Vai al contenuto
Danielabi

FATTURA ELETTRONICA qualche informazione

In conclusione (anche se dubito si possa usare questo termine)

Condomini non emettono fattura e non sono titolari di partita iva, pertanto han solo il problema inerente alla ricezione delle fatture xml, le opzioni sono 2

-pec : la fattura in xml sarà inoltrata sulla pec comunicata al fornitore;

- cassetto fiscale : la fatture sono visualizzabili sul cassetto fiscale del conodminio, al quale si puo accedere utilizzando FISCO ONLINE dal sito dell Agenzia delle entrate, registrando prima l'amministratore e poi i condomini in delega.

Erro in qualcosa ?

giudepe dice:

In conclusione (anche se dubito si possa usare questo termine)

Condomini non emettono fattura e non sono titolari di partita iva, pertanto han solo il problema inerente alla ricezione delle fatture xml, le opzioni sono 2

-pec : la fattura in xml sarà inoltrata sulla pec comunicata al fornitore;

- cassetto fiscale : la fatture sono visualizzabili sul cassetto fiscale del conodminio, al quale si puo accedere utilizzando FISCO ONLINE dal sito dell Agenzia delle entrate, registrando prima l'amministratore e poi i condomini in delega.

Erro in qualcosa ?

no, ottima sintesi! 👍

  • Grazie 1
giudepe dice:

 

- cassetto fiscale : la fatture sono visualizzabili sul cassetto fiscale del conodminio, al quale si puo accedere utilizzando FISCO ONLINE dal sito dell Agenzia delle entrate, registrando prima l'amministratore e poi i condomini in delega.

Erro in qualcosa ?

In questa ipotesi, pensi che sarà l amministratore a doversi preoccupare di andare a vedere sul sito quando viene emessa una nuova bolletta oppure manderanno un avviso? 

 

Domanda sciocca questa, ma per me era comoda la bolletta recapitata dal postino così pagavo quando avevo in mano la bolletta 

Granato dice:

per me era comoda la bolletta recapitata dal postino così pagavo quando avevo in mano la bolletta 

anche per me! 😁

Temo che non ci saranno avvisi........ma, considerando che è ancora tutto in sospeso, hai visto mai?

 

Granato dice:

Domanda sciocca questa, ma per me era comoda la bolletta recapitata dal postino così pagavo quando avevo in mano la bolletta

Stai sicuro che qualcosa in mano (e non solo in mano) te la metteranno sempre ed il postino continuerà consegnare bollette.

Come credi che pagheranno i milioni di italiani le bollette di luce, gas, telefono che ora arrivano nella cassetta postale?

  • Mi piace 1
Granato dice:

In questa ipotesi, pensi che sarà l amministratore a doversi preoccupare di andare a vedere sul sito quando viene emessa una nuova bolletta oppure manderanno un avviso? 

 

Domanda sciocca questa, ma per me era comoda la bolletta recapitata dal postino così pagavo quando avevo in mano la bolletta 

concordo con leonardo che ha risposto prima, è sia possibile ricevere lo stesso copia cartacea del xml digitale, anche perchè la validità è tale se emessa elettronicamente (consegnata allo sdi etc etc.) ma cmq il cartaceo a titolo informativo può essere utilizzato

Modificato da giudepe
Leonardo53 dice:

 

Come credi che pagheranno i milioni di italiani le bollette di luce, gas, telefono che ora arrivano nella cassetta postale?

Mah... Spero proprio che questo governo cambi tutto, visto anche che hanno in mente una semplificazione fiscale 

  • Haha 1
Granato dice:

Spero proprio che questo governo cambi tutto, visto anche che hanno in mente una semplificazione fiscale

🤔  ripeto spesso che è da quando sono nata che sento parlare di semplificazione, ma mi unisco a te nella speranza! 🙏

Danielabi dice:

🤔  ripeto spesso che è da quando sono nata che sento parlare di semplificazione, ma mi unisco a te nella speranza! 🙏

Beh, l anno prox i detentori di partita iva che beneficiano della flat tax, dovrebbero avere una importante semplificazione fiscale da quanto dice il vicepremier

Modificato da Granato
Danielabi dice:

🤔  ripeto spesso che è da quando sono nata che sento parlare di semplificazione, ma mi unisco a te nella speranza!

