Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
100396 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Il condominio non può esonerarsi dalle spese anche se non è stato convocato
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Il condominio non può esonerarsi dalle spese anche se non è stato convocato

Il condomino moroso rimane sempre assente ingiustificato.

Avv. Giuseppe Donato Nuzzo  

Il condomino non può ritenersi esonerato dal pagamento delle spese anche se non è stato regolarmente convocato alla riunione. L'unico rimedio è impugnare la decisione

L'omessa convocazione di un condominio in assemblea, così come il difetto di comunicazione delle decisioni adottate, costituiscono motivi di annullamento delle relative deliberazioni, rimedio che può ottenersi solo con l'impugnazione nel termine di 30 giorni ex art. 1137 c.c.

Ne consegue che, decorso detto termine, tali vizi non possono essere successivamente eccepiti per opporsi al decreto ingiuntivo richiesto dall'amministratore per il pagamento delle spese deliberate dall'assemblea.

Lo ha stabilito la Corte d'Appello di Milano con sentenza n. 723 del 13 febbraio 2015, che ha rigettato l'opposizione a decreto ingiuntivo di una condomina che eccepiva la nullità delle delibere condominiali relative all'approvazione dei bilanci consuntivi e preventivi di diversi anni perché non convocata alle varie assemblee.

Verbali dai quali la condomina risultava morosa per oltre 6.000,00 euro nei confronti del Condominio.

La Corte d'appello ricorda che le deliberazioni adottate dall'assemblea di condominio sono obbligatorie e produttive di effetti per tutti i condomini, compresi gli assente, i dissenzienti e gli astenuti, salvo che la loro esecuzione sia sospesa per ordine del giudice in sede di impugnazione,da proporre entro il termine perentorio 30 giorni ai sensi dell'art. 1137 c.c.

I fatti – Il Condominio otteneva dal tribunale decreto ingiuntivo nei confronti di una condòmina per il pagamento di oltre 6.000,00 a titolo di spese condominiali di pertinenza dell'unità immobiliare di cui era proprietaria, come risultanti dai bilanci preventivi e consuntivi approvati dall'assemblea di condominio.

La condòmina si opponeva all'ingiunzione di pagamento, eccependo, tra l'altro, la mancata convocazione alle assemblea e, dunque, la radicale nullità delle delibere di approvazione dei consuntivi e preventivi.

Vizio che, secondo la ricorrente, poteva essere eccepito senza limiti di tempo, dunque anche oltre il termine perentorio di 30 giorni previsto per l'impugnazione delle delibere annullabili.

Eccepiva altresì la mancata comunicazione delle delibere relative alle assemblee a cui la stessa non aveva partecipato, sostenendo che “fino alla comunicazione delle delibere oggetto del giudizio, l'efficacia delle stesse avrebbe dovuto rimanere sospesa, così come il termine di 30 giorni per l'impugnazione, ancora non consumato, e le relative somme portate in decreto non avrebbero può ritenersi dovute”.

=> Lo scioglimento del condominio per casi di crisi e morosità

Richiamando i precedenti giurisprudenziali in materia (Cass. civ. n. 17486/2006; Cass. S.U. n, 4421/2007), i giudici osservano che l'omessa convocazione di un condomino costituisce motivo di annullamento (e non di nullità) delle delibazioni assunte dall'assemblea.

Tale vizio, pertanto, può essere fatto valere solo con l'azione di impugnazione ex art. 1137 c.c. e nel termine di 30 giorni ivi previsto, mentre, decorso detto termine, non può più essere eccepito nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo chiesto per ottenere il pagamento delle spese deliberate dall'assemblea.

Lo stesso dicasi anche per il caso della omessa o difettosa comunicazione ai condomini assenti delle deliberazioni adottate dall'assemblea. Anche in questo caso, il vizio va denunciato con l'impugnazione della delibera entro il termine di 30 giorni.

Insomma, sia la mancata convocazione in assemblea che il difetto di comunicazione delle deliberazioni adottate non esonerano il condòmino del termine perentorio per impugnare, che rimane quello fissato dall'art. 1137 c.c.

Nel caso di specie – sottolinea la Corte – i verbali delle assemblee con allegati i preventivi e consuntivi posti a fondamento del decreto ingiuntivo non sono stati impugnati nei termini e, perciò, rimangono validi ed efficaci e costituiscono, ai sensi dell'art. 63 disp. att. c.c.,idoneo titolo di credito del Condominio per ingiungere il pagamento delle rate condominiali alla condòmina morosa.

Ragionando diversamente, cioè consentendo al condomino di contestare in sede di opposizione l'annullabilità delle delibere poste a fondamento del decreto ingiuntivo, si finirebbe per consentire l'impugnazione delle delibere stesse oltre il termine perentorio, aggirando di fatto la disciplina prevista dall'art. 1137 c.c. e rendendo tra l'altro più complicato, per il Condominio, il recupero di spese condominiale già accertate ed approvate con deliberazioni mai contestate prima del procedimento monitorio.

=> Quando il condomino moroso va condannato per lite temeraria

=> Morosità in caso di condominio parziale

Scarica Corte d'Appello di Milano, n. 723 del 13 febbraio 2015

Cerca: condomino moroso convocazione

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento