Recupero dei crediti nei confronti dei condòmini morosi
Morosita

Recupero dei crediti nei confronti dei condòmini morosi

contratto di affitto non registrato e cedolare secca
Locazione

contratto di affitto non registrato e cedolare secca

Lavori ascensore: a carico dei nuovi proprietari se la vecchia delibera era solo preparatoria
Spese

Lavori ascensore: a carico dei nuovi proprietari se la...

Le spese per la fornitura d'acqua non sono rimborsabili.
Spese

Le spese per la fornitura d'acqua non sono rimborsabili.

Il portale N.1 sul Condominio
Ristrutturazione, demolizione, ampliamento e detrazioni fiscali

Ristrutturazione, demolizione, ampliamento e detrazioni fiscali

Ristrutturazione e detrazioni fiscali

Ristrutturazione, demolizione, ampliamento e detrazioni fiscali

Nel caso d'interventi edilizi comportanti ristrutturazione mediante demolizione e/o ampliamento, quando il committente ha diritto ad usufruire delle detrazioni fiscali del 50% della spesa effettuata?

Il termine ristrutturazione può assumere differenti significati a seconda che lo si declini nel suo significato comune o in quello attribuitogli dal testo unico in materia edilizia (cfr. art. 3 d.p.r. n. 380/01).

In questo contesto è utile ricordare che qualora con il termine ristrutturazione intendessimo fare riferimento ad opere di manutenzione ordinaria (es. piccole sostituzioni, ri-pitturazione, ecc.), allora dovremmo ricordare che la detrazione fiscale per questo genere d'interventi è fruibile solamente se si tratta di opere riguardanti le parti comuni di un edificio in condominio (cfr. art. 16-bis, primo comma lett. a), d.p.r. n. 917/86).

Svolta questa doverosa premessa definitoria, è bene comprendere quali interventi ed a che condizioni possano fruire della detrazione fiscale del 50% su una spesa massima di € 96.000,00 (il beneficio fiscale nella misura così indicata sarà valido anche per l'anno 2016, data la sua proroga contenuta nella legge di stabilità per quell'anno).

=> Ristrutturazione e detrazioni fiscali in condominio

Al riguardo è utile volgere lo sguardo alle indicazioni fornite dall'agenzia delle entrate nelle proprie guide e circolari sull'intricata materia delle agevolazioni fiscali per interventi di ristrutturazione edilizia.

Così sulla Guida dell'ente rilasciata nell'aprile 2015 si legge che:

“- per la demolizione e ricostruzione con ampliamento, la detrazione non spetta in quanto l'intervento si considera, nel suo complesso, una “nuova costruzione”

- se la ristrutturazione avviene senza demolire l'edificio esistente e con ampliamento dello stesso, la detrazione spetta solo per le spese riguardanti la parte esistente in quanto l'ampliamento configura, comunque, una “nuova costruzione”.

Questi stessi criteri si applicano anche agli interventi di ampliamento previsti in attuazione del cosiddetto Piano Casa (Ris. Agenzia delle Entrate n. 4/E del 2011)” (Fonte: Guida Agenzia entrate, edizione aggiornata ad aprile 2015 => http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/file/Nsilib/Nsi/Agenzia/Agenzia+comunica/Prodotti+editoriali/Guide+Fiscali/Agenzia+informa/pdf+guide+agenzia+informa/Guida_Ristrutturazioni_edilizie.pdf).

Chi esegue interventi di ristrutturazione edilizia, quindi, avrà diritto alla detrazione solamente per quelle opere che incidono sull'edificio esistente senza ampliarlo o sostituirlo ex novo anche se con altro identico al precedente. Ciò vuol dire che il significato di ristrutturazione edilizia in ambito fiscale è differente da quello specificato nel testo unico ed anche se il d.p.r. n. 917/86 fa espresso rimando alle definizioni di cui al testo unico per l'edilizia al fine di individuare gli interventi che possono fruire della detrazione, tali riferimento debbono intendersi mitigati dall'interpretazione fornitane dall'agenzia delle entrate.

Così, ad esempio, se Tizio decide di ristrutturare una parte della sua casa e di ampliarla parzialmente in base a quanto stabilito dal così detto piano casa, egli avrà diritto alla detrazione per quanto riguarda le opere di ristrutturazione e non per quelle di ampliamento. Conseguentemente l'impresa esecutrice dovrà specificare chiaramente la spesa per l'uno e per l'altro intervento al fine di consentire al committente di beneficiare della detrazione in esame.

=> Detrazioni fiscali per ristrutturazioni condominiali a rischio se non ci sono le tabelle condominiali

=> Ristrutturazione e detrazioni fiscali nei condomìni senza amministratore

Cerca: fiscali ristrutturazione detrazioni demolizione

Commenta la notizia, interagisci...

Cerchi un amministratore?

In Evidenza

Dello stesso argomento

Legge di stabilità 2016, ecco un riepilogo delle voci agevolabili e i dettagli.

Legge di stabilità 2016. Confermate le detrazioni fiscali per l'edilizia e l'acquisto di mobili ed elettrodomestici

Legge di stabilità 2016, ecco un riepilogo delle voci agevolabili e i dettagli. Con l'approvazione della Legge di Stabilità 2016, l'edilizia resta uno dei principali campi interessati da agevolazioni,

Ristrutturazione e detrazioni fiscali in condominio

Detrazioni fiscali per ristrutturazione, esempio di calcolo

Ristrutturazione e detrazioni fiscali in condominio. Delle detrazioni fiscali per ristrutturazioni sappiamo che fino a tutto il 2016 dovrebbero essere fruite nella misura del 50% della spesa sostenuta fino ad un massimo

Quando spettano le detrazioni fiscali in condominio

Detrazioni fiscali, quando spettano, a chi e quota IVA della fattura

Quando spettano le detrazioni fiscali in condominio. Nel calcolo della detrazione fiscale per interventi edilizi di manutenzione ordinaria e straordinaria si deve considerare anche la parte di fattura relativa