Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
89621 utenti
Registrati


Il portale N.1 sul Condominio
Attenzione: una fattura non prova il credito.

Attenzione: una fattura non prova il credito.

Una fattura non è sufficiente la sussistenza di un rapporto contrattuale

Perché produrre semplicemente una fattura non è ritenuto sufficiente per riscuotere il proprio credito?

In fatto. Con atto di citazione notificato il 17 e 19 marzo 1994, la impresa Sempronio& Co conveniva in giudizio, dinanzi al Tribunale di Roma, Tizio chiedendone la condanna al pagamento della somma di cinquemila euro circa, oltre rivalutazione, interessi e spese, quale corrispettivo dei lavori eseguiti nella porzione di casa, con annesso giardino.

A sostegno della domanda, la Società attrice deduceva che, successivamente alla vendita dell'immobile, Caio, padre dell'acquirente, in nome e per conto di quest'ultimo, aveva commissionato l'esecuzione di ulteriori lavori rispetto quelli oggetto dell'originario contratto.

Nel giudizio così intrapreso si è costituito Tizio, il quale ha chiesto il rigetto della domanda formulata nei propri confronti e la condanna della Società per lite temeraria ex art. 96 cod.proc.civ.

Con sentenza depositata in data 9 gennaio 2004, il Tribunale di Roma rigettava la domanda proposta dalla Sempronio & Co, condannandola ai pagamento delle spese del giudizio.

Nel giudizio di appello, l'esito della causa viene ribaltato e Tizio è stato condannato al pagamento delle spettanze pretese dall'appaltatore.

Nel corso del processo del gravame, la Società appellante -tanto si legge in sentenza - avrebbe provato per il tramite di testimoni la circostanza che a seguito della vendita dell'immobile siano state eseguite all'interno dello stesso ulteriori opere edili, rispetto quelle originariamente pattuite.

Tizio non si è dato per vinto ed è ricorso in Cassazione.

=> Presentazione fattura nonostante la contestazione dei lavori

La contestazione del debitore. In questa sede egli ha contestato la Sentenza della Corte di Appello capitolina siccome, a suo parere, la stessa sarebbe incorsa in errore per avere ritenuto provata la conclusione dell'appalto relativamente alle opere suppletive per cui era causa, solo in funzione della fattura prodotta dall'appaltatore (ergo: lamentando la violazione e la falsa applicazione degli artt. 2697, 2709, 2710 c.c. e 113,115 e 116 cod. proc. civ. , in relazione all'art. 360, n. 3 cod. proc. civ.).

Il ricorrente, nella sostanza, ha censurato la valutazione delle risultanze probatorie, piuttosto che la violazione delle norme relative all'interpretazione del contratto, negando in radice l'esistenza di un contratto di appalto successivo alla compravendita dell'immobile ed affermando che una fattura non fosse in grado di provare in sé il rapporto sottostante.

Il motivo è stato ritenuto fondato.

La decisione (Corte di Cassazione, sentenze del 12 gennaio 2016, n. 299). Stando agli atti del giudizio,la Corte d'Appello di Roma è pervenuta all'integrale accoglimento della domanda sulla base della fattura prodotta dalla società appellante, nonostante che siffatto documento sia stato contestato dal ricorrente sin dai primi atti difensivi del giudizio di primo grado.

Secondo i Giudici di legittimità,allora, tale "conclusione" non è meritevole di pregio giuridico perche:

a. la fattura commerciale, avuto riguardo alla sua formazione unilaterale e alla funzione di far risultare documentalmente elementi relativi all'esecuzione di un contratto, si inquadra fra gli atti giuridici a contenuto partecipativo, consistendo nella dichiarazione indirizzata all'altra parte di fatti concernenti un rapporto già costituito;

b. ogni qual volta tale rapporto sia contestato fra le parti in giudizio, la fattura deve essere ritenuta inidonea a costituire un valido elemento di prova delle prestazioni eseguite, potendo al più costituire un mero indizio (Cass. 28 giugno 2010, n. 15383).

La sentenza impugnata, al riguardo, nulla dice in ordine alle ragioni dell'integrale accoglimento della pretesa creditoria azionata, a fronte della contestazione anche del suo esatto ammontare, e presenta, sul punto, un vizio di carenza di motivazione che impone la cassazione della pronuncia e il rinvio ad altra sezione della Corte d'Appello di Roma, che pronuncerà anche sulle spese.

In conclusione. Una fattura rappresenta idonea prova scritta del credito quale richiesta ex lege per l'emissione di un decreto ingiuntivo, sempre che ne risulti la regolarità amministrativa e fiscale, ma non è sufficiente a provare, sul merito e in caso di opposizione, la sussistenza del rapporto contrattuale ad essa sottesa.

=> Lavori non a regola d'arte, le fatture non bastano per farsi pagare

Scarica Corte di Cassazione, sezione II° civile, del 12 gennaio 2016, n. 299

Cerca: fattura credito lavori condominio casa

Interventi edili su fune.
Scopri come snellire e velocizzare gli interventi edili
alleggerendone i costi.

Commenta la notizia, interagisci...

Cerchi un amministratore?

In Evidenza

Dello stesso argomento

Annullata la bolletta dell'acqua se il gestore sostituisce il contatore senza preavviso

Maxi bolletta del gas? I consumi non possono essere presunti.

Il prezzo per la fornitura del gas deve essere commisurato in base all'effettivo consumo . La bolletta che attesta i consumi del gas deve riferirsi ai consumi effettivi e non presunti e gli stessi devono

Ecco perchè l'appaltatore non può sospendere i lavori per il mancato pagamento

Ecco perchè l'appaltatore non può sospendere i lavori per il mancato pagamento. Un rilevante ed innovativo principio,emesso dal Tribunale di Siracusa, che ha prestato tutela cautelare a un diritto di credito,

Lavori non a regola d'arte, le fatture non bastano per farsi pagare

Lavori non a regola d'arte, le fatture non bastano per farsi pagare. Lavori non eseguiti ad opera d'arte da parte di una ditta appaltatrice. In fase di opposizione a decreto ingiuntivo, non è sufficiente