Vai al contenuto
fralo52

Regolamento di condominio. Inosservanza

Salve a tutti.

Chiedo aiuto al forum, che ringrazio anticipatamente, di come risolvere un problema

che da anni affligge il ns/ condominio. In pratica parecchi articoli del ns/ regolamento

di condominio, del tipo contrattuale, vengono inosservati dalla maggioranza dei

condomini, come ad esempio:

Art. 6/Cap.3 E' vietato tenere animali, tranne uccelli, cani di piccola mole o gatti, purchè non turbimo la

quiete degli altri inquilini. In nessun caso però, possono essere tenuti sui balconi o lasciati

liberi per le scale, androne portone o le terrazze.

Invece vengono tenuti animali di grossa taglia e diversi condomini ne hanno 2 e forse qualcuno addirittura tenuto sul balcone.

Art. 9/Cap.3 E' rigorosamente vietato stendere la biancheria su tutti i prospetti del fabbricato. E' invece

consentito l'uso del lastrico solare comune.

Art. 20/Cap.2 Sulle ringhiere dei balconi e sulle finestre è vietato installare stenditoi aggettanti per evitare lo

stillicidio delle acque di biancheria nei piani sottostanti. E' consentito invece stendere la stessa

all'interno dei balconi.

Invece vengono usati stenditoi aggettanti sui balconi.

Art. 18/Cap.2 E' fatto divieto ai proprietari dei giardini antistanti gli appartamenti di piano rialzato, di effettuare

piantagioni di alberi da frutto, in quanto è consentito solo la piantumazione di alberi ornamentali

a basso fusto e di aiuole.

Invece ci sono piantagioni di alberi da frutto.

Art. 2/Cap.2 E' assolutamente vietato parcheggiare autovetture o simili nell'area interna destinata a solo

corsia di scorrimento.

Invece tutti parcheggiano.

Ed altre inosservanze ancora. Il ns/ amministratore tace e non fa nulla per risolvere pur conoscendo le suddette

situazioni. Come risolvere????

Come fai a sapere che non fa nulla?

Potrebbe aver sollecitato richiamando all'ordine e non aver sortito effetto...

Tu cosa faresti o cosa ti aspetteresti venisse fatto e come?

ti rechi dall'amministratore e chiedi di vedere i vari interventi effettuati nei confronti dei condomini inadempienti...

Quello che hai scritto a noi,lo fai presente all'amministratore con una comunicazione RR.

Nel caso che non si attiva...

-------------------------------------

CASS. 26 GIUGNO 2006, N. 14735. La S.C. ha ritenuto che un amministratore dovesse rispondere del proprio operato negligente e omissivo in quanto non aveva applicato le sanzioni,previste dal regolamento,in caso di inosservanza dello stesso da parte dei condomini. La violazione era consistita nel mancato rispetto degli orari di scuotimento di panni e tovaglie e per la battitura dei tappeti. È stato,infatti, osservato che “al fine di attivarsi per far cessare gli abusi l’amministratore non necessita di alcuna previa delibera assembleare, posto che egli è già tenuto ex lege (art. 1130, comma 1, n. 1 c.c.: ex plurimis, cfr. Cass. n. 14088/1999; Cass. n. 9378/1997) a curare l’osservanza del regolamento del condominio al fine di tutelare l’interesse generale al decoro, alla tranquillità e all’abitabilità dell’edificio; ed è altresì nelle sue facoltà, ai sensi dell’art. 70 disp. att. c.c., anche quella di irrogare sanzioni pecuniarie ai condomini responsabili di siffatte violazioni del regolamento (Cass. n. 8804/1993): ove lo stesso – come del resto nella specie accertato dai giudici di appello –preveda tale possibilità”.

 

--link_rimosso--

 

https://www.eius.it/giurisprudenza/2006/072.asp

Peccato che nel frattempo le cose sono cambiate , L' amministratore non ha più' la facolta' di irrogare sanzioni .(facolta' adesso posta a carico dell'assemblea)

 

- - - Aggiornato - - -

 

Art 70 dacc

 

Per le infrazioni al regolamento di condominio può essere stabilito, a titolo di sanzione, il pagamento di una somma fino ad euro 200 e, in caso di recidiva, fino ad euro 800. La somma è devoluta al fondo di cui l'amministratore dispone per le spese ordinarie. L'irrogazione della sanzione è deliberata dall'assemblea con le maggioranze di cui al secondo comma dell'articolo 1136 del Codice.

Però,la violazione di un amministratore che dorme,invece di attivarsi e rispettare il cc. e far regolamento,è rimasta.

×