Ieri la mia commercialista mi ha ribadito che (forse) dal prossimo anno ci saranno nuovi modelli F24 nei quali indicare il codice fiscale del percipiente onde evitare la presentazione del 770.

 

Mi ha anche accennato (ma non mi interessava più di tanto e non l'ho seguita con attenzione) che non si inseriscono più nel quadro AC (o modello K) i dati relativi alle fatture di ristrutturazione per le quali la banca ha operato le ritenute dell'8%.

  • Grazie 1
Leonardo53 dice:

non si inseriscono più nel quadro AC (o modello K) i dati relativi alle fatture di ristrutturazione per le quali la banca ha operato le ritenute dell'8%

si, questo da settembre di quest'anno.

Raga, ho sempre visto togliere da una parte e mettere dall'altra, ma, ripeto, chissà che sia la volta buona.....🤞

  • Grazie 2
Danielabi dice:

ho sempre visto togliere da una parte e mettere dall'altra

Speriamo che a togliere da una parte non sia "lo sceriffo di Nottingham", altrimenti povero me che vivo nella foresta 😊

  • Grazie 1
  • Haha 2
Granato dice:

In questa ipotesi, pensi che sarà l amministratore a doversi preoccupare di andare a vedere sul sito quando viene emessa una nuova bolletta oppure manderanno un avviso? 

 

Domanda sciocca questa, ma per me era comoda la bolletta recapitata dal postino così pagavo quando avevo in mano la bolletta 

io è dieci anni circa (da quando è stato possibile) che non faccio più inviare il cartaceo ma faccio arrivare la fattura (bolletta) via web all'indirizzo di posta elettronica (mio e/o del condominio a seconda dei casi).

 

la registrazione poi sul sito web del fornitore mi permette di controllare, quando voglio e dove sono, quel che voglio.

 

mettici la domiciliazione bancaria e stai tranquillo che avrai tutto sotto controllo.

 

 

Leonardo53 dice:

Mi ha anche accennato (ma non mi interessava più di tanto e non l'ho seguita con attenzione) che non si inseriscono più nel quadro AC (o modello K) i dati relativi alle fatture di ristrutturazione per le quali la banca ha operato le ritenute dell'8%.

è vero, questo da quest'anno (non per me che ho inviato tutto a maggio ...)

paul_cayard dice:

 

 

mettici la domiciliazione bancaria e stai tranquillo che avrai tutto sotto controllo.

 

 

 

Io preferisco il cartaceo recapitato in cassetta così non devo preoccuparmi di dover stampare nulla.

 

Per quanto riguarda la domiciliazione bancaria sono assolutamente contrario. Metti che arriva una bolletta pazza e sei spacciato 😱

Granato dice:

Io preferisco il cartaceo recapitato in cassetta così non devo preoccuparmi di dover stampare nulla.

 

Per quanto riguarda la domiciliazione bancaria sono assolutamente contrario. Metti che arriva una bolletta pazza e sei spacciato 😱

Le bollette pazze si bloccano anche con la domiciliazione. Nel caso l'importo in fattura non è corrispondente al consumo oppure è errato  l'intestatario puoi sempre bloccare il pagamento o richiedere il rimborso 

 

  • Grazie 1
Granato dice:

Io preferisco il cartaceo recapitato in cassetta così non devo preoccuparmi di dover stampare nulla.

 

Per quanto riguarda la domiciliazione bancaria sono assolutamente contrario. Metti che arriva una bolletta pazza e sei spacciato 😱

ti dico alcune cose ...

 

neanch'io stampo nulla: mi salvo l'allegato pdf che il gestore mi invia (cambiandone il nome per mia gestione di archiviazione) direttamente nella directory del pc e del sito internet.

