovare la giusta equivalenza tra il numero sulla valvola e la temperatura della stanza usando un termometro oppure, semplicemente, facendo affidamento sulla propria sensazione.

Un altro suggerimento è quello di abbassare la temperatura durante le ore in cui la casa è disabitata per rialzarla al momento del rientro.

Infine, si suggerisce di non superare mai i 20°C, limite peraltro previsto dalla legge, sia per non trovare brutte sorprese in bolletta che per evitare sbalzi di temperatura eccessivi tra l'ambiente interno delle abitazioni e quello esterno.

I vantaggi. Dotare l'impianto di riscaldamento centralizzato a gas metano di valvole termostatiche porta indubbiamente una serie di vantaggi. Infatti, consente di rendere energeticamente efficiente l'intero immobile, contribuendo anche alla riduzione di emissioni di CO2; abbatte i consumi, premiando le famiglie virtuose che ridurranno le temperature attraverso l'impiego delle valvole termostatiche; permette a ogni famiglia di pagare sulla base dell'effettivo fabbisogno energetico, effettuando il conteggio tramite l'uso dei sistemi di ricezione dei consumi.

Cosa dice la Cassazione? Anche i giudici si sono interrogati sulle modalità e costi di installazione. Infatti, recentemente con sentenza n. 8724 del 29/04/2015 la Corte Suprema di Cassazione, ha espresso il seguente principio: se il condominio delibera il passaggio dal riscaldamento centralizzato al sistema di termoregolazione, in caso di sovrapposizione dei consumi, non può essere il condominio a dovere sopportare i maggiori costi causati dell'avvenuta trasformazione. Il Giudice di legittimità ha quindi precisato che non può essere il Condominio a dovere sopportare i maggiori costi per l'installazione all'interno della proprietà del condòmino dissenziente dei contatori elettronici e delle valvole termostatiche, stante la preesistenza di un impianto autonomo di riscaldamento (integrativo a quello “comune”).

=> Non si può obbligare il condomino a sfiatare i termosifoni

Cerca: termostatiche euro valvole

Commenta la notizia, interagisci...
Giuseppe Benincasa
Giuseppe Benincasa giovedì 25 febbraio 2016 alle ore 13:26

Assolutamente SI. Inoltre si obbliga anche a sostituire la caldaia a gasolio con quella a metano. Difatti va sostituita l'intera centrale termica e la canna fumaria, che normalmente viene intubata.

Giuseppe
Giuseppe giovedì 25 febbraio 2016 alle ore 15:00

Nel nostro condominio sono state installate già nel 2014 nei vari appartamenti i ripartitori elettronici del calore Honeywell per il conteggio del consumo pro-capite di ogni singolo condomino. Dopo tale installazione effettivamente i consumi 2015 sono già calati di circa il 30%.
Non sono state installate nuove valvole.

E' sufficiente quanto fatto oppure bisogna effettivamente sostituire anche le valvole?

Renzo
Renzo giovedì 25 febbraio 2016 alle ore 15:23

Se l'amministratore non si attiva, chi paga la multa?
Inoltre... alcuni dicono che la presenza di valvole termostatiche consente di regolarsi in base ai propri fabbisogni, di orario e temperatura (ed io concordo) ma è così? Le caldaie verranno tenute sempre in funzione, o si corre il rischio che in assemblea venga poi deciso il solito 14,00.22,00 ?

Ettore
Ettore giovedì 25 febbraio 2016 alle ore 15:38

Le valvole termostatiche sono solo una parte della spesa. perchè la cosa sia efficace, prima di tutto ci vuole un progetto, per legge, a firma di studio termotecnico, norma uni 10200, che modifica le tabelle millesimali e crea nuove modalità di calcolo dei consumi, distinti tra volontari e involontari. Se questo non viene fatto prima, tutto il resto è fuffa

Gino Vercesi
Gino Vercesi martedì 01 marzo 2016 alle ore 20:17

avendo i termoconvettori devo rilevare che dopo la sostituzione delle vecchia Caldaie al alta temperatura (?)con le attuali a Condensazione, l'alimentazione a terminali non porta sufficiente temperatura ( circa 60/65° invece di circa 8o° dalla precedente Caldaia ,pertanto nell'ambiente si rilevano mediamente 18/20 °- Conseguentemente, non si vede la necessità di dover installate le Valvole Termostatiche , dato che non c'è necessità di ridurre la Temperatura. Quindi solo i Ripartitori avrebbe un senso logico. Giusto

Francesco
Francesco mercoledì 02 marzo 2016 alle ore 07:23

Abito in Sardegna, dove non arriva il metano! Cosa succede per le vecchie caldaie a gasolio che, ancora, dobbiamo utilizzare con le nuove disposizioni che entreranno in vigore a fine 2016 ?

