Vai al contenuto
aloe77

Risarcimento danno in forma specifica

Avrei una domanda da porvi: se un conduttore tramite causa a seguito di infiltrazioni dal lastrico solare chiede al condominio il risarcimento danni in forma specifica dell'appartamento (quindi il ripristino dello stato dei luoghi) o il risarcimento per equivalente, e nel frattempo la casa viene venduta a un terzo che riceve uno sconto sul prezzo a fronte dei danni causati dall'infiltrazioni, il conduttore conserva la possibilità di chiedere al condominio il risarcimento in forma specifica/ per equivalente oppure deve rivolgersi al nuovo proprietario già risarcito con lo sconto? Grazie mille 

Non capito bene il quesito. L'acquirente che cosa c'entra in tutto il casotto.  Avete fatto dei patti a tal proposito? Tu non sei più condomino e per me non puoi fare più nulla, ma non sono certo.

L'acquirente ha acquistato la casa tramite procedura esecutiva e il perito gli ha riconosciuto uno sconto per i danni riportati dall'appartamento a causa delle infiltrazioni. Nel frattempo il conduttore ha fatto causa al condominio chiedendo il risarcimento in forma specifica o per equivalente per i danni riportati all'appartamento. Volevo capire se il conduttore può ottenere comunque il risarcimento in forma specifica (ripristino dello stato dei luoghi) o per equivalente dal condominio oppure si deve rivolgere al nuovo proprietario perché già risarcito tramite sconto dalla procedura. 

Modificato da aloe77

Non ho ben chiaro il quesito.

Provo a interpretare:

- il conduttore subisce un danno (ai mobili, tv etc) a causa delle infiltrazioni dal lastrico condominiale (?): se l'edificio è assicurato, potrebbe ottenere una qualche forma di risarcimento.

- per il resto del quesito, il conduttore, in quanto tale, non aveva prima e non conserva  nessuna possibilità di risarcimento nei confronti del condominio o di chi subentra nella proprietà. 

Sempre se intendo bene questo:

"il risarcimento in forma specifica è una forma di risarcimento del danno alternativa al risarcimento per equivalente e consiste nell'obbligazione del responsabile del danno di ricostituire la situazione di fatto antecedente alla perdita procurata, consentendo così al danneggiato di attuare l'interesse vantato senza accontentarsi dell'equivalente pecuniario."

 

Modificato da GIME

Un appunto Aloe: perché invece di aprire nuovi thread non cerchi di spiegare tutto e per bene in quello iniziale?

Detto questo, il conduttore a mio avviso non ha titolo per chiedere i danni al condominio ma solo al proprietario. [cancello alla luce di quanto linkato da Josefat]

L'ex proprietario può chiederli al condominio.

L'attuale proprietario può chiedere i danni causati dopo il suo acquisto, a meno che non acquisisca con atto separato il credito dell'ex proprietario (credito eventuale nei confronti del condominio derivante dal rimborso del danno).

Ne avevamo già scritto...

Modificato da condo77
JOSEFAT dice:

Insomma, non perché l’appartamento non sia di proprietà dell’inquilino questi non ha diritto a vivere in un luogo privo di infiltrazioni o macchie di umidità. Egli agirà, dunque, non a tutela dell’immobile – che non è suo – ma del suo diritto ad avere un’abitazione salubre e decorosa anche dal punto di vista estetico. 

 

Interessante grazie!

Che io sappia la cassazione ha stabilito che i conduttori possono chiedere direttamente al condominio il risarcimento per equivalente per i danni all'appartamento o il risarcimento in forma specifica oltre ai danni relativi alla propria sfera patrimoniale (mobili, tv, etc). In questo caso però il nuovo acquirente ha ricevuto da perizia uno sconto per i danni all'appartamento provocati dalle infiltrazioni. Non dovrebbe il conduttore richiere il ripristino dello stato dei luoghi direttamente al nuovo proprietario già risarcito dalla procedura? Il condominio al massimo dovrebbe risarcire il danno all'appartamento al vecchio proprietario. Diverso sarebbe se la casa non fosse stata venduta, in quel caso il conduttore avrebbe potuto chiedere i danni anche per l'appartamento al condominio. Non è cosi? 

aloe77 dice:

L'acquirente ha acquistato la casa tramite procedura esecutiva e il perito gli ha riconosciuto uno sconto per i danni riportati dall'appartamento a causa delle infiltrazioni. Nel frattempo il conduttore ha fatto causa al condominio chiedendo il risarcimento in forma specifica o per equivalente per i danni riportati all'appartamento. Volevo capire se il conduttore può ottenere comunque il risarcimento in forma specifica (ripristino dello stato dei luoghi) o per equivalente dal condominio oppure si deve rivolgere al nuovo proprietario perché già risarcito tramite sconto dalla procedura. 

Tirando le fila: secondo me il conduttore può ottenere comunque il risarcimento, alla luce di quanto postato da Josefat.

Gli accordi tra l'acquirente e il venditore non entrano nel rapporto tra condominio e danneggiato dal condominio.

aloe77 dice:

Che io sappia la cassazione ha stabilito che i conduttori possono chiedere direttamente al condominio il risarcimento per equivalente per i danni all'appartamento o il risarcimento in forma specifica oltre ai danni relativi alla propria sfera patrimoniale (mobili, tv, etc). In questo caso però il nuovo acquirente ha ricevuto da perizia uno sconto per i danni all'appartamento provocati dalle infiltrazioni. Non dovrebbe il conduttore richiere il ripristino dello stato dei luoghi direttamente al nuovo proprietario già risarcito dalla procedura? Il condominio al massimo dovrebbe risarcire il danno all'appartamento al vecchio proprietario. Diverso sarebbe se la casa non fosse stata venduta, in quel caso il conduttore avrebbe potuto chiedere i danni anche per l'appartamento al condominio. Non è cosi? 