 

non avrei comunque bisogno di stampare perchè la bolletta (fattura) si può pagare via web per lo meno in due modi: sul sito del gestore e/o con un bonifico bancario tramite internet banking comodamente quando hai tempo senza file alla posta o in banca.

 

a chi ha disdetto il cartaceo, normalmente gli avvisi e le fatture arrivano molto prima della scadenza (a me dieci o quindici di giorni prima) così si ha tutto il tempo di informarsi col gestore, accordarsi per una correzione, bloccare il pagamento alla società domiciliata presso la banca.

 

o ancora posso stare ovunque in ferie e non preoccuparmi più di tanto (sarò sempre informato e raggiungibile dalle email).

 

pensa se la bolletta pazza ti arriva il giorno prima della scadenza (o addirittura in ritardo) perchè magari le poste stanno in quel periodo un po' in crisi ...

 

 

  • Mi piace 1
  • Grazie 1

va bene, cmq mi chiedo che senso ha far transitare le fatture delle utenze nel sito dell'ade.

 

potevano fare come nel quadro AC che non vanno inserite le fatture delle utenze.

 

mah

Modificato da Granato
Granato dice:

va bene, cmq mi chiedo che senso ha far transitare le fatture delle utenze nel sito dell'ade.

 

potevano fare come nel quadro AC che non vanno inserite le fatture delle utenze.

 

mah

mah, ... io penso sempre ad una futura semplificazione e mi spiego.

 

se tutti i dati sono in possesso del fisco, diventano doppioni e quindi inutili la dichiarazione ad esempio su iva entrata e uscita, sa già quanto il fornitore ha fatturato al condominio e quindi il famoso 4% o 20% di r.a. da trattenere può farlo direttamente l'ade evitando i versamenti f24 e la c.u. e la stupida elencazione del 770, ...

 

certo gli inizi non saranno indolori e qualche casinotto potrà succedere, ma nel sistema generale ci saranno più vantaggi che problemi.

 

ovvio che chi vorrebbe essere invisibile al fisco si lamenterà, ma da ex lavoratore dipendente ed ora pensionato non può che farmi piacere che il numero di chi contribuisce vada sempre aumentando ...

  • Mi piace 2
  • Grazie 1

Spero che questa ennesima trovata, sia volta al definito abbandono delle ritenute di tre tipologie, mod cu, modello detrazione, mod 770, mod ac (?! Ma ci rendiamo conto?? )purtroppo  Ne dubito e sarà solo un nuovo adempimento.

 

tornando alla base della questione per i condomìni i passaggi sono accesso al fiscoonline personale e connessione al proprio dei fari codici fiscali dei condomini.

 

Non ho ancora capito dove prendere codice destinatario. 

La questione è ancora tutta da definire. È notizia di oggi che il garante della privacy abbia mosso degli appunti riguardo il trattamento dei dati visto che si parla di fatture di qualsiasi natura anche quelle rilasciate da studi medici e/o analisi mediche.

 

Giovanni Inga dice:

La questione è ancora tutta da definire. È notizia di oggi che il garante della privacy abbia mosso degli appunti riguardo il trattamento dei dati visto che si parla di fatture di qualsiasi natura anche quelle rilasciate da studi medici e/o analisi mediche.

 

mah..(lo dico anch'io), perchè, sino a questo istante dove finivano le fatture degli studi medici e delle analisi se non nel "cervellone" di AdE quando entro febbraio anche i medici, i dentisti, le farmacie, ecc. ecc. devono inviare i dati per essere inserirli nelle precompilate?

 

vito15 dice:

Non ho ancora capito dove prendere codice destinatario. 

ti rimando al post #1 dove ho inserito la pagina AdE dove puoi firmare la convenzione per il codice e comunque avere le informazioni necessarie. Ovviamente ti stai riferendo alla tua attività di amministratore....

