Vai al contenuto
simopre

Gatto che va dal vicino

Sicuramente; anche per la signora che minaccia di ucciderti il gatto, e che sbatte i panni fuori dal suo balcone, cosa che se abiti a Roma è vietato dal regolamento di Polizia urbana.

D'altra parte nel tuo post d'esordio, mi pare esordissi chiedendo in merito alla possibilità di rivolgerti alla polizia locale.

Ma la polizia locale anche per l'eventuale proprietario del gatto.

"Manco fossero leoni". Ma se gli danno fastidio gli odori dell'urina, avrà diritto a non sentirli? E te lo dice uno che cura una colonia felina.

Grazie Efisio! Tenterò ancora.....solo che ora dovrò stare ancora piu' accorto perchè (spero spesso) circolerà per casa la mia neonata NIPOTINA (circa 3 mesi) a cui non vorrei proprio rovinare l'olfatto riempendola di odori cattivi o irritandola col pepe. Ma torniamo al pepe : deve essere macinato? Quanto ne debbo passare? Insomma, debbo lasciare una striscia nera davanti al portoned e tutt'intorno al perimetro del patio? Che mi consigli?

Chiedo ancora al FORUM: non esiste nulla di legale per OBBLIGARE (ripeto OBBLIGARE) chi detiene ed e' proprietario di gatti a tenerseli stretti in casa? Se li ama, che se li....godesse fino in fondo!Almeno nel mio condominio, ogni forma ,anche quella leggermente impositiva, non ha sortito risultati ed io non ne posso più di vivere tra barriere di plastiglas, bottiglie piene d'acqua e gatti, a cui, neanche più la mia presenza, fa paura. Messi a distanza, ti guardano , ti controllano e ti lasciano fare tutti gli sberleffi che vuoi senza......allontanarsi neanche di un millimetro. Riguardo ai topi : premesso che non ne ho visti in zona (ne' vivi ne' morti), ho seri dubbi che gatti cosi' viziati, satolli e grassi abbiano la volontà di mettersi alla loro caccia. Preciso un'ultima cosa: oltre ai gatti, debbo sopportare mia moglie, che allergica agli animali, mi rompe sempre ritenendo che non faccia mai abbastanza per cacciarli dal nostro "dominion".

Grazie ancora per la pazienza che avete con me!

 

Scritto da Portofino il 09 Set 2012 - 15:48:52: Grazie Efisio! Tenterò ancora.....solo che ora dovrò stare ancora piu' accorto perchè (spero spesso) circolerà per casa la mia neonata NIPOTINA (circa 3 mesi) a cui non vorrei proprio rovinare l'olfatto riempendola di odori cattivi o irritandola col pepe. Ma torniamo al pepe : deve essere macinato? Quanto ne debbo passare? Insomma, debbo lasciare una striscia nera davanti al portoned e tutt'intorno al perimetro del patio? Che mi consigli?

Chiedo ancora al FORUM: non esiste nulla di legale per [...]

caro Portofino, no non esiste legeg che ti obbliga a tenere animali segregati dentro casa e anzi chi fosse a conoscenza di animali a catena e/o ingabbiati in una condizione etologica non adatta a loro, faccia subito segnalazione ai carabinieri. Come hai diritto di prendere una boccata d'aria tu e tua moglie, ce l'hanno anche loro.

Vuoi eliminare il problema urina?? sulle porte? devi togliere qualunque cosa hai messo in terra, tipo zerbino, straccetto o quant'altro sia intriso di odore di urina e spruzzare acqua e aceto, fino a quando saranno dissuasi dal marcare la zona. La specie felina và studiata, non uccisa, minacciata o legalmente relegata in casa. Comprati dei libri e studia !!! ci sono rimedi a tutto. per esempio puoi chiedere al proprietario se i gatti sono sterilizzati, maschi compresi. Solo 1 gatto maschio su 10 sterilizzato marca ancora il territorio . La marcatura è un fatto ormonale. questi animali non ti detestano, seguono il loro istinto ! se ritieni di essere perseguitato da loro rivolgiti a uno spicologo, perchè soffri di "felino-fobia" una malattia molto comune e che può essere combattuta semplicemente DOCUMENTANDOSI sull'argomento.

Volevo aggiungere che giorni fà c'è estata la riunione di condominio nel mio palazzo. L'amministratore ha tappato la bocca a tutti coloro che pretendevano di segregarmi in casa coi miei 10 gatti e ci ha sbalorditi con l'ammissione che le reti da applicare ai divisori del balcone io le avrei potute mettere senza chiedere permesso a nessuno. Se qualcuno avesse avuto rimostranze sull'estetica della facciata avrebbe potuto rivolgersi solo al giudice di pace che è l'unico che ha titolo per dire se una facciata è "decorosa" o meno.

Il vicino che si è permesso di dire che il randagismo l'ho inventato io e che lì gatti non ne giravano (coi pianerottoli tutti aperti ) ha dovuto mettere la pippa in sacco. Chiaro che i randagi non escono a farsi vedere da lui, ma girano spesso di notte e mai alla presenza di persone, quindi se riteneva che fossero i miei gatti tutti rigorosamente sterilizzati a pisciargli sulla porta, mi deve portare delle PROVE concrete. Può anche chiamare i RIS di Parma se crede. Ma le notti in cui ho tenuto i miei gatti in casa, quello le pisciate se le trovava comunque sulle porte. Dunque ???? prima di sparare a raffica su animali innocenti, informiamoci per cortesia, documentiamo se vogliamo avere ragione. Primo: i gatti del vicino sono TUTTI sterilizzati? sono loro che fanno pipì? o ci sono animali anche altri animali liberi che girano? Un conto è il fastidio, un conto è il pregiudizio e l'ignoranza. Io vorrei che la gente segregasse i figli in casa, perchè li lascia liberi di giocare a pallone nell'alndrone condominiale a rischio che qualcuno si prenda una pallonata sul naso...ma logicamente ciò non è fattibile e dunque sopporto. Vivo in una cominità e sopporto, semplice. basta un pizzico di civiltà e istruzione.

RIMEDI CONTRO LE PIPì DI GATTO SULLE PORTE:

 

COSE DA NON FARE: non mettete bottiglie d'acqua perchè funzionano solo il primo giorno, quando il gatto si accorge che sono oggetti inanimati iniziano a incuriosirsi e si avvicinano ancora di più, specie i cucciolotti che vogliono giocare.

Non usate sostenza come ammoniaca o candeggina nel tentativo di "disinfettare", perchè hanno la stessa composizione dell'urina e attirano il gatto.

Non mettete sostanze tossiche perchè siete perseguibili penalmente, idem vale per le trappole.

Non lasciete in terra straccetti, zerbini o qualunque cosa rimanga intrisa degli odori felini.

 

COSE DA FARE: chiedete al proprietario del gatto se lo conoscete, se l'animale è sterilizzato, se no, suggeritegli la castrazione e/o la sterilizzazione in caso di femmine, primo per arginare le nuove nascite, secondo perchè i gatti sterilizzati marcano il territorio in rapporto 1/10 rispetto ai gatti non sterilizzati.

Allontanaleteli lavando le zone colpite con disinfettanti naturali tipo l'aceto o il mentolo. Gli odori forti sono a loro sgraditi e coprono gli odori ormonali. Continuate giornalmente a spruzzare acqua e aceto (il costo è davvero minimo) , fin quando l'animale dimenticherà quella zona. Il gatto è un abitudinario, và disabituato.

Se li vedete e sono domestici tenetevi a diposizione una di quelle pistolette per spruzzare l'acqua, i gatti odiano essere bagnati. Se gli animali sono randagi , marcheranno alla notte e non si faranno vedere dagli umani, in quel caso spruzzate abbondante acqua e aceto, valutate se è presente una colonia felina e se la asl si stà già attivando a sterilizzare. Se no, segnalate il caso a un'associazione di zona che si occupa di colonie feline e fatevi spiegare e/o aiuatre a risolvere il problema.