Credo di no.

Il conduttore è comunque danneggiato dal condominio, indipendentemente dalla vendita intercorsa.

Premesso che con aloe77 doppia discussione ci fu, mi accodo anche io :

condo77 dice:

Interessante grazie!

 però evidenzio che in questo caso, il conduttore è anche il nuovo proprietario.

Giusto @aloe77 ? Ho capito bene?

 

Quindi i danni provocati dal condominio all'appartamento può chiederli sia il vecchio proprietario che l'inquilino? Così il condominio sarebbe chiamato a risarcire lo stesso danno due volte. 

Modificato da aloe77
aloe77 dice:

No

Forse sarebbe il caso di chiarire bene tutta la situazione, cosa ne dici?

Nel tuo interesse, altrimenti rischi che interpretaimo erroneamente la tua situazione, di cui al momento mi sento di affermare solo una cosa con certezza: è complicata!

 

Quindi potresti farci un bel riassunto di quanto accaduto. 😉

Modificato da condo77

🙄 a mio parere, un conto è il contratto di compravendita, con il quale il prezzo è concordato in ribasso perchè l'appartamento è malconcio, quindi vale meno.

 

Un altro conto è il risarcimento dei danni: l'inquilino ha chiesto il ristoro perchè non ha potuto godere dell'appartamento in modo adeguato, e/o ha avuto anche dei danni materiali a proprie cose.

 

Le due situazioni sono diverse e separate, per me.

aloe77 dice:

No

Ok.

In conclusione:

aloe77 dice:

Che io sappia la cassazione ha stabilito che i conduttori possono chiedere direttamente al condominio il risarcimento per equivalente per i danni all'appartamento o il risarcimento in forma specifica oltre ai danni relativi alla propria sfera patrimoniale (mobili, tv, etc).

Su questo fronte, come sentenza dice, il conduttore può procedere vs il condominio.

aloe77 dice:

il nuovo acquirente ha ricevuto da perizia uno sconto per i danni all'appartamento provocati dalle infiltrazioni.

e qua, secondo me,il conduttore non può fare niente.

aloe77 dice:

Non dovrebbe il conduttore richiedere il ripristino dello stato dei luoghi direttamente al nuovo proprietario già risarcito dalla procedura?

A mio avviso no.

 

aloe77 dice:

Quindi i danni provocati dal condominio all'appartamento può chiederli sia il vecchio proprietario che l'inquilino?

Perchè dovrebbe chiederli il nuovo proprietario, in cosa è stato danneggiato?

 

Concordo con Gime che l'inquilino deve rivolgersi al condomìnio, cioè al danneggiante,  per il tramite del proprietario.

condo77 dice:

Quindi potresti farci un bel riassunto di tutta la situazione. 😉

Danielabi dice:

Le due situazioni sono diverse e separate, per me.

Appunto...

Nella mia testa..."a schifiu finiu"😌

  • Haha 1

Beh quindi il condominio dovrà risarcire lo stesso danno (quello all'appartamento) due volte, una volta al vecchio proprietario un'altra volta al conduttore

Danielabi dice:

Perchè dovrebbe chiederli il nuovo proprietario, in cosa è stato danneggiato?

 

Concordo con Gime che l'inquilino deve rivolgersi al condomìnio, cioè al danneggiante,  per il tramite del proprietario.

Il vecchio proprietario Daniela, non il nuovo.

Il vecchio proprietario è stato sicuramente danneggiato, visto che ha venduto il bene a prezzo inferiore.

aloe77 dice:

Beh quindi il condominio dovrà risarcire lo stesso danno (quello all'appartamento) due volte, una volta al vecchio proprietario un'altra volta al conduttore

Perchè al vecchio proprietario?

aloe77 dice:

Beh quindi il condominio dovrà risarcire lo stesso danno (quello all'appartamento) due volte, una volta al vecchio proprietario un'altra volta al conduttore

Danni diversi: al vecchio proprietario i danni materiali causati prima della vendita, al nuovo proprietario i danni materiali causati dopo la vendita, al conduttore il disagio ed eventuali danni ad arredi / oggetti di sua proprietà.

Modificato da condo77
  • Mi piace 1
condo77 dice:

Il vecchio proprietario Daniela, non il nuovo.

Infatti non ho scritto "nuovo"....😃

Danielabi dice:

Perchè al vecchio proprietario?

Perché il danno risale a prima della vendita e chi ha titolo al rimborso è il titolare di diritti reali al momento del danno, come chiarito in altro thread.

Danielabi dice:

Perchè dovrebbe chiederli il nuovo proprietario, in cosa è stato danneggiato?

Qlc ti ha rubato la tastiera allora... 😉

  • Grazie 1
aloe77 dice:

Beh quindi il condominio dovrà risarcire lo stesso danno (quello all'appartamento) due volte, una volta al vecchio proprietario un'altra volta al conduttore

 per lo stesso danno no!!

- i danni strutturali per es. al proprietario;

- i danni  ai mobile e suppellettili varie, al conduttore.

 

 

×