 

paul_cayard dice:

se tutti i dati sono in possesso del fisco, diventano doppioni e quindi inutili

esiste un famoso articolo, anzi due, i 36bis e ter, che sono una delle maledizioni che qualche volta arrivano: sono gli articolo a cui AdE si riferisce per "l'accertamento breve", cioè chiede le pezze giustificative delle cifre detratte in denuncia dei redditi ecc. ecc. Per lungo tempo è stato necessario, con le ricevute e le fatture, portare anche copia della denuncia inviata ad AdE, quindi memorizzata nel loro sistemone e in base alla quale chiedevano le pezze. Ci sono voluti anni (e proteste) prima che si accorgessero che potevano anche fare a meno di chiedere la copia di cio' che già avevano. Ed è un esempio.....

Speriamo che questa sia realmente una rivoluzione, anche se piu' se ne parla e piu' mi viene da pensare all'attuale sistema: il problema è che molti emettono poche fatture rispetto a quanto lavorano, che siano in forma cartacea o elettronica, non cambia. Si spera solo che avendo già inseriti tutti i dati delle movimentazioni finaziarie sarà un attimo collegarle alle fatture emesse........

Vedremo!

 

  • Mi piace 1

Porto all'attenzione degli amministratori con partita iva (per il condomìnio non cambia nulla) il sottostante, interessante articolo circa il momento di emissione della fattura.

La fatturazione elettronica, come già detto, è soggetta alle stesse norme dell'attuale fatturazione cartacea, norme che non verranno modificate, se non in minima parte e in relazione alle tempistiche legate alla modalità elettronica. Quindi, la piu' importante modifica sarà relativa alla data di emissione ed invio della fattura: come ben spiegato nell'articolo, nel primo semestre 2019 si potrà emettere ed inviare la fattura entro il termine della liquidazione iva (15 del mese successivo) a condizione che si emetta fattura proforma, o notula o come volete chiamarla, prima della riscossione della prestazione. La data di emissione della fattura deve coincidere con la data del pagamento della prestazione, questa è la regola generale, AdE ha indicato 10 giorni di tolleranza per la fattura elettronica (data emissione oggi, invio entro 10 giorni), ora con questo ulteriore chiarimento consente un periodo piu' ampio per poter provvedere all'invio della fattura emessa.

Qui l'articolo:

16_11_1.pdf

  • Grazie 1

dopo 4 pagine di discussione, qualcuno puo' fare un riassunto molto chiaro?...esempio

 

 

  • basta farsi inviare la fattura pdf classica per mail (praticamente non è cambiato proprio nulla)
  • (oppure) è valida solo la fattura scaricata dal sito dell'agenzia entrate
  • serve serve sentire la ditta prima che emetta fattura perchè una volta che quest'ultima la invia all'agenzia delle entrare il gioco e fatto

e via cosi...

boss123 dice:

dopo 4 pagine di discussione, qualcuno puo' fare un riassunto molto chiaro?...esempio

 

 

  • basta farsi inviare la fattura pdf classica per mail (praticamente non è cambiato proprio nulla)
  • (oppure) è valida solo la fattura scaricata dal sito dell'agenzia entrate
  • serve serve sentire la ditta prima che emetta fattura perchè una volta che quest'ultima la invia all'agenzia delle entrare il gioco e fatto

e via cosi...

Caro Boss.....il riassunto chiaro è al primo post: a parte il chiarimento AdE che ho postato al #96 resta valido quanto indicato in "prima battuta"...prova a rileggere se ti restano dubbi precisi, fatti sentire ☺️

Danielabi dice:

La data di emissione della fattura deve coincidere con la data del pagamento della prestazione

Uhm... per come è scritta sembra che non si possa emettere fattura prima di incassare.

Sarà veramente così oppure potrebbe essere che:

La data di emissione della fattura non può essere superioore a 10 giorni dal pagamento della prestazione.

 

Se fosse preso alla lettera, significa che io dovrei ricevere sempre una notula prima di pagare (mai più una fattura diretta) e non potrei pagare a presentazione fattura o, come spesso usavano i fornitori, a 30 giorni data fattura.

×