MAI parlato di urina di gatto! Assolutamente mai!

La signora si lamentava solo che il gatto passeggiava sulla ringhiera del balcone.

Scritto da simopre il 09 Set 2012 - 21:15:34: MAI parlato di urina di gatto! Assolutamente mai!

La signora si lamentava solo che il gatto passeggiava sulla ringhiera del balcone.

 

perfetto allora il problema è ancora più semplice.

Se i balconi non sono intercomunicanti-->ignorala.

se i balconi sono comunicanti come nel mio caso e separati solo da una griglia in ferro con maglie larghe che ne consentono il transito, puoi mettere tu delle reti fino al soffitto. O quelle trasparenti della zooplus oppure i normali reticolati che vendono per il giardinaggio nei negozi di Hobbistica.

La signora non potrà contestartele e nemmeno il resto del condominio. Qualora qualcuno ti dovesse dire che non piacciono esteticamente deve rivolgersi a un giudice di pace, il semplice amministratore non basta.

 

Altra cosa, se invece questa signora inveisce di continuo e ti infastidisce puoi farla anche richiamare da Sindaco. E' sufficiente che chiedi appuntamento con lui e convocherà entrambe le parti per iscritto. Se la sig.ra non volesse presentarsi (non è obbligata a farlo) a quel punto solo il giudice di pace può intervenire e quello emette sentenza, chi c'è c'è. Diciamo che il sindaco è l'alternativa alla querela giudiziaria. Magari ha solo bisogno di sentirselo dire da un'autorità pubblica che deve smetterla.

Cmq fai il tuo passo, o la prendi lì e le dai una bella sgridata seria...dipende come è la situazione, se è un'anziana, se ha problemi psichici...insomma valuta il caso.

L'importante è che non decida di avvelenarti il gatto, corri ai ripari prima, è sempre meglio. Vivrai più sereno anche tu.

@simopre: il riferimento all'urina riguardava il post di Portofino, non mi sembra fosse difficile capirlo.

 

@portofino: il pepe va usato macinato. Quello nero nella boccetta di vetro venduto a 70c in quel discount è ottimo. Se avrai la nipotina in casa sicuramente è meglio distribuirlo solo dove la piccola non andrà. Recinzione, piante e terra vicino. Rinnovando la dispersione in caso di pioggia.

 

Dopo una prima risposta che mi è parsa un tantino aggressiva, Virgolotto è decisamente sceso ad un tono più collaborativo in un immediato e successivo intervento, dandomi - a mia parere e a sanatoria della mia ignoranza in tema di gatti e di ...minzioni - valide soluzioni che quindi, si aggiungono a quelle di Efisio (grazie di cuore per le precisazioni!). Ovviamente ringrazio ancora entrambi per essere tornati in argomento per la soluzione della mia problematica. Ciò premesso, chiedo ancora agli stessi: pepe e aceto funzionano anche per un utilizzo in giardino? Mi spiego meglio: al rientro da un periodo prolungato di assenza da casa, ho notato che i "vostri" amici felini hanno adottato alcuni punti del mio giardino a loro (quasi) stabile dimora, dimora dalla quale mi guardano con aria di sfida e non certo di timorosa riverenza.Posso usare anche in quei punti, aceto e/o pepe? O l'eventuale uso, oltre a rovinarmi l'erba, si confonde e si disperde tra gli altri odori del terreno senza sortire l'effetto desiderato? Immagino che pepe/aceto abbiamo particolare effetto per il patio e per il granito che ho dinnanzi alla porta ma nutro dubbi per il giardino.A Virgolotto, poi, dico un altro grazie per il suggerimento finale : rivolgermi ad un'associazione di..."filo gattinari". A quella sinceramente non avevo pensato ma credo che il problema come accennato stia anche nell'incoscenza di qualche condomino. Infatti, la presenza di gatti condominiali e NON e' certamente favorita dal fatto che "anonimi" lascino avanzi di cibo per gatti abbandonati nelle vicinanze (anche di casa mia ma ..non nella mia proprietà),attirando -a mio dire- anche presenze randagie. A Virgolotto (ancora a lui!) offro una buona camomilla unitamente alla conferma che la tentazione di comprarmi un...flobert rimane ma che non lo farò, tentando ora con pepe ed aceto. Buona giornata!

Scritto da Portofino il 12 Set 2012 - 10:04:13: Dopo una prima risposta che mi è parsa un tantino aggressiva, Virgolotto è decisamente sceso ad un tono più collaborativo in un immediato e successivo intervento, dandomi - a mia parere e a sanatoria della mia ignoranza in tema di gatti e di ...minzioni - valide soluzioni che quindi, si aggiungono a quelle di Efisio (grazie di cuore per le precisazioni!). Ovviamente ringrazio ancora entrambi per essere tornati in argomento per la soluzione della mia problematica. Ciò premesso, chiedo ancora agli [...]

hahaha , ok Portofino, vero che difendo la causa felina a oltranza...ma forse è una mia deformazione professionale perchè faccio la volontaria e mi occupo proprio di colonie feline... e randagismo in generale, anzi vorrei quasi aprire un bel post, con delle maggiori precisazioni, così che molti possano approciarsi all'argomento più "coscienziosamente" e non dare la colpa ai vicini di casa o al "fato" se esiste il problema del randagismo... avevo anche postato le cose "da fare" e da "non fare" in caso di pipì di gatto sulle porte, ma non lo trovo più...

Cmq informati alla ASL della tua zona, loro hanno i nominativi delle associazioni che operano sul territorio, oppure delle "gattare" free lance, ma in ogni caso anche un comune cittadino può registrare una colonia felina alla ASL, che gli presta anche le gabbie da cattura, gli dà appuntamento per le sterilizzazioni e sterilizza gratuitamente (solo i randagi ovviamente). Bisogna solo armarsi di tanta pazienza. Conosco una ragazza che prendeva i gatti e li portava nel bosco... ditemi voi che senso ha... primo non risolveva il problema, in quanto le femmine gravide erano lì ancora, secondo se ti devi già fare lo sbattimento di catturarli tanto vale che li porti alla asl, così non rischi di scadere nella illegalità.

Ma la gente vuole sempre fare di testa propria, non riconosce l'esistenza di un problema, non vuole trovare soluzioni "civili" per risolverlo.

Sono molte le persone che danno da mangiare ai randagi - e tanto di cappello - ma il problema è che fanno più male che bene. Primo perchè non sterilizzano, favorendo la nascita di nuove cucciolate, secondo perchè favoriscono anche epidemie di FIV e FELV (aids felina e leucemia felina) . Nelle colonie randagie la mortalità dei cuccioli è del 95%, una cifra altissima. Muoiono per lo più di infezioni, freddo, malnutrizione e malattie virali. I cadaveri non seppelliti portano malattie come ben saprete. In una colonia da me gestita avevano i cuccioli morti che quando pioveva scendevano dagli scarichi d'acqua, ho dovuto chiamare urgentemente il veterinario ASL. Queste persone avevano file di bottiglie d'acqua fuori dalle porte e fingevano di non vedere il problema. Ho sterilizzato 6 femmine gravide nell'arco di 4 mesi e recuperato 9 cuccioli che sarebbero morti di stenti, qualcuno ho dovuto seppellirlo. Se il randagismo esiste ed è una realtà è perchè il menefreghismo della gente è all'apice, inoltre molti di questi animali sono randagi perchè vittime di abbandoni estivi. Noi ce ne accorgiamo perchè vediamo quanto sono affettuosi e si avvicinano senza timore agli esseri umani. Spesso chi ha un gatto privato non lo sterilizza e dubito che riesca a dare poi in adozione tutti i cuccioli, li abbandona, è la via piu facile.

Ci vorrebbe una legge ad-hoc che obbliga alla sterilizzazione chiunque possieda un animale meticcio. Le associazioni spesso hanno come clausola nei moduli di adozione "l'obbligo alla sterilizzazione". Io stessa ho bocciato delle adozioni perchè chi prendeva il gatto non voleva sterilizzarlo. Sterilizzare è fondamentale al controllo delle nascite e delle epidemie.

C'è ancora tanta ignoranza sull'argomento , purtroppo. Per esempio ci sono delle "gattare" che si occuperebbero volentieri e a titolo gratuito di gestire le colonie dei condomini, ma spesso la gente è talmente piena di pregiudizi che non vuole interventi esterni. Ti guardano in cagnesco solo perchè sei dalla parte degli animali. Ogni gattara è dalla perte degli animali che sono le vere vittime di queste situazioni e posso garantire che se si interessano a "mettere mano" in una colonia che si trova su un suolo privato , lo fanno SOLO perchè ci sono dei cuccioli da proteggere. Se invece di gatti ci fossero coccodrilli non muoverebbero un dito.

Cmq un buon amministratore dovrebbe essere il primo che in assemblea condominiale propone l'intervento di un'associazione che tutela le colonie, proprio perchè l'associazione agisce in legge e si occupa di sterilizzare. E se le persone fossero un minimo coscienziose , ben sapendo che queste associazioni sono ONLUS, potrebbero anche fare qualche "offerta". In fondo tutelando gli animali, tutelano anche le persone, ripuliscono le strade e limitano il diffondersi di malattie anche trasmissibili all'uomo. In pratica l'Italia è carente di informazione già da parte delle autorità competenti.

Purtroppo l'atteggiamento dei comuni nei confronti dei diritti animali è molto variabile. Anche perchè i grandi comuni spesso hanno un loro regolamento e perchè le finanze non sono floride ovunque.

Ci sono molti volontari e purtroppo non tutti sono rispettosi dei regolamenti. Ad esempio, in certi comuni è consentito alimentare i randagi anche in spazi di proprietà, ma non vanno assolutamente lasciati residui di alimenti. Unicamente l'acqua.

Ovvero: il volontario deve togliere immediatamente i residui quando le bestiole hanno finito.

Poi c'è chi non lo fa e sbaglia.

Detto questo, mi fa sorridere che in Italia tolleriamo:

-un senatore che si imberta 13mln. "perchè gli servivano"!

-membri di alcuni consigli regionali che guadagnano più di Obama;

-un servizio di nettezza urbana che in molti comuni fa semplicemente pietà;

-chi costruisce o ha costruito ecomostri e poi è pure riuscito a sanarli;

-che ad un anno dalle tragedie delle alluvioni in Liguria ancora non sappiamo se la situazione sia migliorata;

-che contro il disastro idrogeologico possiamo solo incrociare le

dita;

-che magari nel condominio siamo costretti a tollerare un amministratore farabutto perchè la maggioranza è inerte,

(e si potrebbe andare avanti),

ma poi ci inalberiamo per un pugno di croccantini o per la gattara che lascia una vaschetta di stagnola?

@Portofino: l'aceto nuoce sicuramente al granito e all'erba. Il pepe no, basta aver cura di rinnovarlo dopo una pioggia.

Ti assicuro che ha scoraggiato in 2 posti diversi pure i merli che razzolavano in mezzo alla pacciamatura di corteccia buttando tutto all'aria.

Un'altra volta ho fatto un decotto molto concentrato usando dei peperoncini. Ho lasciato decantare, filtrato e spruzzato con uno spruzzetto che deve essere privo di altri odori. La capsacina è a volte pure più pungente e col veicolante acquoso si diffonde anche meglio.

 

Scritto da efisio il 12 Set 2012 - 15:06:04: Purtroppo l'atteggiamento dei comuni nei confronti dei diritti animali è molto variabile. Anche perchè i grandi comuni spesso hanno un loro regolamento e perchè le finanze non sono floride ovunque.

Ci sono molti volontari e purtroppo non tutti sono rispettosi dei regolamenti. Ad esempio, in certi comuni è consentito alimentare i randagi anche in spazi di proprietà, ma non vanno assolutamente lasciati residui di alimenti. Unicamente l'acqua.

Ovvero: il volontario deve togliere immediatamente i [...]

vero efisio, in molti comuni i vigili sono inadempienti. Io per occuparmi di una colonia in pieno centro storico ho fatto 9 strade per avere la firma del Comandante dei Vigili, che mai era reperibile. La vice comandante mi dissuadeva dal procedere in quanto il suolo era "terreno privato", mentre la legge parla chiaro sull'argomento. Mi ha anche detto "lei non può FARE una colonia felina a casa degli altri"...come a dire che la colonia la facevo nascere io !!! . Dopo averle spiegato che mi sarei recata dai carabinieri per denunciare il maltrattamento che questi animali subivano a causa dell'inadempienza del Comune (che occorre ricordarlo è il proprietario degli animali randagi che calpestano il suolo comunale) , la signora si è data da fare a far firmare il modulo su cui la ASL aveva già messo i timbri. Ecco perchè dico che quando un condominio ha problemi coi gatti DEVE e PUO' assolutamente pretendere che le ASL e i comuni se ne prendano oneri e onori. ...e non dare la caccia agli animali, prenderli e sbatetrli in un bosco, prendere cuccioli e buttarli nei cassonetti, fare guerra ai vicini di casa che per pietà gli buttano una maciata di crocchette. E' ora che la gente si informi, prenda in mano le situazioni e pretenda che le autorità facciano la loro parte, così come è previsto dai regolamenti regionali. Guai se un servizio veterinario ASL si rifiutasse di trasportare e incenerire una carcassa di cane in mezzo a una strada, è questione di sanità pubblica, seppellire cadaveri e limitare epidemie. Da noi qui al nord ma anche al centro le cose funzionano abbastanza, ma al SUD tutti se ne lavano le mani e poi hanno i branchi di randagi che attaccano la gente. Sinceramente mi sento di dire "ben gli stà".

...tornando in argomento.... sì , l'aceto credo sia un tantino corrosivo, potrebbe nuocere alle superfici, però forse diluito con acqua è meno aggressivo e può essere spruzzato sulle porte e sulle finestre. Se qualcuno ha l'orto da proteggere, ma anche dagli uccelli, gazze , ecc... può in alternativa fare una mini-recinzione anche in orizzontale (una specie di coperchio) con della comune rete da giardino. Per il prato è sufficiente qualunque sostanza di origine vegetale, credo che tutte le spezie "piccanti" vadano bene, purchè abbiano un odore forte e pungente. Normalmente i gatti preferiscono fare i loro bisogni sul terreno morbido, perchè scavano e per istinto seppelliscono i loro escrementi, sono animali molto puliti, a meno che non abbiano problemi comportamentali che li portano a sporcare dove non devono.

Altra cosa , quando si mette fuori l'umido è bene chiudere i coperchi, qui da noi il comune distribuisce bidoncini che si chiudono spostando il manico in avanti, così se un gatto randagio tenta di aprirli non ci riesce. E immancabilmente c'è sempre chi non ha ancora capito che il bidoncino è stato inventato apposta proprio a questo scopo.

Ciao. Proprio questa sera il mio vicino ha minacciato di uccidere il mio gatto se non lo toglievo dal cortile. La cosa che ti consiglio di fare è quella di denunciare tutto alla polizia ( lo farò anch'io ), visto che uccidere o minacciare di morte un animale è reato, e si può avere una multa o una reclusione da 2 mesi a 4 anni. Spero di essere stato di aiuto

CubeGamer49 dice:

Ciao. Proprio questa sera il mio vicino ha minacciato di uccidere il mio gatto se non lo toglievo dal cortile. La cosa che ti consiglio di fare è quella di denunciare tutto alla polizia ( lo farò anch'io ), visto che uccidere o minacciare di morte un animale è reato, e si può avere una multa o una reclusione da 2 mesi a 4 anni. Spero di essere stato di aiuto

forse il problema l'hanno risolto, visto che la discussione risale al 2012

JOSEFAT dice:

forse il problema l'hanno risolto, visto che la discussione risale al 2012

Non me ne sarò accorto no?

Ospite
Questa discussione è chiusa.
×