Vai al contenuto
Dsa

Uso ufficio ma non commerciale vietato nel regolamento contrattuale

... Ora non facendo minimamente confusione (infatti da 19 anni nessuno si e' mai lamentato) e oltretutto si entra da una rampa indipendente al civico precedente che porta ai garages quindi nel portone del condominio manco ci sono mai entrato (16 condomini su 20 manco sanno che esistiamo) io penso che non violo nessuna clausola

Se nessuno si è mai lamentato credo che stiamo parlando solo a livello teorico.

Se sei lì da 19 anni e di fatto svolgi sempre la stessa attività, si può considerare che l'assemblea ti abbia dato il consenso per fatti concludenti.

 

Se qualche condòmino dovesse ricorrere, solo il Giudice potrà darti una risposta certa.

Se nessuno si è mai lamentato credo che stiamo parlando solo a livello teorico.

Se sei lì da 19 anni e di fatto svolgi sempre la stessa attività, si può considerare che l'assemblea ti abbia dato il consenso per fatti concludenti.

 

Se qualche condòmino dovesse ricorrere, solo il Giudice potrà darti una risposta certa.

Io ho litigato con un condomino che ha appena acquistato un'appartamento e mi ha detto che mi fara' scrivere dall avvocato..... Ma per eventuali violazioni potrebbe farla da solo la causa o dovrebbe farla il condominio ?

se il condominio ossia l'assemblea non ritiene che ci siano state violazioni allora se vuole potra' agire da solo.

 

p.s. occhio che pero' eventuale segnalazione al COMUNE puo' farla anche solo lui ,anzi una qualsiasi persona .

Io ho litigato con un condomino che ha appena acquistato un'appartamento e mi ha detto che mi fara' scrivere dall avvocato..... Ma per eventuali violazioni potrebbe farla da solo la causa o dovrebbe farla il condominio ?

Per come la vedo io, quel regolamento non fa divieto assoluto ma dice che

 

"La destinazione degli appartamenti ad uso diverso da abitazione o studio professionale privato deve essere consentito dall'assemblea"

Per cui, a mio avviso, quel consenso dell'assemblea tu lo hai ricevuto 19 anni fa, pur se non scritto, per fatti concludenti.

Solo se iniziassi un'attività diversa da quella che hai sempre fatto avresti necessità di un nuovo consenso.

 

Tra far scrivere dall'avvocato e citare in giudizio ce ne passa.

Non so se il singolo condòmino può citarti direttamente ma se non potrà farlo potrà citare il condominio nella persona dell'amministratore per mancato rispetto del regolamento.

Secondo me "ti faccio scrivere dall'avvocato" è la solita frase fatta.

Aspetta che ti scriva e poi vedi cosa ti chiede.

Se ti dovesse citare in giudizio, con i tempi che corrono, difficilmente troverà un Giudice disposto a far chiudere un'attività che è lì da 19 anni.

 

- - - Aggiornato - - -

 

se il condominio ossia l'assemblea non ritiene che ci siano state violazioni allora se vuole potra' agire da solo.

p.s. occhio che pero' eventuale segnalazione al COMUNE puo' farla anche solo lui ,anzi una qualsiasi persona .

Credo che per "violazioni" DSA intende quelle al regolamento di condominio e non quelle Comunali.

certo ma occorre tener presente che il condomino con cui ha litigato, per ripicca potrebbe sempre segnalarlo al comune visto il fatto che comunque attualmente quel locale e' A10 ma usato come C2

certo ma occorre tener presente che il condomino con cui ha litigato, per ripicca potrebbe sempre segnalarlo al comune visto il fatto che comunque attualmente quel locale e' A10 ma usato come C2

Se non ho capito male, l'immobile è stato acquistato come C2 ma nel 2003 è stata cambiata la destinazione d'uso in A10 (post n.1) per consentire la presenza costante delle persone.

 

Poi, però, nel post n.9 si dice

"Ora io ho un locale condonato da C2 (Magazzino) a C1 (Commerciale)"

per cui immagino che quel locale (inizialmente C2 e passato A10 nel 2003?) è diventato C1 per cui, se così fosse, sarebbe in regola con l'esercizio dell'attività dal punto di vista Comunale.

scusa ma come ha fatto a condonare un c2 a c1 se nel 2003 era diventato A10 ?

mi sembra che manchi un passaggio .

scusa ma come ha fatto a condonare un c2 a c1 se nel 2003 era diventato A10 ?

mi sembra che manchi un passaggio .

Aspettiamo chiarimenti, io ho capito così:

 

Anno di acquisto = C2

Anno 2003 = da C2 a A10

Adesso = da A10 a C1

Aspettiamo chiarimenti, io ho capito così:

 

Anno di acquisto = C2

Anno 2003 = da C2 a A10

Adesso = da A10 a C1

Allora ragazzi ho scritto male io.......

Era C2 ed ora e' A10

 

I vigili me li ha gia' mandati ha fatto un esposto sono venuti il 2 agosto mi hanno chiesto i documenti e per loro tutto ok.

 

Ora rimane solo eventuale problema del regolamento di condominio........

 

Comunque se servisse potrei facilmente trasformarlo in C1 ma a detta dei vigili non cambia nulla o A10 o C1 nei locali ex magazzino possono starci le persone e se uno vuole puo anche farci il magazzino, ovvio che e' sprecato un A10 per farci il magazzino

 

- - - Aggiornato - - -

 

Ma poi stessa attivita e stesso proprietario da 19 anni..........

 

Questo dimostra che pregiudizi non ne creiamo, ci sarebbe solo da valutare la frase del regolamento di condominio del 1940 peraltro mai depositato e mai trascritto e forse ma dico forse allegato alla prima compravendita.

 

Basterebbe che lo vendo a una nuova societa senza richiamare il regolamento ed i giochi sarebbero fatti anche se penso che pure cosi non avrei problemi

×