Luigi
Luigi mercoledì 02 marzo 2016 alle ore 08:39

Ricevo le Vs e-mails in materia di condominio che trovo interessanti.Gradirei conoscere se sia o meno derogabile la norma che prevede a carico del proprietario anzichè del conduttore il costo dell'installazione di valvole termostatiche e relativi ripartitori che consultando la tabella di ripartizione delle spese condominiali rientrerebbe con indicazione P(proprietario) tra"l'adeguamento dell'impianto di riscaldamento alle leggi e regolamenti in materia di contenimento dei consumi".Infatti ritengo che nel caso in cui le spese di riscaldamento siano a carico del conduttore, essendo questi l'unico soggetto ad avvantaggiarsi della riduzione della spesa di riscaldamento sarebbe anche più giusto che fosse lui a farsi carico della relativa spesa.
Ringrazio

Ettore
Ettore mercoledì 02 marzo 2016 alle ore 09:01

Luigi, le spese relative agli adeguamenti sono TUTTE a carico del proprietario. L'IPOTETICA riduzione delle spese (io direi piuttosto "la più precisa contabilizzazione delle spese") è tutta da verificarsi. Se i soggetti non modificano le proprie malsane abitudini (finestre aperte nel condominio, tanto non pago io, ma tutti)le spese non caleranno

Luigi
Luigi giovedì 03 marzo 2016 alle ore 14:53

Ettore,mi dispiace contraddirti, ma non hai risposto al mio quesito.Come certamente sai alcune norme giuridiche sono derogabili per accordo delle parti altre inderogabili.E' pacifico che dette spese sono a carico del proprietario ma mi risulta da ricerche effettuate che le spese di installazione dei termoregolatori ed i contabilizzatori sono a carico del Proprietario,salvo accordo delle parti, nel senso che considerato che il risparmio va esclusivamente a vantaggio del conduttore,se si inserisce in contratto la clausola che vanno a carico del conduttore e questi l'accetta,detta clausola è legittima.

luisa
luisa giovedì 17 marzo 2016 alle ore 18:42

Nel mio condominio c'è il teleriscaldamento sono obbligatorie le valvole!!!premetto che abito a torino ed ho contattato L'IREN che si occupa della gestione ma mi ha ribadito che nn e obbligatoria. Grazie per la risposta

Biagio
Biagio martedì 22 marzo 2016 alle ore 21:00

Mai sentito queste somme.I preventivi che ho potuto constatare son di ben oltre, dai 130,00 a 170 euro e oltre per ogni termo.

Cerchi un amministratore?

In Evidenza

Dello stesso argomento

Inquinamento e caldaie «fuori legge».

Smog ed inquinamento. Gli amministratori di condominio protestano contro le ordinanze comunali.

Inquinamento e caldaie «fuori legge». Smog, polveri sottili, caldaie «fuori legge». I recenti provvedimenti hanno sollevato già polemiche. Il problema delle polveri sottili. Un inverno incredibilmente asciutto

Le valvole termostatiche nel mirino della Cassazione.

Le valvole termostatiche nel mirino della Cassazione.

Maggior costi dovuti al passaggio dal riscaldamento centralizzato al sistema di termoregolazione . Se il condominio delibera il passaggio dal riscaldamento centralizzato al sistema di termoregolazione, in caso di sovrapposizione

Valvole termostatiche. Dopo la Lombardia anche il Piemonte si adegua.

Valvole termostatiche. Dopo la Lombardia anche il Piemonte si adegua.

Il termine ultimo per l'adozione delle valvole termostatiche nei condomini per il Piemonte è il 1° settembre. La normativa nazionale. Con l'approvazione del decreto legislativo n. 102/2014 (pubblicato sulla