Vai al contenuto
Ludwig

Controllo telecamere private

buongiorno, ho cercato un po' qui sul Forum ed anche in rete ma non sono riuscito a trovare delle risposte al seguente quesito:
uno dei nostri condomini ha installato sui balconi del suo appartamento delle telecamere private per fini di sicurezza senza chiedere alcuna autorizzazione al condominio e senza avvisare nessuno.
Naturalmente sappiamo  che tali telecamere non possono inquadrare né zone di proprietà privata altrui né zone relative a parti comuni nel caso in cui il transito su tali parti comuni renda di fatto riconoscibili le singole persone.
Ciò premesso, e a prescindere dalle affermazioni verbali del condomino che ha installato le telecamere, in che modo il condominio può acquisire la certezza del corretto puntamento delle telecamere? in altre parole esiste un diritto del condominio di far controllare, magari a sorpresa, il corretto puntamento delle telecamere private? a chi eventualmente bisogna rivolgersi? quali sono gli eventuali costi?
Grazie

Recentemente il Garante ha notevolmente liberalizzato l'installazione di telecamere in condominio, come ad esempio videosorveglianza su aree di pubblico transito/condominio", risulta essere la L. 18/04/2017 n. 48, che va a riguardare le "disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città".

 

https://www.condominioweb.com/telecamere-condominio.15352#ixzz5oXwPXUEo
 

Potrai leggere: Condomini che vorranno riprendere porzioni dell'area pubblica di proprio interesse, potranno mettere a disposizione dei comuni i propri impianti perdendo completamente la disponibilità delle immagini, ma al contempo valorizzando la conservazione delle stesse per almeno sette giorni e regolarizzando la ripresa di eventi in zone soggette a pubblico passaggio...

Nel Forum ne abbiamo parlato centinaia di volte, basta usare il tasto "Cerca" in alto alla pagina.

 

Per i riferimenti giurisprudenziali collegati al nostro link:

 

https://www.condomini.altervista.org/GarantePrivacyTelecamere.htm
 

Ludwig dice:

uno dei nostri condomini ha installato sui balconi del suo appartamento delle telecamere private per fini di sicurezza senza chiedere alcuna autorizzazione al condominio e senza avvisare nessuno.

Scusa ma se una persona si affaccia dal proprio balcone può  guardare ciò che è visibile ad occhio nudo oppure gli è vietato guardare il cortile o l'appartamento di fronte se la finestra è aperta?

 

Quella che è vietata è la divulgazione a terzi di ciò che è privato ma non è con questa Legge sulla Privacy ci si può appellare a qualsiasi cosa.

 

si è vero, ne avete parlato centinaia di volte del problema telecamere private, ma una risposta precisa e pertinente alla mia domanda non sono riuscito a trovarla né qui sul Forum né in rete, e cioè:
quale autorità, in quali casi, e con quali modalità esecutive,  ha il potere di imporre una verifica tecnica  finalizzata al controllo  dell'effettiva inquadratura delle telecamere di sicurezza installate privatamente da un condomino senza alcuna autorizzazione assembleare e senza alcun cartello di avviso ai condomini.

 

Ludwig dice:

quale autorità, in quali casi, e con quali modalità esecutive,  ha il potere di imporre una verifica tecnica  finalizzata al controllo  dell'effettiva inquadratura delle telecamere di sicurezza installate privatamente da un condomino senza alcuna autorizzazione assembleare e senza alcun cartello di avviso ai condomini

Non ne hai trovate perchè non ne esistono.

Nessuna autorità mi può impedire di riprendere dal mio balcone tutto ciò che è visibile dalla mia proprietà.

Quello che non posso fare è entrare in una proprietà privata e riprendere senza il consenso del proprietario.

Si pensi ad un acquitente che va a visitare la casa fittata.

L'acquirente, mentre è in casa dell'inquilino, non può riprendere l'appartamento senza il consenso dello stesso.

e allora di fatto tutto questo casino di leggi sulla privacy a cosa serve? ognuno è libero di riprendere dal suo balcone chi vuole, quando vuole, compreso le aree private altrui (giardini ecc.), tanto nessuno potrà mai controllare che cosa ha effettivamente registrato la telecamera privata. Roba da pazzi. ma cosa ci sta a fare il garante della privacy? tanto vale che vada a buttare sassi nel Tevere da Castel sant'Angelo...
fra l'altro  mi risulta che l'installazione di telecamere da parte del condominio (o del privato) è autorizzata a scopo di sicurezza, e non certo per spiare gli spogliarelli della vicina in giardino.... ma se nessuno può effettuare un controllo a sorpresa e chiedere conto di cosa esattamente contengono le immagini, allora di fatto siamo nel far west, dove ognuno fa esattamente quello che vuole, come vuole e quando vuole....

per tentare di dare una risposta a quesito che avevo posto ho indirizzato una mail al Garante della Privacy per conoscere il suo parere. In sostanza mi hanno risposto che se una persona (in questo caso i condomini) hanno motivo di pensare che i loro diritti di privacy siano violati possono fare due cose:
a) chiedere a chi si presume che stia violando la privacy di permettere un controllo (in questo caso un controllo tecnico del puntamento delle telecamere, della presenza o meno di immagini registrate ecc)
b) in caso di rifiuto compilare l'apposito modulo predisposto dal Garante della Privacy ed inoltrarlo all'ufficio competente; sarà poi il Garante ad intervenire nel modo più opportuno valutando la situazione caso per caso....

×